Vacanze sicure 2019: un'auto su dieci ha le gomme lisce

Puntuale, come ogni anno, l'iniziativa della Polstrada, che in collaborazione con Assogomma e Federpneus ha effettuato oltre 10mila controlli e riscontrato numerose anomalie

L'estate 2019 è ormai entrata pienamente nel vivo: milioni di italiani si stanno riversando su strade e autostrade del Belpaese per raggiungere le tanto agognate mete delle loro vacanze. Ed insieme al massiccio esodo dei nostri connazionali ecco puntuale il resoconto della Polstrada, che da ben 16 anni si occupa di effettuare indagini a campione con la nota operazione "Vacanze sicure". Ricerca che gli uomini della polizia hanno curato insieme ad Assogomma e Federpneus, due associazioni che si occupano dettagliatamente degli pneumatici, elementi fondamentali per la sicurezza alla guida ma che a quanto pare non vengono curati da tutti con l'attenzione che meritano.

Da maggio a giugno 2019 la Polstrada ha effettuato oltre 10mila controlli in sette Regioni italiane (Valle d’Aosta, Piemonte, Toscana, Umbria, Lazio, Marche, Puglia), scoprendo che il 50% delle vetture fermate non aveva gli pneumatici gonfiati alla giusta pressione. Il 9%, inoltre, aveva gomme “lisce”, dunque con un battistrada inferiore agli 1,6 mm che impone la legge e quindi molto meno efficaci su fondi bagnati; in alcune Regioni la percentuale ha raggiunto però il 20.

Oltre all'eccessiva usura, dai controlli è emerso anche che il 4,5% delle auto fermate aveva pneumatici non omogenei, il 2,7% montava gomme non conformi alla carta di circolazione, il 3,3% aveva pneumatici non omologati. Il 4,4% degli automobilisti invece è stato pizzicato dagli agenti a guidare auto con coperture visibilmente danneggiate.

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 15/07/2019 - 23:06

maggiori controlli faccia la polizia e mettere un bollino con data sulle targhe come c'è in Germania e ogni mese di ritardo la multa aumenta così è in Germania.