"Valanga come una bomba" Si scava ancora tra la neve

La testimonianza di un superstite: "Mi sono trovato i pilastri addosso". I soccorritori: "Forse altri superstiti"

''La speranza di trovare ancora persone vive dopo la valanga c'è sempre perché quelle condizioni tecniche difficilissime possono aver dato luogo a condizioni molto particolari''. Il Capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio non ha perso la fiducia. E anche gli latri soccorritori non chiudono all'ipotesi di trovare qualcuno ancora vivo sotto le macerie dell'hotel Rigopiano. "Ci sono ancora speranze di trovare qualcuno vivo", dicono gli operatori che si trovano sul posto. Intanto il numero dei dispersi sale a quota 24. I superstiti restano finora 11, mentre le vittime sono 5. E c'è chi tra i sopravvissuti racconta quella terribile esperienza.

Uno di questi è Vincenzo Forti, superstite insieme alla fidanzata Giorgia Galassi: "È stata una bomba, mi sono ritrovato i pilastri addosso. Ero seduto sul divano e i pilastri sono scivolati in avanti tagliandolo in due. Ci siamo salvati per questo. Io sono rimasto senza scarpe. Indossavo i leggings che mi aveva prestato la mia fidanzata. In un attimo ci siamo ritrovati in tre in un metro quadrato. Ci siamo abbracciati, nutrendoci di neve. La paura è stata tanta e abbiamo pregato". "Ho sperato fino all’ultimo che mio fratello fosse vivo - ha spiegato Massimiliano Giancaterino, ex sindaco di Farindola e fratello di Alessandro, il cameriere dell’albergo tra le vittime della tragedia - Anche un minuto prima di riconoscerlo. Fino all’ultimo egoisticamente ho sperato che il suo portafogli fosse finito accanto a un altro corpo, ma poi mi è piovuta addosso la realtà durissima". "Conoscevo benissimo quella zona - ha aggiunto parlando a L’Arena di Massimo Giletti - e la vedo dalle mie finestre. Non è una zona dove di solito vengono le slavine. Anche gli anziani della zona parlano di una slavina che si è abbattuta su una zona non lontana ma moltissimi anni fa. Ho lavorato anch’io nell’hotel, mentre facevo l’università, quando la struttura era poco più che una pensione ed era un posto bellissimo, ma è stato tutto ristrutturavo nel 2008 e ritenevo fosse una struttura solida".

Commenti

acam

Dom, 22/01/2017 - 16:26

" è stato tutto ristrutturavo nel 2008 e ritenevo fosse una struttura solida". a chi ha scritto e pensato questa fras voglio ricordare che per progettare una struttura solida pe 120000 tonnellate bisognerebbe costruirne una di Almeno 240000... quello che bisognava prevedere éra il lugo di costruzione della struttura che fosse tanto lontano dalla parere tanto da impedire che le 120000 tonnellate di arrivassero, questo si era possibilissimo ma l'ingordigia spesso fa venire l'indigestione

antonmessina

Dom, 22/01/2017 - 16:43

ma han cercato anche nelle auto parcheggiate e sommerse di neve?

al43

Dom, 22/01/2017 - 17:34

Se fossi il Presidente del Consiglio mi presenterei alle camere e direi: "Signori, è tutto annullato. da oggi si parla solo di come potenziare ed organizzare una struttura di pronto intervento in tutte le regioni italiane. I fondi saranno destinati ad acquisire moduli abitativi e macchinari da tenere in depositi dislocati sul territorio e sotto l'egida della protezione civile opportunamente riorganizzata e finanziata. Tutto il resto viene derubricato al secondo livello" e mi metterei a lavorare con tutte le forze su questo progetto.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Dom, 22/01/2017 - 17:44

''La speranza di trovare ancora persone vive dopo la valanga c'è sempre'' -- Sono passati due giorni da quando si sono ubriacati di gioia nel tirar fuori il primo bambino e la donna, che nel vederli euforici indicava subito loro col braccio teso verso la buca dalla quale veniva estratta, che c'erano altre creature che non potevano attendere. E' mai possibile che non dispongano di una trivella adatta per la neve ghiacciata che perfori in mezz'ora una decina di superfici creando dei cunicoli d'aria e di comunicazione? Non è cemento, è neve ghiacciata. Perché non ci dicono cosa stanno facendo tecnicamente? Vederli fare tentativi con le mani senza appositi guanti fa venire i brividi. Sembrano impacciati ed ubriachi come ha ben detto Vittorio. -r.r.- 17,44 - 22.1.2017