Vaticano, congelati i fondi di monsignor Scarano

Congelati i soldi intestati a monsignor Scarano, arrestato a giugno e coinvolto in due inchieste. La Santa Sede: "Tolleranza zero sulle transazioni sospette"

Il Vaticano congela i suoi fondi. Continua la linea della trasparenza annunciata da Papa Francesco. I soldi intestati a monsignor Scarano allo Ior sono stati congelati a seguito delle due inchieste che coinvolgono il vescovo. Scarano era già stato sospeso circa un mese fa dalle sue funzioni all'Apsa (Amministrazione del patrimonio della Sede Apostolica) ed è stato arrestato lo scorso 28 giugno.

Ma l'operazione trasparenza non si ferma qui. Infatti, le autorità vaticane stanno proseguendo nelle indagini sulle transazioni sospette. "Lo Ior sta seguendo una linea chiara di identificazione sistematica e di tolleranza zero nei confronti di tutte quelle attività che siano illegali o estranee agli Statuti dell’Istituto, siano esse condotte da laici o da ecclesiastici", ha affermato il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi.

Che poi ha aggiunto: "Al momento lo Ior sta infatti affrontando un esame, da parte del Promontory Financial Group, di tutte le relazioni con i clienti e delle procedure in vigore contro il riciclaggio di denaro. Nel contempo l’Istituto sta attuando provvedimenti adeguati per migliorare le sue strutture e procedure".