La Venere di Milo? Un dipinto Errori nelle domande di abilitazione alle guide turistiche in Campania

Polemica al concorso in Campania per le domande stilate dal Formez. La vittoria dei romani a Benevento attribuita a Pirro. Rivolta dei candidati

La Venere di Milo scambiata per un dipinto, la vittoria dei romani a Benevento nel 275 a.C. attribuita a Pirro, Augusto indicato come l’imperatore che scelse Capri quale sua residenza invece di Tiberio. Sono solo alcuni degli errori contenuti nelle domande o nelle risposte per l’abilitazione a guida turistica in Campania, che si svolgerà domani e dopodomani al Palapartenope di Napoli. La protesta degli oltre 12mila candidati non si è fatta attendere.

Il Formez, autore dei 4mila quesiti tra i quali saranno sorteggiati i 50 della prova, ha pubblicato sul proprio sito le risposte al fine di assicurare la massima trasparenza alle procedure. In molti hanno però evidenziato errori sia nelle domande sia nelle risposte. Dei 4mila quesiti, mille riguardano nozioni di cultura generale, mille la storia d’Italia, 600 la geografia turistica, 400 l’organizzazione e la legislazione turistica della Regione Campania, 600 la conoscenza del patrimonio storico, artistico e naturalistico della Campania, 400 la tecnica professionale.

"Gli esami per le guide turistiche si faranno regolarmente", ha dichiarato l’assessore al Turismo della Regione Campania, Pasquale Sommese, aggiungendo che "la possibile presenza di errori e/o refusi in percentuali assolutamente fisiologiche non può certo mettere in discussione una procedura di assoluta trasparenza come quella messa in campo a seguito della scelta di procedere alla pubblicazione preventiva dei quiz dai quali verranno sorteggiati quelli oggetto delle prove. Il sistema di esame che abbiamo scelto rivolgendoci al Formez è a garanzia di tutti i partecipanti, in quanto pone ciascuno nelle condizioni per poter superare agevolmente la prova scritta, senza lasciare margini di discrezionalità all’Amministrazione. In ogni caso il Formez sta effettuando tutte le verifiche, anche sulla base delle segnalazioni pervenute da alcuni candidati, per assicurare la somministrazione di quesiti corretti, eliminando dall’estrazione i quiz con domande e/o risposte non esatte, con refusi o che possano ingenerare dubbi".

Commenti

secchione

Lun, 04/11/2013 - 14:36

Ok, ma la foto con la tipa in bikini che mangia l'anguria...cosa c'entra? A ricevere più visualizzazioni perché "tira" sempre...? Magari si poteva mettere una foto della Venere di Milo, per buona parte dei lettori sarebbe stata un'assoluta novità. Chiarite loro però che l'autore non è Sandra Milo.

roberto.morici

Lun, 04/11/2013 - 14:50

Non c'è dubbio che i candidati dovrebbero essero in grado, da parte loro, di individuare errori e refusi e regolarsi di conseguenza. E' però inammissibile l'ignoranza di quelli del Formez che hanno pure bisogno di segnalazioni relative alle inesattezze.

macchiapam

Lun, 04/11/2013 - 14:51

Ma cosa ci si aspettava? E' un miracolo se qualcuno non abbia detto che la Venere di Milo è una starlette del rock. Provate a chiedere a un giovane qualsiasi che cosa sia stato Austerlitz; o chi fosse Vermeer; o quando avvenne la "guerra di Libia" e con quali esiti; o chi fossero Matteotti De Gasperi. Vedrete!

paolonardi

Lun, 04/11/2013 - 14:55

Sono stato spesso nelle commissioni per l'ammissione a Medicina e Odontoiatria. Ci sono stati quesiti sbagliati e/o errori nelle risoste che, eventualmente, non venivano conteggiate per la graduatoria finale. Se questi fatti, da un lato, non depongono per la serietà degli estensori, dall'altro, non influiscono sul risultato.

lorenzovan

Lun, 04/11/2013 - 16:33

quanto hai ragione macchiapam!!!!!!!!

guidode.zolt

Lun, 04/11/2013 - 17:15

Tutto nella norma...chi non sa insegna!

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Lun, 04/11/2013 - 17:22

@macchiapam: Qua il problema è che gli ignoranti sono quelli che hanno sbagliato le domande.

leo_polemico

Lun, 04/11/2013 - 18:54

E' il risultato naturale della "scuola di tutti". Tutti asini e tutti promossi. Tutti promossi e tutti asini. Sarebbero da cancellare lauree e titoli di studio degli estensori di questa che è, ripetendo il titolo di un libro di tanti anni fa che raccoglieva i "fiorellini" dei compiti in classe degli studenti di ogni tipo di scuola una vera e propria "Fiera delle castronerie". A proposito, ancora una domanda: chi ha avallato tutto questo? Sono stati presi provvedimenti a suo carico? Un politico cui è stato dato l'incarico dirigenziale per i suoi "meriti" molto nascosti?