Il senegalese irregolare risponde al controllo: botte ai carabinieri

Lo straniero, un venditore abusivo clandestino di nazionalità senegalese con precedenti, non ha esitato a scagliarsi contro i militari che stavano verificando la sua merce contraffatta

Si è scagliato con violenza contro i carabinieri che volevano sottoporlo ad un controllo, per questo motivo ora il venditore abusivo straniero si trova dietro le sbarre del carcere di Venezia in attesa di giudizio direttissimo.

I fatti si sono verificati durante la serata di sabato, quando i militari si trovavano impegnati in un'operazione di pattugliamento del territorio in Riva degli Schiavoni. Notato l'ambulante, in possesso di merce contraffatta, gli uomini dell'Arma si sono a lui avvicinati, venendo immediatamente aggrediti.

Senza attendere neppure di venir interpellato, il 25enne ha attaccato i carabinieri della stazione di San Marco, colpendoli con forza. Dopo una breve colluttazione, questi ultimi sono riusciti a bloccare lo straniero, anche grazie all'intervento di una seconda pattuglia di supporto.

A causa delle escoriazioni e delle contusioni riportate, i due militari feriti hanno ricevuto al pronto soccorso una prognosi rispettivamente di 3 e 5 giorni. Trasportato in caserma, invece, il 25enne K.K., un senzatetto clandestino sul territorio nazionale e con precedenti di polizia alle spalle.

Il pm di turno ha determinato per lui la detenzione nel carcere veneziano di Santa Maria Maggiore, quantomeno fino alla conclusione del giudizio direttissimo.

Commenti

venco

Lun, 14/10/2019 - 17:37

Ma perche devono farsi picchiare senza sparare.

Brutio63

Lun, 14/10/2019 - 18:23

Grande Risorsa per l’Italia Grazie Francesco, Laura ed ONG/Coop Ci avete riempito le città di Risorse che lavorano per noi e per le nostre pensioni!

Italianocattolico2

Lun, 14/10/2019 - 19:51

Ripeto : Attenzione Carabinieri !!! L'avvocato del caprone vi citerà in giudizio per aver interrotto il lavoro onesto del delinquente e rischiate anche che il magistrato lo rimetta subito in libertà e vi faccia pagare le spese legali. Nel caso, fate una sottoscrizione pubblica e vedrete che i veri italiani vi aiuteranno con piacere.

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 14/10/2019 - 21:34

Insomma sta storia di controllare le risorse sboldriniane deve finire! Tutti in piazza e Diciamo si ai controlli solo x gli italiani