Venezia, parroco aggredito da baby gang di vandali stranieri

Lo sfogo di don Roberto Trevisol sulle pagine di un foglio parrocchiale, dove racconta gli episodi di vandalismo, gli insulti, le minacce e le aggressioni subìte. Un racconto che si conclude con una riflessione amara

Minacciato ed aggredito per avuto l'ardire di rimproverare una baby gang di vandali stranieri dell'est Europa all'opera nella sua parrocchia, a denunciare l'episodio è il parroco di San Giorgio Martire di Chirignago (Venezia).

Lo stesso don Roberto Trevisol, 70 anni, racconta l'episodio sulle pagine del foglio parrocchiale "Proposta", stanco dei continui raid da parte di ragazzini a cui è sottoposto il complesso ecclesiastico a cui è preposto.

Un accanimento quotidiano, che ha portato il parroco a volersi sfogare per ciò che di assurdo gli è capitato di vivere. "Stavo intitolando questo intervento con un 'Viva Salvini', poi ho pensato che avrei buttato la cosa in politica e offeso la sensibilità di tanti parrocchiani e così il titolo 'Poveri Noi'".

Così esordisce don Roberto sulla "Proposta", prima di raccontare la devastazione delle strutture annesse alla parrocchia della provincia di Venezia. "Sono stato avvertito da chi usava il campetto che di notte giovani vandali ne avevano fatte di tutti i colori, rompendo, sporcando, tentando di entrare nella struttura. Costruendo con i tavoli una torre per salire sul tetto e salendovi facevano dei danni sui 'coppi'".

Tutto ciò senza mai riuscire ad intercettare i vandali, una gang di ragazzini che il parroco riesce a cogliere sul fatto nei giorni scorsi. Dopo averli rimproverati, il 70enne si è lanciato all'inseguimento di quello che pareva essere il capo banda, per cercare di fermarlo fino all'arrivo della polizia, appena contattata. "Quello mi insultava perché lo seguivo. Ad un certo momento, con gli occhi fuori dalle orbite, con un ghigno da straduro, per incutermi paura mi ha gridato: 'Ma sai che io sono serbo?'. Ho dovuto presentare un esposto presso il commissariato di Marghera"(Venezia), racconta don Roberto, come riportato da "Il Secolo d'Italia".

Nel medesimo giorno un secondo raid dei vandali nello stesso campetto. Senza alcun timore, il parroco grida contro i ragazzini per cacciarli, ma uno di questi lo aggredisce, colpendolo con un pugno in pieno volto. Un'altra segnalazione alla polizia ed un nuovo inseguimento alle calcagna del teppista, che don Roberto non vuole stavolta farsi sfuggire."Dalla piazza arrivo fino a via Marovich tra insulti del tipo: “Prete pedofilo di merda, non rompermi i co…” e via così. Poiché continuo a seguirlo mi grida: “Ma sai che vengo dall’Albania?”

Dopo quelle parole una nuova aggressione, con il giovane straniero che prende a schiaffi il parroco rompendogli gli occhiali.

I poliziotti arrivano, ma don Roberto continua a rimuginare anche una volta a casa. "Dico: ma è possibile che dei ragazzini possano fare quello che vogliono in casa d’altri, possano offendere con un linguaggio che fino a poco tempo fa non apparteneva nemmeno alla suburra. Che possano picchiare il parroco settantenne e, per legge, debbano rimanere impuniti?". La riflessione finale ad un quesito del genere non può che essere quella a cui lo stesso don Roberto giunge, pur dolorosamente.

"Di fronte a questi fatti si può. 1) Essere buonisti e dire: poveri ragazzi…2) Essere codardi e guardare da un’altra parte…3) Essere determinati a chiedere il rispetto per sé e per tutti, anche a costo di essere minacciati, offesi ed alla fine bastonati. Io sto per la terza opzione".

Commenti
Ritratto di FraBru

FraBru

Mar, 16/07/2019 - 15:08

Rivolga la sua protesta al principale: il señor Bergoglio, in arte Ciccio uno, così dopo esser stato mazziato, ne uscirà pure cornuto!

19gig50

Mar, 16/07/2019 - 15:22

e meno male che nessuno doveva essere straniero, alla faccia dell'accoglienza vero bergoglio? che c'avrà da dire??

dagoleo

Mar, 16/07/2019 - 15:47

perchè non si rivolge al suo falso capo? le darà lui le risposte che le servono. nel frattempo spenda parecchi soldi per piazzare telecamere, sperando che non gliele portino via. il risultato finale di questa situazione purtroppo sarà che alla fine la pazienza della gente onesta esploderà e potrebbe finire molto molto male. ma è quello che le sinistre vogliono. il caos che degeneri in dittatura.

Mauritzss

Mar, 16/07/2019 - 16:08

E l'Omino Bianco che dice che dice. . . .

Divoll

Mar, 16/07/2019 - 16:11

Ma l'Albania sarebbe Europa?! Forse, soltanto dal punto di vista geografico.

ilcapitano1954

Mar, 16/07/2019 - 16:53

queste cose possono succedere solo in Italia, dove il reo resta impunito mentre chi ha subito deve dimostrare di essere innocente. Il Papa dice che bisogna aiutare queste persone e porge continuamente l'altra guancia, ma fino a che punto? esiste un limite? per il Papa questo limite non esiste, in quanto tutte le settimane nelle chiese nel mondo, uccidono cristiani ed il papa perdona continuamente anzi continua a dire che bisogna aiutarli, a cosa a farci uccidere?

Ritratto di C.L.N.

C.L.N.

Mar, 16/07/2019 - 17:31

Se queste brutte faccende fossero capitate ad un vescovo o ad un cardinale amico del Papa che cosa sarebbe successo? Quali sarebbero state le iniziative legali? Ma soprattutto quali commenti avremmo potuto vedere scritti sull'Avvenire? E' facile dichiararsi buonista fintanto che questi delinquenti colpiscono gli altri! Ma se vanno a prendere un cardinale o un alto funzionario del Vaticano che succederebbe?

ziobeppe1951

Mar, 16/07/2019 - 17:33

Sicuramente è un prete non allineato col pensiero unico dell’imam del Vaticano

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 16/07/2019 - 17:55

E lo schiacciapalle, non commenta!!! Le leggi che lasciano impuniti sti DELINQUENTI le ha fatte Salvini VEROOO!!! AUGH.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 16/07/2019 - 18:29

Beh se provano anche loro cosa succede alle persone normali lo faccia sapere al suo capo che ama tanto le risorse.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 16/07/2019 - 18:36

Mandate a casa questo papa e tutto si risolverà

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Mar, 16/07/2019 - 19:04

Accogliete accogliete sono vandali non rifugiati,sono barbari non persone in cerca di aiuto.Ma alla sinistra piace cosi'.

corto lirazza

Mar, 16/07/2019 - 19:11

che se la prenda con francescone

bruco52

Mar, 16/07/2019 - 19:24

la certezza di nessun giudizio, ha dato alla marmaglia delinquenziale straniera la certezza dell'impunità...nel paese dei fessi se sei uno straniero, hai la benevolenza dei buonisti e non ti accadrà nulla di male, tutt'al più un buffetto, con la promessa di non farlo più....

claudio faleri

Mar, 16/07/2019 - 19:39

parli con quello schifo di bergoglio e con i comunisti che lasciano impuniti questi pezzenti ai quali occorrerebbe il bastone sulla schiena, povera italia dive tutti possono fare quello che vogliono, saremo presto schiavi di altri

kennedy99

Mar, 16/07/2019 - 19:50

le care tonache che tutti i giorni sbraitano per avere queste persone sul suolo italiano. tra non molto saranno i primi a pentinserne amaramente.

cgf

Mar, 16/07/2019 - 19:57

in effetti avrebbe dovuto accoglierli

enzolitti

Mar, 16/07/2019 - 20:17

Hanno fatto bene, così impara ad accogliere cani e porci.

Una-mattina-mi-...

Mar, 16/07/2019 - 20:32

ANCORA POCO: SI CHIAMA CONTRAPPASSO. GLIENE DEVONO DARE TANTE, MA TANTE, ANZI, ANCORA DI PIU'...