"Da come vengono chiusi i pugni si capisce il carattere delle persone"

Una studiosa del linguaggio del corpo ha mostrato tre esempi di come vengono chiusi i pugni e il loro significato

In diverse occasioni stringiamo i pugni per comunicare qualcosa, ma mai avrete notato un particolare: a seconda di come vengono chiuse le dita della mano si può capire la personalità di una persona.

Una studiosa del linguaggio del corpo ha pubblicato i tre principali modi in cui vengono chiusi i pugni e a seconda della posizione delle dita ha analizzato: "Come ti vedono gli altri", "Come ti senti" e "Amore". Partendo da un gesto, l'esperta fa una panoramica completa del carattere di una persona. Prima di leggere i tre casi di seguito provate a fare il pugno così scoprirete in quale categoria siete

1) Il pollice viene rinchiuso nel palmo della mano dalle altre dita

Come ti vedono gli altri: Persona dal forte spirito creativo, acuta ed espressiva, spesso molto sensibile, reagisce velocemente ai cambiamenti. Molto pragmatica, con un grande talento artistico. Piuttosto cauta, tende spesso a preoccuparsi. Intelligente, si batte per l’armonia e la giustizia. Piuttosto brava a manipolare gli altri.

Come ti senti: Preferisci rimanere calmo, hai un carattere docile, scegli di tenere dentro quello che senti piuttosto che ferire qualcuno. Sei molto socievole ed è facile andare d’accordo con te. Tutto quello che ti serve è un po’ di libertà e lo spazio necessario per poter coltivare i tuoi sogni. Ti bastano pochi, fedeli amici.

In amore: Non ti piacciono le scenate. Preferisci un ambiente confortevole e rilassato, e questo vale anche per le tue relazioni. La tua più grande debolezza è che sei piuttosto compassionevole. Anche se sei stato ferito profondamente, sei sempre pronto a perdonare e dimenticare.

2) Il pollice sta sopra le altre dita che si chiudono sul palmo

Come ti vedono gli altri: Hai talento e creatività da vendere. Un fascino speciale che conquista subito tutti e ti fa fare amicizia senza sforzi. Generoso, intelligente e sicuro di sé. Il potere è molto importante e sei pronto a lavorare sodo per ottenerlo. Allo stesso tempo, molto flessibile e attento.

Come ti senti: Hai un animo molto sensibile. Ti piacerebbe buttarti in così tante cose, ma hai paura di farti male: questo è dovuto alle tue aspettative molto alte e, allo stesso tempo, alla paura di perdere. Ti serve spesso un incoraggiamento. Non ci vuole tanto a renderti felice: basta avere intorno chi ti capisce e ama per quello che sei.

In amore: La tendenza è quella di pensare troppo e mettere in dubbio tutto. Questo significa che a volte ti perdi in ricordi dolorosi che potresti, più semplicemente, lasciare andare. Molto spesso rimani esitante, vorresti avere una persona vicino, ma sei spaventato dall’idea di aprirti a qualcuno. Proprio perché provi sentimenti così profondi, hai paura di essere abbandonato. Per questo preferisci dare l’impressione di non avere bisogno di nessuno, apparendo più freddo e distaccato di quanto sei in realtà.

3) Il pollice sta a lato delle altre dita che si chiudono sul palmo della mano

Come ti vedono gli altri: Persona sensibile, con un’immaginazione fertile e un grosso intuito. Anche se ti piace aiutare gli altri e sei molto generoso, sei anche molto insicuro. Entusiasta, ma solo delle cose che ti interessano veramente. Inoltre, puoi diventare presto impaziente dal momento che metti tutte le energie solo in quello che ti interessa. Naturalmente curioso, avventuroso, hai un buon senso dell’umorismo e sai ridere di te stesso.

Come ti senti: Hai bisogno di certezze e ti piace essere trattato con onestà. Speri di essere visto per come sei e di essere accettato. A volte sei troppo attento agli altri, correndo il rischio che se ne approfittino. La cosa più importante per te è la sincerità: riesci a capire abbastanza in fretta se gli altri la stanno usando o meno con te. Sai riconoscere cosa ti fa stare bene.

In amore: Non sei particolarmente bravo a esprimere i tuoi sentimenti. Quando il tuo partner inizia a pensare che forse ti piace davvero, la verità potrebbe essere che tu lo ami "segretamente" sopra tutto e tutti in realtà già da molto tempo. Questo non significa che sei poco onesto, ma solo che non riesci a parlare di quello che senti apertamente e quindi tendi a nasconderlo. A volte ti arrabbi, anche se metti spesso i tuoi bisogni in secondo piano. Tratti sempre bene il partner e la parola egoista non ti si addice.

Commenti
Ritratto di Giano

Giano

Mer, 11/05/2016 - 20:12

La classica psicologia da rivista per casalinghe disperate, da leggere sotto l'ombrellone o dalla parrucchiera. Esistono i pittori della domenica e gli psicologi da spiaggia. Ecco come descrive il primo tratto caratteriale: 1) Persona dal forte spirito creativo, acuta ed espressiva. 2) Hai talento e creatività da vendere. 3) Persona sensibile, con un’immaginazione fertile e un grosso intuito. In ogni caso, comunque chiuda il pugno, sono tutti geni creativi. La spiegazione è che questa psicologa, per sua fortuna, frequenta solo persone molto creative e geniali. Oppure ha sbagliato mestiere.

tiromancino

Mer, 11/05/2016 - 22:41

Ma i pugni li studia chi li ha presi?

Ritratto di Giano

Giano

Mer, 11/05/2016 - 23:34

(2 anche questo censurato?) La classica psicologia da rivista per casalinghe disperate, da leggere sotto l'ombrellone o dalla parrucchiera. Esistono i pittori della domenica e gli psicologi da spiaggia. Ecco come descrive il primo tratto caratteriale: 1) Persona dal forte spirito creativo, acuta ed espressiva. 2) Hai talento e creatività da vendere. 3) Persona sensibile, con un’immaginazione fertile e un grosso intuito. In ogni caso, comunque chiuda il pugno, sono tutti geni creativi. La spiegazione è che questa psicologa, per sua fortuna, frequenta solo persone molto creative e geniali. Oppure ha sbagliato mestiere.

BiBi39

Gio, 12/05/2016 - 00:23

Bravo Giano: ca

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 12/05/2016 - 01:37

Dei pugni dei comunisti che dicono di essere "di sinistra" che ha da dire? AMMACCANTI, PESTANTI O CONTUNDENTI?

Ritratto di Grisostomo

Grisostomo

Sab, 16/07/2016 - 19:25

Poi però deve essere una cosa che noi solo in parte riusciamo a controllare. Per esempio a me il pugno n° 2 non viene assolutamente.