Il vescovo di Chioggia con Scarpa: "Un'indagine assurda"

Per Adriano Tessarollo si sarebbe creato un vero e proprio caso mediatico. E i problemi dell'Italia sarebbero altri

Alla fine, a dare una mano a Gianni Scarpa, l'ormai noto gestore del "bagno fascista", è arrivato il vescovo di Chioggia, sua eccellenza Adriano Tessarollo, che in un'intervista al Gazzettino ha detto: "È chiaro - premette -: una tiratina d'orecchie se la merita, ma sarà pressoché inutile. Qui a Chioggia, Gianni Scarpa lo conosciamo. Prima lavorava ogni weekend a Punta Canna, adesso va a finire che avrà gente per tutta la settimana". Già, perché secondo il vescovo la cosa sarebbe andata un po' oltre: "Viviamo in un mondo di grande confusione, di cose che non funzionano; e discutono leggi come quella sull'apologia di fascismo... Come se non ci fosse altro da fare per i magistrati". Come dare torto a Tessarollo? Il vescovo tira poi una stoccata ai giudici: "Sono 27 anni, dico ventisette anni, che aspettiamo che si risolva una vicenda che ci vede impegnati nella vendita di una casa a Feltre. Risultato? Stiamo arricchendo il curatore fallimentare da anni e la soluzione giudiziaria non arriva. E intanto in quella spiaggia... Prefetto, questura, Digos, magistrati, poliziotti!".

Per Tessarollo ci troviamo davanti a un'indagine "assurda": "Del resto ci andava anche il segretario Pd... La verità è che perdiamo solo tempo a correr dietro a questo stranezze. E lui, tra le sue mura di casa, quelle frasi continuerà a dirle".

Commenti

VittorioMar

Dom, 16/07/2017 - 11:55

...E SE LO DICE UN VESCOVO...!!!

Ritratto di manganellomonello

manganellomonello

Dom, 16/07/2017 - 11:58

Un prelato eccezionale

bobots1

Dom, 16/07/2017 - 12:22

Parole sensate...anche se dette da un vescovo.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 16/07/2017 - 12:29

è la sinistra ad essere assurda, e i magistrati seguono gli ordini del PD! :-) non è possibile che il magistrato debba seguire la linea politica di una parte o l'altra! deve applicare la legge, se c'è e basta! ma anche saper interpretare con buon senso la situazione ed evitare anche di appesantire la situazione con delle assurdità come è successo a berlusconi!!!

Cheyenne

Dom, 16/07/2017 - 12:35

ogni tanto un pretacchio che ragiona

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 16/07/2017 - 12:40

Assurda come tutte le cose made in PD.

Martinico

Dom, 16/07/2017 - 12:48

Quante storie... Se in questa spiaggia vi sono delle regole e queste funzionano, che vengano prese ad esempio. Possibile che quando qualcosa può funzionare c'è sempre chi rompe le bocce?

TitoPullo

Dom, 16/07/2017 - 12:50

Finitela pidioti pagliacci!!

Ritratto di cape code

cape code

Dom, 16/07/2017 - 13:18

Finalmente un uomo di chiesa e non un politico con la tonaca...

Una-mattina-mi-...

Dom, 16/07/2017 - 13:39

ANCHE IL VESCOVO HA CAPITO TUTTO! I SINISTROIDI DITTATORI DA STRAPAZZO DEPISTANO PERCHE' HANNO LA CODA DI PAGLIA

guido.blarzino

Dom, 16/07/2017 - 14:01

Ecco un vescovo obiettivo e saggio, meno male. Comunque non è proprio il solo, ci sono altri sacerdoti saggi. Il problema però è sempre lo stesso. Questo vescovo non farà carriera perché la gerarchia clericale cura rigorosamente i propri interessi economici

Ritratto di niki 75

niki 75

Dom, 16/07/2017 - 14:15

Il tutto è una misera, idiota, "operazione di distrazione di massa" posta in essere anche per ricompattare la frammentata, disastrata situazione dei "COMPAGNEROS".

guido.blarzino

Dom, 16/07/2017 - 14:20

Sacerdoti e prelati quando parlano interpretano sempre la parola di Dio. Da un lato abbiamo il vescovo Tessarolo, nella colonna a fianco del giornale abbiamo un articolo del segretario generale della CEI. Due posizioni contrapposte. Allora chi interpreta realmente il nome di Dio??? Credo che sia come l'Islam che si vuole distinguere in moderato e fondamentalista. Ma la Fallaci sosteneva che l'Islam moderato non esiste e non è la sola ad oggi. Sembra che vincano i violenti purtroppo

Totonno58

Dom, 16/07/2017 - 15:27

E se lo dice il vescovo di Chioggia...mamma mia, quanto siamo clericali in questo paese!!:)

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 16/07/2017 - 15:47

Certo che non tutto il popolo della chiesa è come galantino o francesco,qualcuno ragiona ancora,e vuole bene agli italiani.

cir

Dom, 16/07/2017 - 16:15

totonno , faccia da tonno... di clericale sei rimasto tu...

Giorgio Rubiu

Dom, 16/07/2017 - 16:15

Possibile che 95 anni dopo la Marcia su Roma e 72 anni dopo il vergognoso ludibrio popolare di Piazzale Loreto, la parola Fascismo o il nome Mussolini facciano ancora tanta paura? Il fascismo può risorgere con altro nome ed altri simboli. E' un'ideologia come qualsiasi altra sia essa politica o religiosa. Si possono distruggere i nomi e simboli ma non il pensiero e la fede, buoni o cattivi che essi siano.

piazzapulita52

Dom, 16/07/2017 - 16:45

La chiesa è complice di questa invasione di incivili africani e quindi quel "signore" deve stare zitto! La maggioranza degli italiani, quelli con sale in zucca, la pensano come Gianni Scarpa e non vedono l'ora che succeda una rivoluzione; il problema è che stanno zitti perchè hanno paura di questo regime; un regime che ha i giorni contati!!!

MOSTARDELLIS

Dom, 16/07/2017 - 18:53

Infatti, come dargli torto. sono semplicemente parole di buon senso, ma in Italia con il PD il buon senso manca ormai da parecchio.

Ritratto di gianky53

Anonimo (non verificato)

compitese

Dom, 16/07/2017 - 19:18

Tessarolo papa!

Fulvio62

Lun, 17/07/2017 - 01:16

Ricordo a tutti che siamo nel 2017, basta con queste cavolate. Fascismo e comunismo sono stati il cancro del secolo scorso , andiamo avanti

Ritratto di mario bonelli

mario bonelli

Lun, 17/07/2017 - 06:42

Ma in definitiva, in questo bagno balneare, come vanno le cose? Voglio dire, succedono cose irregolari, c'è disordine, sporcizia, i frequentatori vengono vessati, infastiditi, maltrattati da squadracce fasciste? Si svolgono ogni momento manifestazioni violente, con slogan e bandiere, i prezzi praticati sono da rapina? Non ho a tutt'ora sentito qualcuno che si lamentasse circa episodi spiacevoli accaduti al suo interno. O forse i cartelli un poco estemporanei disturbano i frequentatori? In tal caso basta cambiare "location" ed il problema -se c'è- è bello che risolto. La realtà è che la sinistra è in una tale crisi di identità, che non trova di meglio che attaccarsi al mantra dell'antifascismo militante, della "vigilanza democratica", rispolverata per l'occasione da quel quotidiano che si è autoeletto Bibbia e Vangelo del pensiero democratico (e antifascista, naturalmente).