Il vescovo di Travaglio è indagato per truffa

Monsignor Mogavero, collaboratore del Fatto Quotidiano, nel mirino per la costruzione di una chiesa a Mazara del Vallo

Abuso d'ufficio e truffa: sono queste le nuove accuse che pendono su monsignor Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo, già indagato nel 2015 per appropriazione indebita, ovvero per aver utilizzato impropriamente i fondi dell'8 per mille e aver creato un buco di bilancio, in Curia, da sei milioni di euro. Ora il vescovo dei migranti, così definito per i suoi numerosi interventi a difesa degli immigrati, è accusato dai pm di truffa, in merito alla realizzazione della chiesa San Lorenzo nel quartiere Trasmazzaro-Miragliano, costata 3 milioni di euro, di cui 1,8 milioni ricevuti dalla Cei. Ma il vescovo, ed ecco il reato, avrebbe chiesto fondi anche alla Regione Sicilia, facendo carte false sullo stato di avanzamento dei lavori pur di ottenere i contributi. Dal totale sarebbero anche spariti 500mila euro.

È stato il sostituto procuratore Antonella Trainito a notificare l'avviso di garanzia a Mogavero, considerato vescovo di sinistra, a più riprese in netto contrasto con le posizioni del centrodestra, collaboratore del Fatto quotidiano di Marco Travaglio, paladino della giustizia e della trasparenza. Il reato viene contestato anche al predecessore di Mogavero, Calogero La Piana, vescovo di Mazara dal 2002 al 2006, all'architetto Francesco Scarpitta e all'ingegnere Bartolomeo Fontana che hanno realizzato la chiesa. «Non ho nulla da dire, sto cercando di capire e valutare elementi di carattere tecnico contenuti in questo provvedimento della magistratura», è il commento secco del vescovo indagato che, attraverso il suo addetto stampa, fa sapere che non intende rilasciare ulteriori dichiarazioni. I suoi avvocati, invece, Nino Caleca e Stefano Pellegrino, hanno trasmesso una nota in cui affermano di voler chiedere «un interrogatorio del vescovo per chiarire quanto viene contestato dalla Procura di Marsala». L'avviso è stato notificato ad altre sei persone. Due le accuse mosse nei confronti di Mogavero: la prima per truffa e l'altra per appropriazione indebita. «La Cei affermano i legali - non è stata mai tratta in inganno perché, anche se fosse stata portata a conoscenza del contestuale contributo regionale, avrebbe ugualmente concesso l'ulteriore finanziamento». Infine, in merito all'accusa che viene fatta al vescovo di aver sottratto centinaia di migliaia di euro dai fondi dell'8 per mille, i legali respingono duramente l'accusa: «Mai il vescovo si è appropriato o ha sottratto, a qualsiasi titolo, alcuna somma di denaro o altre utilità».

Commenti

briegel70

Ven, 31/03/2017 - 08:18

Scusate, ma Travaglio COSA CAVALO C'ENTRA ????????????????????

jenab

Ven, 31/03/2017 - 08:22

il "vescovo di travaglio"???? stiamo parlando di fatti avvenuti in sicilia, un luogo fuori dal controllo della stato.

DemyM

Ven, 31/03/2017 - 09:00

W gli immigrati, i datori di lavoro della chiesa,ong e coop rosse.

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Ven, 31/03/2017 - 09:45

Ovviamente Travaglio non c'entra niente. Ma si spara il nome per far colpo, in perfetto stile Pravda. Detto questo e aggiunto che il Mogavero mi sta sui cabassisi, vi ricordo che si tratta di soldi benedetti, spesi a fin di bene e, per fare il bene, non si guarda in faccia a nessuno, men che meno ai volgarissimi soldi, soprattutto se sono degli altri.

Ritratto di gian td5

gian td5

Ven, 31/03/2017 - 10:33

@ BIASINI si documenti, il Mogavero scrive su "Il Fatto", dove commenta passi del Vangelo, sarà pure innocente, ma i suoi legami con Travaglio sono palesi ed indiscutibili.

Giorgio Colomba

Ven, 31/03/2017 - 11:16

Mogavero chi? Quello che nell'ottobre 2011, dal pulpito molto poco confessionale di Repubblica, tuonava che "Silvio Berlusconi deve dimettersi, punto e basta. Sarebbe la prima volta che fa qualcosa che giova al paese"? Detto dal prelato-indagato per appropriazione indebita, abuso d'ufficio e truffa, è l'ennesima medaglia che il Cavaliere può appuntarsi al petto.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Ven, 31/03/2017 - 12:26

Un altro amico di Travaglio della stessa razza del Maresciallo Giuseppe Ciuro?

mich123

Ven, 31/03/2017 - 12:32

Il vescovo: sono tranquillo, ho avvertito la CEI.

Cheyenne

Ven, 31/03/2017 - 12:37

i più delinquenti sono sempre quelli delle fiaccolate, dell'antimafia fasulla e dell'amore pre il prossimo. Vedremo come (non) agirà il pamperone

manfredog

Ven, 31/03/2017 - 13:06

..Arci-ve-scovato'..!! mg.

Libertà75

Ven, 31/03/2017 - 13:50

i soldi passano, la chiesa resta

Ritratto di Farusman

Farusman

Ven, 31/03/2017 - 14:00

Come Travaglio non c'entra? Ma leggete i suoi articoli? E' il suo idolo, il suo esempio, il suo vero ed unico prete.

Ritratto di Farusman

Farusman

Ven, 31/03/2017 - 14:03

E' un collaboratore del Fatto Quotidiano del quale Travaglio è o era direttore.

Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 31/03/2017 - 14:37

Ma cosa volete, sono ragazzi, in fondo milione più, milione meno....

grazia2202

Ven, 31/03/2017 - 14:39

il papa comincia a perdere i pezzi

Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 31/03/2017 - 16:46

"il Vescovo di Travaglio" che significa? Che Travaglio è andato a farsi benedire?

Ritratto di orione1950

orione1950

Ven, 31/03/2017 - 17:55

E' la solita melma rossa che sprizza superorità da tutti i pori.

Ritratto di andrea626390

Anonimo (non verificato)

elpaso21

Ven, 31/03/2017 - 18:49

Complimenti per l'articolo :-))