Violenta rissa tra albanesi finisce nel sangue: terrore a Rutigliano

Una violenta rissa tra almeno 4 albanesi è scoppiata ieri pomeriggio a Rutigliano, nel Barese. Un giovane ha riportato ferito al volto e alla testa

Terrore ieri pomeriggio in via Leopardi a Rutigliano, località in provincia di Bari, a causa di una violenta rissa che ha coinvolto almeno 4 immigrati albanesi.

La violenza, divampata improvvisa e motivi ancora da chiarire, è terminata con il ferimento di un giovane di 24 anni, trasportato in ospedale per medicare diverse ferite al volto e alla testa. La furente colluttazione ha causato panico tra i residenti e le persone che, in quel momento, stavano transitando in zona.

Gli scontri sono stati ripresi da un coraggioso cittadino con il suo cellulare. Nelle immagini si vede un’auto prima sgommare per, poi, fare marcia indietro e finire contro un’altra vettura parcheggiata accanto ad un albero.

Mentre nell’aria riecheggiano urla di cittadini spaventati che assistono alla violenza dalle finestre delle proprie abitazioni, in strada la tensione è altissima con uno dei contendenti che impugna una pistola, in seguito risultata essere un’arma giocattolo, ed un altro che, invece, brandisce un’ascia.

Ad un tratto, una persona ferita esce dalla macchina danneggiata e si allontana a piedi con il resto del gruppetto come se nulla fosse accaduto. Sul posto sono intervenuti prontamente i carabinieri e gli agenti della Polizia locale che, non senza difficoltà, sono riusciti a porre fine alle violenze fermando 4 persone, alcune delle sarebbero state trovate in possesso di cacciaviti.

I soggetti sono stati identificati e la loro posizione è attualmente al vaglio dei carabinieri. Il ragazzo ferito è stato successivamente soccorso dai sanitari del 118 e trasportato in ospedale. I medici gli avrebbero riscontrato un trauma cranico e facciale

Si ipotizza che la rissa avvenuta ieri potrebbe essere la prosecuzione di una lite avvenuta nel pomeriggio di mercoledì quando il membro di una delle due bande di albanesi è stato aggredito con estrema ferocia dai rivali.