Adam Johnson: "In Corea si riprogramma la psiche delle persone"

L'autore americano del romanzo verità "Il Signore degli orfani": "Ho visto gli orrori della dittatura. Raccontarli è una missione"

Raggiungerlo sembra facilissimo: Adam Johnson ha appena saputo di aver vinto il Pulitzer per la categoria «Fiction», ma sta andando in biblioteca, come fa tutti i giorni. E siccome ci va a piedi, ha un po' di tempo per commentare il premio al telefono: «Solo qualche minuto... Però ci tengo a dire che la più grande speranza di questo premio è quella di poter dare voce a un Paese trascurato dal mondo o frainteso. Molti pensano che i coreani siano dei matti, dei malvagi. Invece sono persone che soffrono. Spero che il mio libro aiuti i lettori a pensare a loro seriamente».

Il libro in questione, che il comitato del Pulitzer ha giudicato «un romanzo squisitamente costruito, che trasporta il lettore in un viaggio avventuroso nelle profondità della Corea del Nord totalitaria e nei recessi più intimi dell'animo umano», è Il Signore degli orfani (uscito da noi da Marsilio), il cui intreccio è frutto di fiction, ma ispirato a vere storie di nordcoreani. Il protagonista è Jun Do, all'apparenza manichino della dittatura di Pyongyang ai tempi di Kim Jong-il, ex soldato incaricato di rapire stranieri e intercettare trasmissioni radio per conto del regime, in realtà anche umanissima vittima alla ricerca della miglior strategia di sopravvivenza, torturato dal senso di colpa per le atrocità commesse. Fino alla redenzione sentimentale a opera di Sun Moon, l'attrice più famosa del Paese, «ammirata» anche dal dittatore.

Ma Adam Johnson, 45 anni, originario del Sud Dakota, docente di scrittura creativa a Stanford, collaboratore di Harper's, Esquire, Paris Review, non è un qualunque scrittore che ha infarcito un plot di fatti estratti da articoli e saggi. Ed è per questo che la telefonata di commento al Pulitzer si trasforma nel racconto della sua “missione”: «La gente mi prendeva per pazzo. Ho studiato la Corea del Nord per sette anni, leggendo qualsiasi cosa mi capitasse a tiro, persino i volumi di agricoltura e tutto il materiale di propaganda. Poi ho trovato le testimonianze dei fuoriusciti, le poche disponibili. Una volta che ho cominciato a leggere, qualcosa è cambiato in me. Avevano un peso diverso. Erano persone vere a parlare. Ed era fondamentale che gli altri sentissero. Mi è sembrato di avere una missione».

È stato in quel momento che è nato l'amore di Johnson per la gente della Corea del Nord. E ha deciso di essere la loro voce: il suo progetto è stato fin dall'inizio quello di scrivere un romanzo dal punto di vista di un nordcoreano. Per farlo però, doveva almeno provare a vederli da vicino, i nordocoreani. Impresa all'apparenza impossibile, che a Johnson è riuscita infilandosi in un viaggio tra le fauci del lupo addirittura sponsorizzato da Kim Jong-il, sebbene controllato a vista. «Su internet il regime offre soggiorni ufficiali a chi voglia sperimentare la felicità del Paese. Come docente a contratto non mi hanno preso, ma sono riuscito a entrare grazie a un amico nordcoreano, orfano della Guerra di Corea, che faceva parte di una ONG in missione umanitaria per piantare meli. Ha creduto nel mio libro e mi ha preso come assistente. Una volta là, eravamo turisti vip, confinati sull'isola di Yanggak in un hotel gestito da cinesi. Nessun cittadino coreano può venire sull'isola. Andavamo in giro con le guardie del corpo della KFA: una aveva una vecchia videocamera per riprendere tutto quello che dicevamo e facevamo, diceva che era per un dvd turistico».

Il viaggio di Johnson ha qualcosa di mitico e persino ora, mentre ne racconta qualche dettaglio per l'ennesima volta, sembra commuoversi. Ripete che lo shock di trovarsi di fronte a persone che non solo non sanno niente del mondo esterno, ma che forse non sapranno mai di non sapere, è inaccettabile. Lo ha lasciato di stucco il fatto che non leggano libri da sessant'anni, anzi, che non esistano librerie: «C'è una sola storia, in Nord Corea: quella che racconta il grande leader. Ma non parla né dei desideri né dei bisogni dei singoli individui. Non possiamo però sapere se qualcuno di loro non stia meditando di scrivere un libro. O non lo stia già scrivendo, underground. A volte, la libertà arriva e si passa dalla resilienza alla rigenerazione. Non possiamo sapere». Questo pare lo consoli.

Eppure questi cittadini appartengono a un regime che tiene con il fiato sospeso gli Stati Uniti, a causa delle minacce nucleari. Ritiene che abbiano qualche fondamento: «La Corea del Nord è una macchina che genera mistero. Loro aprono e chiudono file, ma noi non ne sappiamo nulla. Non sappiamo come muoiono i leader, come vivono, come sono le loro mogli. Perciò non possiamo sapere nulla nemmeno della verità di queste minacce».

«Non possiamo sapere» pare la parola d'ordine, per Johnson. Sembra impossibile da accettare. Che non abbia almeno provato a prendere contatti con un cittadino, a squarciare il velo di una realtà parallela: «È illegale parlare con loro, ma se ci avessi provato, mentre ero là, non sarei solo finito nei guai, li avrei anche messi in pericolo. Riesce a immaginare che cosa voglia dire per uno scrittore camminare a Pyongyang, in mezzo a migliaia di persone? Avrei voluto parlare con tutti, chiedere: chi sei? Che cosa pensi? Sei felice? Ma non potevo, semplicemente non potevo». Una specie di incubo. «Una specie di crudele riprogrammazione psicologica su scala nazionale».

Commenti

peroperi

Mer, 17/04/2013 - 09:58

Hitler aveva come vademecum le idee di Nietche, il coreano grasso ha 1984 di Orwell

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 17/04/2013 - 10:01

questo è peggio del sistema sovietico.... figuriamoci il comunismo che abbiamo in italia: al confronto, i nostri sono dei santi, e ogni tanto scopano meglio dei coreani (o peggio? punti di vista...) :-)

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 17/04/2013 - 10:28

brutta cosa il comunismo coreano figlio del socialismo sovietico.... fanno la guerra con il mondo perchè sanno che non sopravivrebbero da soli, in un mondo fatto di concorrenza...

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mer, 17/04/2013 - 11:40

Mica per nulla Pavlov era apprezzato dai marxisti.

Baloo

Mer, 17/04/2013 - 12:10

Il Partito Democratico pare fare la stessa cose:parlano per schemi precostituiti da un grande fratello e vivono di bugie,di calunnie e diffamazioni. Il tutto per spianare la via del potere a capi furbastri e oramai conservatori.Il Popolo della libertà ed il partito pentastellato vivono ancora del pensiero del capo e solo di quello.Se non ci fosse la Chiesa ed i suoi valori questo paese si dissolverebbee la libertà sarebbe un'araba fenice!!!

leo_polemico

Mer, 17/04/2013 - 12:12

Si dovrebbe obbligare "democraticamente" i nostri comunisti, a qualsiasi famiglia politica appartengano, cominciando da quelli più estremisti, ma con il portafoglio ben gonfio, a vivere, come comuni cittadini, senza previlegi, in qualcuno dei cosiddetti loro paradisi. Forse forse cambierebbero idea... Dimenticavo: a tali personaggi dovrebbe poi essere vietato tornare indietro. E' infatti molto comodo fare i comunisti in una democrazia occidentale

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 17/04/2013 - 12:27

devo dire che ho visto un film nordcoreano, di nome "Pulgasari" e l'ho trovato assolutamente apprezzabile... non direste mai che viene da un paese stalinista

Ritratto di stufo

stufo

Mer, 17/04/2013 - 13:03

Stanno facendolo anche da noi, a cominciare dagli asili nido. Guardate a chi e con quali criteri vengono affidati, tutto gente di sx.

Luigi Farinelli

Mer, 17/04/2013 - 13:35

Il lavaggio del cervello della popolazione ha sempre contraddistinto le dittature. Non è da meno l'azione in tal senso esercitata (subdolamente, senza che se ne abbia la percezione) di quello Stato totalitario a guida elitaria autoelettasi guida "illuminata" dei cittadini europei che risponde al nome di "Europa Unita": basterebbe esaminare l'azione di autentici criminali come lo speculatore George Soros (dall'attacco all'Ungheria alla recente intrusione sui metodi di insegnamento in Croazia) e dei media asserviti alla casta dei banchieri, spingenti alla globalizzazione delle Nazioni senza passare attraverso il parere dei Popoli. Anzi, condizionandoli fin dalle scuole materne e primarie con una folle propaganda ultralaicista, politicamente corretta e socialistoide-massonica tendente a creare lo stolido individuo androgino femminilizzato, perfetto schiavo della società dei consumi illimitati, in fieri a colpi di procurate crisi economiche, abbattimento di principi etici e morali e distruzione della famiglia eterosessuale. Pensiamo meno alla Corea e più ai criminali da Norimberga di casa nostra.

Ritratto di dbell56

dbell56

Mer, 17/04/2013 - 13:39

Ausonio, forse senza che tu te ne sia accorto, ti avranno somministrato oppio prima di vedere il film!!

stegian67

Mer, 17/04/2013 - 16:00

Se Truman avesse dato retta a MacArtchur la Corea sarebbe una e democratica. Gli errori dei presidenti americani li paga il mondo intero: Roosevelt con l' Europa Orientale, Truman con la Corea, Carter con l' Iran e oggi Obama con l' Egitto. E l' Europa sta a guardare...