"Fedez fascista". L'egemonia culturale conquista il pop

Bufera sul giudice-rapper che, nella prima puntata di X Factor, ha criticato il "pugno chiuso" in un brano di Dalla

Volete un piccolo esempio «pop» dei danni prodotti da decenni di egemonia culturale comunista? Eccolo qua. Nella puntata d'esordio di X Factor , il talent musicale in onda al giovedì su Sky, il rapper Fedez, tra i giurati, rimprovera a uno dei concorrenti la scelta di esibirsi nella cover di E non andar più via di Lucio Dalla. Secondo Fedez, le parole della canzone risultano datate e fuori luogo all'interno dello show. La strofa contestata è questa: «Con la forza di un pugno chiuso e un sorriso». Apriti cielo: a molti Fedez sembra aver detto qualcosa di implicitamente anticomunista. Nei vari Social Network Fedez, già al centro di un caso per aver donato un brano alla manifestazione grillina del Circo Massimo, è subito accusato di aver frainteso il significato e soprattutto di essere «un fascista».

Invece di fare spallucce, il rapper inizia a cospargersi il capo di cenere, e dalla sera della puntata non la smette più di scusarsi, sui social, con le agenzie, ovunque: «Tutto sono meno che un fascista. Chiunque è libero di criticare le mie canzoni, ma non dite che sono un fascista, io che delle tematiche sociali ho fatto la mia bandiera di vita. Ho semplicemente fatto un'osservazione. Odio chi strumentalizza una canzone con un testo gigantesco, con dei significati di quell'importanza, come quella di Lucio Dalla poi che ha dei significati enormi buttati lì a caso, in un contesto che nulla ha a che fare con la politica». Lasciamo perdere cosa volesse dire Fedez, cosa abbiano capito i fan, e il resto della polemica. Concentriamoci piuttosto su un altro aspetto. Tutti quanti i protagonisti della vicenda sembrano condividere la bizzarra convinzione che «fascista» sia sinonimo di «anticomunista».

Una falsa credenza imposta dal lavaggio del cervello a cura della propaganda comunista del dopoguerra. Il Pci, che tutto era meno una forza democratica, fece passare, per legittimarsi, l'equazione comunismo uguale antifascismo uguale ardente passione per la democrazia. Chi non era comunista dunque era sospetto: forse anti-democratico, forse «fascista». Una falsità che ancora oggi, come il «caso Fedez» dimostra, continua a produrre danni. In realtà, nell'Italia della Guerra civile, c'erano forze democratiche anti-fasciste ma nient'affatto comuniste. C'erano i liberali, i cattolici, i socialisti riformisti. Famiglie politiche che, secondo il pensiero comunista, non avevano diritto di cittadinanza. E infatti furono emarginate culturalmente. Per dirsi democratici non è sufficiente dichiararsi anti-fascisti. È necessario anche essere anti-comunisti perché il comunismo, incluso quello italiano, era un movimento totalitario. Dunque cosa avrà mai detto di male Fedez?

Commenti

vince50

Dom, 26/10/2014 - 09:35

Se non condividere il pugno chiuso significa essere Fascista,lo sono anch'io, c***o se lo sono e a pieno titolo.La mano tesa non ha nulla da nascondere,il pugno chiuso certamente si tranne per quelli che non vogliono ne vedere ne sapere.

Ritratto di fornacchia

fornacchia

Dom, 26/10/2014 - 10:08

Giusto vince50, un pugno chiuso, all'interno può nascondere molte cose: lo sanno quegli 80 milioni di morti che pensavano di aver trovato nel comunismo la libertà ed invece hanno trovato la tirannide ed il martirio.

diegom13

Dom, 26/10/2014 - 10:12

Mah, immagino che gli diano del "fascista" per l'intento censorio, non per il fatto di non condividere.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Dom, 26/10/2014 - 10:30

@diegom13 - Ma l'intento censorio' è riferibile solo al fascismo e non al comunismo, simboleggiato dal pugno chiuso?

marcello. marilli

Dom, 26/10/2014 - 10:32

mi ritrovo su quanto scritto da vince50. ma in quale paese non si può esprimere un concetto contrario a quello della vulgata (si vulgata)comunista ? in questo caso poi un semplice rapper, che neanche conosco, ha fatto un ragionamento semplicemente musicale che ha suscitato un vespaio di polemiche da fine del mondo.ma quando questo dannato paese ed i suoi abitanti la finirà con fascisti ed antifascisti di vecchia memoria e stantia dal punto di vista intellettuale . non se ne può più . questo rapper ha avuto, forse senza neanche saperlo,affrancarsi dai soliti mantra di sx ed è stato infamato a tutti i livelli anche da persone che neanche sanno cosa è stato il fascismo . certamente perchè non leggno (o non sanno)niente riguardo certi òperiodi storici che fanno parte ,volenti o nolenti, del ns passato. se poi devo essere infamato come Fedex perchè trovo che il pugno chiuso è una grande mistificazione storica e culturale ,bene,mi ritrovo al suo fianco e gli dico anche BRAVO !

marcello. marilli

Dom, 26/10/2014 - 10:38

diegom13, se fosse vero quello che lei pensa circa "l'intento censorio" , mi spieghi perchè una persona deve essere etichettata in termini(per loro)spregiativi per il semplice fatto di esprimere un suo pensiero che può anche divergere dal loro. siamo alla follia . forse ci vogliono riportare ai tempi della santa madre russia con il KGB che ,come il grande fratello, controlla la vita di ogni cittadino e ne determina la vita o la morte .spero di sbagliare .

Cobra71

Dom, 26/10/2014 - 11:15

Come al solito, i veri fascisti sono i sinistroidi che non perdono tempo a manifestare tutta la loro immensa ipocrisia verso chi la pensa diversamente da loro o verso chi semplicemente espone una normale critica. Che massa di ipocriti!!! Fiero di essere di DESTRA!

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Dom, 26/10/2014 - 11:32

Questo è il nuovo Saviano..l'utile idiota da portare in auge con i media organici alla casta per acquisire consensi tra i giovani..pronti a scaricarlo quando avrà esaurito i suo Compito!

Dante Cruciani

Dom, 26/10/2014 - 11:55

Che cosa è successo: Fedez, nel corso della puntata, ha evidenziato l'incongruenza di recitare un testo connotato dal punto di vista politico, all'interno di un contesto (quale quello televisivo e nella fattispecie di X-Factor) portatore evidente di valori inconciliabili. Ma il paese in cui viviamo ragiona per luoghi comuni e dogma. Fra questi, quello di non considerare mai come forme di cultura ciò che proviene se non dai benestanti reduci del sessantotto o in aggiunta, l'impossibilità di renderli oggetto di critica. Dalla, De Gregori, Vecchioni, Finardi e compagni, hanno fatto cassa per decenni, con abile opportunismo, per poi nel tempo recente... ricredersi.... Bravo Fedez.

marcomasiero

Dom, 26/10/2014 - 12:07

bravo sto Fedez ! bravo anche vince50 ! condivido ! ... che poi parlando di censura se si vuole offendere il censore si dovrebbe additarlo come comunista visto che fu peggio proprio quella comunista (vedi i gulag) di quella del ventennio.

san62

Dom, 26/10/2014 - 12:23

magari fosse veramente fascista!!! basta con queste canzoni filobolsceviche che mi hanno rotto i cosidetti da quando ero ragazzo!non le ho mai potute sopportare!!!

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 26/10/2014 - 13:58

i kompagni il pugno chiuso se lo possono mettere tranquillamente in quel posto..magari godono pure..CIALTRONI E CANAGLIE

gioch

Dom, 26/10/2014 - 14:00

Fedez doveva incazzarsi per essere stato affiancato al "suo" amico Gasparri che lo ha definito "coso dipinto".Paese morto di meschinità.

Ritratto di r.peddis

r.peddis

Dom, 26/10/2014 - 14:13

fornacchia ma i milioni di morti della mano tesa pensa che la pensino diversamente dai morti del pugno chiusio ??

Ritratto di atlantide23

atlantide23

Dom, 26/10/2014 - 14:14

fedez...ti hanno solo fatto un grande complimento...non aver paura!

Ritratto di navigatore

navigatore

Dom, 26/10/2014 - 14:25

l?ieologia comunista è stata sempre sinonimo di -potere=terrore=pervaricazione=annullamneto della dignità umana,per questo gente come , Stalin-Mao- Polpot- Tito-Castro- Chavez, hannopotuto governare DEMOCRATICAMENTE in forma dittatoriale...

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Dom, 26/10/2014 - 14:46

Un piccolo appunto a Gnocchi: assieme ai comunisti, la maggiore forza combattente della resistenza non erano né i liberali, né i cattolici, né i socialisti riformisti, ma i monarchici cosiddetti azzurri (nulla a che fare con Forza Italia), che combattevano "per il re e per la patria". Si rilegga - o, più probabilmente, si legga - Beppe Fenoglio, ex-partigiano azzurro anche lui, in particolare Il partigiano Johnny e I ventitré giorni della città di Alba.

tofani.graziano

Dom, 26/10/2014 - 17:27

Se la mano tesa vuol significare Mussolini, fascismo e simili e il pugno chiuso invece stalin pol-pot mao e simili, io non ho dubbi sto'incondizionatamente e con fierezza con i primi, che anche se non esenti da errori, sono infinitamente e dico INFINITAMENTE migliori degli altri. I sinistri pensino ai pugni loro e la smettano di menarci sempre la loro(FARSA)superiorita' democratica

francoberto

Dom, 26/10/2014 - 18:02

Alla faccia della perspicacia...lo scoprite adesso,dopo oltre 70 anni di stomachevole e mistificatoria vulgata comunista,resa possibile dalla vigliaccheria dei cosiddetti"benpensanti" e da profittatori vari,usi al falso ideologico come le capre al pascolo,sempre a servizio di chi urla più forte e minaccia sfracelli? Alla faccia...Ma stia tranquillo il Fedez,non vagisca,se in tutto questo tempo i pochi fascisti"residuati" sono almeno come me,lui, con quel...non può esserlo di certo.Stia sereno,noi del club siamo pronti ad attestarlo formalmente. E a tutti voi buona dissertazione sull'antifascismo da bar dello sport,abbuffatevi di democrazia,quella che ci sta deliziando da settant'anni a questa parte,con risultati crescenti:bassezze inenarrabili da una parte(quella occidentale,per intenderci)e l'ISIS dall'altra... AUGURI e BUON ANTIFASCISMO!

Ritratto di federalhst

federalhst

Dom, 26/10/2014 - 19:42

@r.peddis - Di che si stupisce? Quando si maturano giudizi unicamente sulla base della propria faziosità politica è più che normale avere due pesi e due misure. Io dico che i moderati pensanti sono sempre meno, e a leggere Il Giornale ne ho sempre di più conferma.

Ritratto di IlBurlone

IlBurlone

Dom, 26/10/2014 - 21:35

Fascista? Si, come no.Basta guardarlo per rendersene conto.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 27/10/2014 - 00:39

È sconvolgente constatare come a distanza di più di mezzo secolo dalla fine della guerra e del fascismo certi stereotipi dei comunisti più trinariciuti sopravvivano ed abbiano plagiato le nuove generazioni. LE IDEE MUMMIFICATE DEI TRINARICIUTI CONTAGIANO I GIOVANI COME UNA PESTE ROSSA.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 27/10/2014 - 00:42

Il culturame rosso ha colpito ancora. Chi ci potrà liberare da questo orrendo e fetido marciume da intellettualoidi frustrati?