“I giovani del Premio Ricoh”, la mostra a Milano dal 9 marzo

Il Ricoh è considerato uno tra i più importanti premi per giovani autori della contemporary art

Dopo sei anni, la mostra “I giovani del Premio Ricoh”, cambia sede: dall'Oberdan, non più disponibile alle rassegne d'arte, passa allo spazio espositivo di Mondadori Megastore di via Marghera 28, a Milano, dove sarà inaugurata giovedì 9 marzo. Il Ricoh è considerato uno tra i più importanti premi per giovani autori della contemporary art, ed è caratterizzato dalla forte connotazione di csr, corporate social responsibility.

E' nato per aiutare i giovani artisti a farsi conoscere e ad imporsi sul mercato. I partecipanti erano tenuti a interpretare uno dei valori di Ricoh, traducibile nella formula “l'innovazione ecocompatibile”. Anche quest'anno le richieste d'adesione, raccolte anche con la collaborazione di Accademie e Scuole d'arte sono state oltre 500. Tra queste, gli organizzatori hanno individuato i 21 finalisti (suddivisi in tre sezioni: pittura, scultura e fotografia) che partecipano alla mostra in Mondadori, in cartello sino al 19 marzo. Una giuria composta da rappresentanti del mondo dell'arte, delle istituzioni, dei media e della business community, scegliera il vincitore assoluto e i tre vincitori per categoria.

Due le altre novità di questa edizione: la collaborazione con Mondadori Store, che ha appunto messo a disposizione la sede, e la presidenzaa della giuria, passata dal professor Giacinto di Pietrantonio, direttore del Gamec, uno dei più autorevoli critici a livello internazionale, a Giorgio Grasso, curatore del Padiglione Armenia della Prossima Biennale di Venezia, dove, nel 2011 era stato il coordinatore del Padiglione Italia.