Lutto nella musica: morta l'erede di Puccini

L'unica erede del compositore Giacomo Puccini è morta a 89 anni. Aveva dedicato la sua vita a valorizzare i luoghi cari al nonno

È morta a 89 anni Simonetta Puccini, unica erede e nipote del grande compositore Giacomo Puccini (1858-1924).

La donna era ricoverata al Policlinico di Milano, dove è stata allestita la camera ardente. I funerali si terranno mercoledì prossimo alle 15 nella chesa Don Bosco di Viareggio (Lucca).

Nel 1996 Simonetta Puccini divenne proprietaria dell'attuale Villa Museo Puccini, situata a Torre del Lago, una frazione di Viareggio sulle rive del Lago di Massaciuccoli. Nel gennaio 2005 la nipote ha istituito la Fondazione che prende il suo nome "per perseguire al meglio gli obiettivi prefissati", come ad esempio i diversi restauri che hanno ridato alla Villa Puccini l'aspetto di una casa ancora abitata. Il 2012 ha visto il compimento di importanti restauri come il rifacimento del tetto e il ripristino della facciata riportata all'antico colore e nel 2016 è stata inaugurata la camera del maestro autore di tante celebri opere liriche, da "La Bohème" a "Madame Butterfly", che è stata aperta alle visite del pubblico.

"Ha dedicato la sua vita con passione e devozione al ricordo, alla tutela e alla valorizzazione dell'immagine del nonno e dei luoghi da lui amati", ricorda la Fondazione Simonetta Puccini. "È stato un percorso faticoso e difficile voluto con anima e cuore da Simonetta che trova continuamente un positivo riscontro da parte dei migliaia di visitatori, entusiasti e partecipi, che ogni anno visitano la Villa Puccini".La Fondazione Simonetta Puccini raccoglie l'opera dell'Istituto di Studi Pucciniani e dell'Associazione Amici delle Case di Giacomo Puccini e promuove, per statuto, le attività "utili per la conservazione, valorizzazione, conoscenza e diffusione del patrimonio artistico di Giacomo Puccini, dell'ambiente e dei luoghi dove il maestro visse e compose le sue opere".

Nel 1995 Simonetta vinse la sua lunga ed estenuante battaglia giudiziaria per essere riconosciuta come unica nipote in primo grado del celeberrimo compositore della "Tosca". All'epoca l'eredità ammontava a 24 miliardi e 662 milioni di lire, tra immobili, beni mobili e diritti d'autore maturati: un terzo del patrimonio fu assegnato, secondo una sentenza del Tribunale di Lucca, a Simonetta Puccini. La sentenza di primo grado fu emessa dopo che la Cassazione, sollecitata da un ricorso, aveva rimandato gli atti al tribunale competente per un vizio di forma. L'asse ereditario diretto aveva escluso Simonetta Puccini: il maestro, alla sua morte, lasciò i propri averi al figlio Antonio, che a sua volta li lasciò alla moglie Rita Dell'Anna e, alla morte di lei, al fratello della donna, il barone Livio Dell'Anna. Il nobiluomo, morto nel 1987, aveva indicato nel testamento quattro soggetti, esclusa Simonetta Puccini e la donna, riconosciuta erede dal tribunale, aveva poi impugnato il testamento.

Commenti
Ritratto di tomari

tomari

Dom, 17/12/2017 - 17:59

Il Grande Giacomo Puccini che musicò l' Inno a Roma nel 1919, e che, i somari comunisti pensano sia un inno fascista. Scritto è musicato 3 anni PRIMA della marcia su Roma. D'altra parte non c'è da meravigliarsi, o sei comunista o sei intelligente.

alfa553

Lun, 18/12/2017 - 13:40

Se per questo che scrive esiste una relazione tra la musica e chi e erede dei diritti ,vuol dire che lui non capisce una mazza e per altri che siamo alla frutta.Povera italia.

fifaus

Sab, 23/12/2017 - 19:14

alfa553: scrivere in modo che si comprenda ciò che lei desidera esprimere è troppo difficile?