Islam, immigrati, ebrei. Non dimentichiamo la Fallaci più scomoda

L'Oriana della "Trilogia" viene ricordata poco perché fuori dagli schemi del politicamente corretto. Ma ci insegna molto

C'è una Oriana Fallaci che non si celebra volentieri perché troppo «controversa» per gli schemi del politicamente corretto. È la Fallaci post 11 settembre, quella della Trilogia . Nelle mostre e celebrazioni più o meno ufficiali è finita un po' ai margini. La recente biografia, per altri versi eccellente, scritta da Cristina De Stefano ( Oriana, una donna , Rizzoli) dedica agli ultimi anni della scrittrice 14 pagine su 312, poche se rapportate al successo della Trilogia , e al dibattito che sollevò. La Fallaci interpretata a teatro da Monica Guerritore in Mi chiedete di parlare , al di là delle migliori intenzioni, suggeriva che esistessero due Oriane: una buona, quella degli anni Settanta, e una cattiva, quella del nuovo millennio, vittima della rabbia e dell'orgoglio. Sulla Fallaci che vedremo su Raiuno, L'Oriana con Vittoria Puccini, nulla si può dire ma le produzioni destinate alla prima serata tv raramente brillano per anticonformismo. Speriamo sia una bella sorpresa.

La cronaca suggerisce che una rilettura della Fallaci «cattiva» potrebbe fornire spunti di riflessione sui temi del momento e del futuro: l'immigrazione, l'ascesa del fondamentalismo islamico in Medio Oriente, le sue mire espansionistiche, la persecuzione dei cristiani, la paura che i terroristi siano già nelle nostre città, il fallimento della guerra in Iraq, la rinascita dell'antisemitismo. Di cos'altro ha scritto, se non di questo, la Fallaci dopo il 2001?

Partiamo dall'immigrazione. I politici sembrano considerare i barconi un «semplice» flusso di manodopera (in nero) o di potenziali elettori. Secondo la Fallaci invece siamo di fronte a un evento di portata storica, con tutte le conseguenze culturali del caso. Le masse provenienti dai Paesi musulmani sono ritenute in grado di innescare un processo che conduce alla fine del sistema democratico. Ecco cosa scriveva: «L'Europa non è più l'Europa. È diventata una provincia dell'Islam come la Spagna e il Portogallo al tempo dei Mori. Ospita sedici milioni di immigrati musulmani, cioè il triplo di quelli che stanno in America» ( La Rabbia, l'Orgoglio, e il Dubbio , Corriere della Sera , 14 marzo 2003). Ancora: «Sto dicendo che, proprio perché è definita da molti secoli e molto precisa, la nostra identità culturale non può sopportare un'ondata migratoria composta da persone che in un modo o nell'altro vogliono cambiare il nostro sistema di vita. I nostri principii, i nostri valori. Sto dicendo che da noi non c'è posto per i muezzin, pei minareti, pei falsi astemi, per il fottuto chador e l'ancor più fottuto burkah. E se ci fosse, non glielo darei. Perché equivarrebbe a buttar via Dante Alighieri, Leonardo da Vinci, Michelangelo, Raffaello, il Rinascimento, il Risorgimento, la libertà che abbiamo bene o male instaurato, il benessere che abbiamo indubbiamente raggiunto. Equivarrebbe a regalargli la nostra Patria, insomma. L'Italia. E l'Italia io non gliela regalo» ( La Rabbia e l'Orgoglio , Rizzoli, 2001).

Alla Fallaci la guerra, che conosceva bene, sia per averla combattuta da ragazzina, sia per averla raccontata da adulta, faceva orrore. Il ricordo della Resistenza, e dell'opposizione Alleata al nazismo, le aveva però lasciato la convinzione che esistessero guerre giuste e legittime. Inoltre chiamava le cose col loro nome e dunque l'idea stessa di «guerra umanitaria» la faceva ridere. Scrive ne La Rabbia, l'Orgoglio, e il Dubbio : «L'umanitarismo non ha niente a che fare con le guerre. Tutte le guerre, anche quelle giuste, anche quelle legittime, sono morte e sfacelo e atrocità e lacrime». Sul fatto che la guerra in Iraq lanciata da Bush Junior fosse giusta e legittima, la Fallaci aveva qualche dubbio, anche se nelle sue posizioni non c'era traccia di anti-americanismo. Ma anche ammesso, e non concesso, che fosse lecito deporre Saddam, l'ottimismo degli Usa le sembrava fuori luogo: «gli americani sono certi che a Bagdad verranno accolti come a Roma e a Firenze e a Parigi. “Ci applaudiranno, ci getteranno fiori” mi ha detto tutto contento una testa d'uovo di Washington. Forse. A Bagdad può succedere di tutto. Ma dopo? Che succederà dopo? Oltre due terzi degli iracheni che nelle ultime “elezioni” hanno dato il cento per cento dei voti a Saddam sono sciiti che da sempre vagheggiano di stabilire la Repubblica islamica dell'Iraq. E negli anni Ottanta anche i sovietici vennero accolti bene a Kabul. Anche i sovietici imposero la loro pax con l'esercito. Convinsero addirittura le donne a togliersi il burqa: rammenti? Però dieci anni dopo dovettero andarsene, cedere il passo ai Talebani. Domanda: e se, invece di scoprire la libertà, l'Iraq diventasse un secondo Afghanistan? E se, invece di imparare la democrazia, l'intero Medio Oriente saltasse in aria o il cancro si moltiplicasse? Di paese in paese, con una specie di reazione a catena...». La democrazia non è esportabile, pensava la Fallaci, perché opposta al Corano, che detta le regole anche ai Paesi laici a maggioranza musulmana. La libertà è estranea «al tessuto ideologico dell'Islam», che è il «totalitarismo teocratico» in cui non c'è posto per le scelte individuali. E «chiunque neghi l'individualismo nega la civiltà occidentale». ( La Forza della Ragione , Rizzoli, 2004).

L'articolo sull'antisemitismo pubblicato da Panorama il 18 aprile 2002, con poche varianti, si potrebbe ristampare tale e quale: «Io trovo vergognoso che obbedendo alla stupida, vile, disonesta, e per loro vantaggiosissima moda del Politically Correct i soliti opportunisti anzi i soliti parassiti sfruttino la parola Pace. Che in nome della parola Pace, ormai più sputtanata delle parole Amore e Umanità, assolvano da una parte sola l'odio e la bestialità. Che in nome d'un pacifismo (leggi conformismo) delegato ai grilli canterini e ai giullari che prima leccavano i piedi a Pol Pot aizzino la gente confusa o ingenua o intimidita. Che la imbroglino, la corrompano, la riportino indietro di mezzo secolo cioè alla stella gialla sul cappotto».

E il cristianesimo? Possiamo intuire cosa direbbe l'atea e anticlericale Fallaci della persecuzione dei cristiani a opera dei fondamentalisti islamici: «Io sono un'atea cristiana... E lo sono perché il discorso che sta alla base del cristianesimo mi piace. Mi convince. Mi seduce a tal punto che non vi trovo alcun contrasto col mio ateismo e il mio laicismo. Parlo del discorso fatto da Gesù di Nazareth, ovvio, non di quello elaborato o distorto o tradito dalla Chiesa Cattolica, anche dalle Chiese Protestanti. Il discorso, voglio dire, che scavalcando la metafisica si concentra sull'Uomo. Che riconoscendo il libero arbitrio cioè rivendicando la coscienza dell'Uomo ci rende responsabili delle nostre azioni, padroni del nostro destino. Ci vedo un inno alla Ragione, al raziocinio, in quel discorso. E poiché ove c'è raziocinio c'è scelta, ove c'è scelta c'è libertà, ci vedo un inno alla Libertà» ( La Forza della Ragione ). Una Libertà da difendere senza porgere l'altra guancia.

Commenti
Ritratto di Roberto_P

Roberto_P

Mar, 12/08/2014 - 10:47

Grande Oriana

orione43

Mar, 12/08/2014 - 10:56

Solo i fanatici teste di vitello possono dimenticare ciò che ha scritto e riscritto la mitica "Cassandra" riguardo al comportamento della politica italiana ed europea nei confronti di questi fanatici seguaci dell'islam. Ricordatevi che il 2050 anno di previsione della Fallaci dove l'Europa sarà tutta islamizzata si avvicina ed allora date delle spiegazioni ai vostri figli il perché hanno perso diritti, democrazia e dovranno professare obbligatoriamente il "corano". E' ora di darsi tutti una svegliata prima che sia troppo tardi.

plaunad

Mar, 12/08/2014 - 11:07

Finalmente qualcuno che ha il coraggio di dire esplicitamente la verità che é sotto gli occhi di tutti ma che, per il politically correct e per il buonismo imperante, non si può dire. Complimenti vivissimi.

Ritratto di Gelsyred

Gelsyred

Mar, 12/08/2014 - 11:20

Ne vedremo delle belle tra un pò. In Svezia ci sono migliaia di siriani che ci metteranno poco a creare un nuovo califfato. Poi toccherà anche a noi. Oriana aveva ragione.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 12/08/2014 - 11:21

La Fallaci ha commesso l'imperdonabile errore di abbandonare le tematiche resistenziali per dedicarsi a quelle, scomodissime, del politically uncorrect. In assenza di questa "svista" le sue spoglie mortali sarebbero onorate, oggidì, in S. Croce. Vicino a quelle del Foscolo.

Ritratto di Rik1954

Rik1954

Mar, 12/08/2014 - 11:27

grande Oriana,i suoi libri dovrebbero essere resi obbligatori a scuola ma finchè ci saranno questi cattobuonisticomunisti di facciata al governo credo che dovremo rassegnarci. E per i nostri figli e nipoti sarà troppo tardi

Oraculus

Mar, 12/08/2014 - 11:54

La Fallaci? , ha tradito il comunismo! , imperdonabile e sino a quando in Italia impreversera' la pseudo "liberta'" che ci concedono i governanti della sinistra , la sua tiologia , rimarra' nel conveniente oblio del dimenticatoio. La Oriana ci ha lasciato un testamento nettamente avversato per invalidare la sua grandezza opinionistica che maturando nel tempo aveva dovuto smentire il suo passato di militante convinta di una filosofia comunista , Eurabia e' ormai non piu' un embrione , le sue cellule godono di contributi spaventosi che specialmente dall'Italia trovano rispetti e considerazione per un loro piu' rapido evolversi proprio grazie a quel comunismo che pare voglia sottrarre al cristiano quanto poi il comunista ci sta offrendo come scellerata...solidarieta' multietnica che pagheremo molto cara...l'alieno ha suggerito la coscienza di Oriana il quanto che lealmente ella ha trascritto nella sua trilogia...per amore a noi e all'Europa intera. Grazie e onore a te Oriana Fallaci.

claudio faleri

Mar, 12/08/2014 - 11:59

grande oriana, molto realista e vera, i nostri politici sono una massa di ruffiani, specialmente i comunisti, nonostante tutti i soldi che hanno succhiato in 50 anni

claudio faleri

Mar, 12/08/2014 - 12:01

la politica ed anche il vaticano subisce l'islam, credi che dipenda dalla moltitudine di soldi che possiedono e dall'ignoranza in cui tengono i loro greggi

claudio faleri

Mar, 12/08/2014 - 12:04

loro sfornano figli come conigli, perchè la loro religione gli dici che servono per occupare i territori....n sterilizzati

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mar, 12/08/2014 - 12:16

GRAZIE FALLACI, MA IN ITALIA TI OSSEQUIANO SOLO PERCHÉ SEI MORTA... IN ITALIA, TANTA VIGLIACCHERIA e conseguentemente tanta chiusura mentale, meschinitá e totale incapacitá di vedere la situazione complessiva del Paese e indicare chiara e coerente la soluzione da seguire ... Nessuno in condizione di comprendere che l´apparato "pubblico" sopra il Paese che muore deve essere ridotto drasticamente, di parlare chiaramente e agire necessariamente per dare impulso alle forze produttive e alla intelligenza ... Il piano inclinato del conformismo e della ottusitá ignorante e prepotente in cui il Paese sta rigidamente precipitando nel disastro é intoccabile ... Si confida che se questa oppressione dell´apparato "pubblico" sopra al Paese c´é stata sempre sia qualcosa di assolutamente "normale" e potrá continuare ad esistere indefinitivamente ... L´importante é non farci troppo caso se per un minimo di repressione, che nella vita é "normale" e meglio ancora "giusta" e in píú avvalorata dalla "supremazia" degli scritti della Carta, sempre piú le fabbriche chiudono, i lavoratori si ritrovano senza lavoro e i giovani sono incanalati alla unica uscita possibile della violenza, della dissoluzione della coscienza, della prepotenza e della delinquenza ... DOVE SI POTRÁ ARRIVARE? ... Nessuno lo puó dire ... Certo é che a distanza di 25 anni dalla caduta del Muro di Berlino, il Muro italiano é piú marcio che mai ... Certo é che per mantenersi in piedi si sforza di trovare la sua salvezza in una rigidezza inaudita... Certo é che non esiste fondo all´Inferno ... Meno che mai per nessun chiuso ammasso di feroci, ottusi e ignoranti pidocchi ... Meno che mai per nessuno che si é risolto a soffocare e uccidere la luce della propria coscienza ... Forse é giá sapere troppo per chi voglia aprire gli occhi.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mar, 12/08/2014 - 12:17

GRAZIE FALLACI, MA IN ITALIA TI OSSEQUIANO SOLO PERCHÉ SEI MORTA... IN ITALIA, TANTA VIGLIACCHERIA e conseguentemente tanta chiusura mentale, meschinitá e totale incapacitá di vedere la situazione complessiva del Paese e indicare chiara e coerente la soluzione da seguire ... Nessuno in condizione di comprendere che l´apparato "pubblico" sopra il Paese che muore deve essere ridotto drasticamente, di parlare chiaramente e agire necessariamente per dare impulso alle forze produttive e alla intelligenza ... Il piano inclinato del conformismo e della ottusitá ignorante e prepotente in cui il Paese sta rigidamente precipitando nel disastro é intoccabile ... Si confida che se questa oppressione dell´apparato "pubblico" sopra al Paese c´é stata sempre sia qualcosa di assolutamente "normale" e potrá continuare ad esistere indefinitivamente ... L´importante é non farci troppo caso se per un minimo di repressione, che nella vita é "normale" e meglio ancora "giusta" e in píú avvalorata dalla "supremazia" degli scritti della Carta, sempre piú le fabbriche chiudono, i lavoratori si ritrovano senza lavoro e i giovani sono incanalati alla unica uscita possibile della violenza, della dissoluzione della coscienza, della prepotenza e della delinquenza ... DOVE SI POTRÁ ARRIVARE? ... Nessuno lo puó dire ... Certo é che a distanza di 25 anni dalla caduta del Muro di Berlino, il Muro italiano é piú marcio che mai ... Certo é che per mantenersi in piedi si sforza di trovare la sua salvezza in una rigidezza inaudita... Certo é che non esiste fondo all´Inferno ... Meno che mai per nessun chiuso ammasso di feroci, ottusi e ignoranti pidocchi ... Meno che mai per nessuno che si é risolto a soffocare e uccidere la luce della propria coscienza ... Forse é giá sapere troppo per chi voglia aprire gli occhi.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mar, 12/08/2014 - 12:25

GRAZIE FALLACI, MA IN ITALIA TI OSSEQUIANO SOLO PERCHÉ SEI MORTA... IN ITALIA, TANTA VIGLIACCHERIA e conseguentemente tanta chiusura mentale, meschinitá e totale incapacitá di vedere la situazione complessiva del Paese e indicare chiara e coerente la soluzione da seguire ... Nessuno in condizione di comprendere che l´apparato "pubblico" sopra il Paese che muore deve essere ridotto drasticamente, di parlare chiaramente e agire necessariamente per dare impulso alle forze produttive e alla intelligenza ... Il piano inclinato del conformismo e della ottusitá ignorante e prepotente in cui il Paese sta rigidamente precipitando nel disastro é intoccabile ... Si confida che se questa oppressione dell´apparato "pubblico" sopra al Paese c´é stata sempre sia qualcosa di assolutamente "normale" e potrá continuare ad esistere indefinitivamente ... L´importante é non farci troppo caso se per un minimo di repressione, che nella vita é "normale" e meglio ancora "giusta" e in píú avvalorata dalla "supremazia" degli scritti della Carta, sempre piú le fabbriche chiudono, i lavoratori si ritrovano senza lavoro e i giovani sono incanalati alla unica uscita possibile della violenza, della dissoluzione della coscienza, della prepotenza e della delinquenza ... DOVE SI POTRÁ ARRIVARE? ... Nessuno lo puó dire ... Certo é che a distanza di 25 anni dalla caduta del Muro di Berlino, il Muro italiano é piú marcio che mai ... Certo é che per mantenersi in piedi si sforza di trovare la sua salvezza in una rigidezza inaudita... Certo é che non esiste fondo all´Inferno ... Meno che mai per nessun chiuso ammasso di feroci, ottusi e ignoranti pidocchi ... Meno che mai per nessuno che si é risolto a soffocare e uccidere la luce della propria coscienza ... Forse é giá sapere troppo per chi voglia aprire gli occhi.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 12/08/2014 - 12:26

la Fallaci aveva senz'altro ragione a mettere in guardia contro l'invasione islamica. D'accordo con lei. Ma non ha compreso chi vuole questo.... tra cui soprattutto i sionisti.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 12/08/2014 - 12:28

Chi vuole gli immigrati? 1) il sistema mercantilista che vuole un mercato unico. Un mercato unico non può esistere finché i popoli diversi non diventano una massa di sradicati. Culture diverse vanno abolite per fare spazio a un solo tipo di consumatore. 2) Universalisti ossia la chiesa e la sinistra egualitarista, storicamente internazionalisti; 3) profittatori vari: associazionismi, industriali in cerca di schiavi, sindacati, ecc....

rosa52

Mar, 12/08/2014 - 13:45

pensare a quanto i comunisti l'hanno boicottata,denigrata solo perche'era la voce della verita' e lei metteva a nudo la loro ipocrisia ,ora pero' si avvera tutto cio'che lei aveva pevisto...purtroppo per noi e per i nostri figli che non avranno un futuro...

Ritratto di federaldo18

federaldo18

Mar, 12/08/2014 - 14:07

Tredici anni fa' la bravissima Oriana Fallaci ha inquadrato l'inevitabile nascita verso il 2050 dell'Eurabia! E' possibile che i nostro governanti cattocomunisti abbiano una tale malafede ed ottusità mentale da precludere, in un non lontano futuro, la fine della nostra libertà ? Penso che, per noi italiani, sarebbe auspicabile un governo presidenziale retto da un uomo incorruttibile che chiuda le nostre frontiere alla maggior parte degli immigrati, facendo entrare solo quelli onesti e rispettosi e non certo i fanatici di qualsiasi altra religione che sono pronti ad uccidere noi..."infedeli " . Idioti quei politici che hanno eliminato il reato di clandestinità: tutta l'Europa ci ride alle spalle e ci obbliga a tenerci tutti gli immigrati, buoni e cattivi che siano, a casa nostra !

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Mar, 12/08/2014 - 14:11

Omaggio all’Antica Signora scritto alla sua morte. (15 settembre 2006) – “Hai amato l’Italia facendole il pelo e il contropelo tra le urla scomposte di chi, in difesa di una fanatica ideologia, non vuol né vedere né sentire. Ora che la morte ha messo il sigillo su una parte dei tuoi pensieri che non conosceremo mai, ma che non ha potuto zittire il tuo rabbioso, straziante e consapevole grido di doloroso presagio per il mondo che i nostri figli erediteranno, facciamo nostro il tuo dire appassionato; riscopriamo il nostro buon senso e l’umanità che abbiamo dimenticato a favore del nulla e usiamoli per difendere la nostra identità e la nostra cultura fin troppo esposte al mercato del compromesso e della furberia più becera. “Antica Signora” (come amavi definirti), le urla scomposte dei “piazzaioli” spariranno nel vento dell’oblio; le tue parole piene di indomita sincerità, invece, sono già entrate nella Storia e, quando finalmente apriremo occhi, cuore e cervello, faranno la Storia. A nome di tutti i veri Italiani conculcati e che sembrano vinti, ma che saranno gli unici che sulla pietra angolare della tua vita squadrata dal coraggio della verità, sapranno ricostruire sulle macerie di questa sordida decadenza depongo, sulla tua tomba, le dalie della gratitudine”.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mar, 12/08/2014 - 15:10

Indubbiamente ho letto i libri della Grande Oriana, soprattutto gli ultimi. E concordo appieno con la sua posizione. Detto ciò non mi torna qualche conto. Questi animali dell'ISIS sono spuntati all'improvviso e dal nulla. Però, chi ha seguito questo lo sa bene, salta fuori che sono sponsorizzati dall'Arabia Saudita (alleata USA) alla quale gli statunitensi potrebbero dire di smetterla di inviare soldi e armi. Non solo, ma ai ribelli siriani, le armi venivano appunto passate dai membri dell'ISIS. Quindi, Saudi Arabia, ISIS, Ribelli siriani. Qualcosa non va nel quadretto, perché da quando in qua uno stato agisce CONTRO volere degli USA? Soprattutto uno stato che ha una presenza di truppe USA nel proprio territorio (che potrebbero assalire in qualsiasi momento se volessero). Tutto sembra preparato per la 'tempesta perfetta' che seguirà questi attacchi ISIS. Non solo, ma gli iraniani (ed ho visto un video giusto ieri in merito) stanno combattendo i sunniti al confine iracheno (e socondme me anche oltre il confine). Ergo la guerra tra mussulmani è già iniziata, come tra l'altro quella contro i cristiani e gli ebrei. Sembra una situazione di guerra totale...

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mar, 12/08/2014 - 15:13

Rossella Meneghini, grazie, anche a te ... Nel fetido marciume dominante siamo noi che dobbiamo incontrarci per poterlo appartare e sconfiggere.(Scrivimi, umbertociotti@gmail.com)... Credimi, non esiste nessuna elite culturale nel Paese ... É tutta monnezza, tutta una brutta maschera ammuffita e scomposta (con dentro un "nulla" riempito di vigliacco e meschino egoismo), quella che ha usurpato in Italia i luoghi della Cultura, della Politica e della Giustizia.

mazza

Mar, 12/08/2014 - 16:01

Se fossi ancora qui, potresti istruirci ancora una volta con le tue parole, potresti scuotere le nostre menti, potresti insomma fare cose delle quali abbiamo ora più che mai bisogno. Invece, non ci resta che rileggere ciò che tu già avevi intuito e che nessuno ha avuto il coraggio di ascoltare: le parole di una "Fallaci scomoda".

mazza

Mar, 12/08/2014 - 16:03

Se fossi ancora qui, potresti istruirci ancora una volta con le tue parole, potresti scuotere le nostre menti, potresti insomma fare cose delle quali abbiamo ora più che mai bisogno. Invece, non ci resta che rileggere ciò che tu già avevi intuito e che nessuno ha avuto il coraggio di ascoltare: le parole di una "Fallaci scomoda".

eloi

Mar, 12/08/2014 - 16:27

Oriana ha datato il 2050 indicando che l'invasione totale sarà fatta con il mezzo biologico dell'utero. Infatti oggi la famiglie chiamabili "numerose" sono quelle di tradizionale fede islamica.

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Mar, 12/08/2014 - 20:51

Ahahaha ben presto nei libri di storia delle scuole elementari inizieranno a scrivere di "allah è grande" e cose simili...infatti stanno già studiando come insierire lo studio del corano e cose simili da far imparare sin dall infanzia ai bambini delle scuole elementari italiani ovviamente.

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Mar, 12/08/2014 - 20:57

"Olai" io dico invece che nel 2050 o prima ci sarà un'altra cacciata a calci in culo di tutti i musulmani dall'europa scommettiamo?! Gia ci hanno provato diverse volte a conquistare l'europa ma hanno sempre fallito (vedi verso il 1682 che fine hanno fatto i turchi ottomani)...beh tranquillo che ci riusciremo anche stavolta! I nostri figli e nipoti scacceranno coloro che vogliono conquistarci!

Ritratto di pietrom

pietrom

Mer, 13/08/2014 - 00:53

Nessun politico se la sente di prendere gli scritti di Oriana Fallaci e farne il suo programma politico? Avrebbe ottime probabilita' di stravincere.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 13/08/2014 - 01:25

La nostra grande e indimenticabile ORIANA con i suoi scritti ha precorso i tempi. Come tutti gli artisti di talento aveva "visto" ciò che stiamo vivendo noi oggi. Leggere i suoi scritti è leggere la cronaca odierna. SOLO I TRINARICIUTI NON L'HANNO CAPITA E STOLTAMENTE DISPREZZATA.