La De Filippi a Sanremo: "Vado gratis o do tutto in beneficenza"

Domani la star di Canale 5 incontra Bonolis. Dal Festival si allontana la Bellucci, che chiede un cachet troppo elevato

Milano - D’altronde questa è la scelta azzeccata. Dopo l’annuncio della sua partecipazione al Festival, Maria De Filippi ha precisato che andrà a Sanremo senza cachet oppure devolverà in beneficenza l’eventuale compenso. «La cosa di cui sono attualmente certa - ha detto ieri - è che la mia partecipazione a Sanremo avverrebbe a titolo gratuito oppure, se sarà possibile, chiederò alla Rai di stabilire una cifra da devolvere interamente all’iniziativa di solidarietà scelta da Paolo Bonolis». Insomma, il quadro è questo: la De Filippi arriverà all’Ariston nella serata finale e farà, secondo quanto si dice, tre o quattro interventi al fianco di Bonolis. Sarà per lei, abituata a essere sola a menare le danze sul palco, una sorta di debutto in questo ruolo che non è quello di «co conduttrice» ma neppure quello di semplice ospite che risponde a un po’ di domande e se ne va tra gli applausi. Per intenderci: il tipico ospite festivaliero finora è stato il John Travolta del Sanremo di Giorgio Panariello (400mila euro di cachet più mostruoso rimborso spese comprensivo di noleggio di un aereo e staff da presidente degli Stati Uniti). Arrivò, si fece massaggiare i piedi da Victoria Cabello ma fece anche addormentare lo share tv. Oppure è come Hugh Grant, che proprio Bonolis ospitò nel 2005 registrando forse la più antipatica ospitata della storia dell’Ariston: arrogante, distaccato, frettoloso. Non avrebbe dovuto essere così Monica Bellucci, con la quale per quest’anno la trattativa pare essere definitivamente arenata a causa, si dice, dell’eccessivo cachet richiesto. In Rai, quest’anno, i cordoni sono (giustamente) molto stretti ed è questo uno dei motivi per cui gli ospiti saranno pochi e molto sorprendenti.

Come Maria De Filippi.
Bonolis, che la chiamò nel suo programma il Senso della vita e rimase entusiasta dell’intervista, cercherà di creare con lei quell’atmosfera pacatamente riflessiva ed euforicamente gioiosa che è poi la sua specialità. Ci sarà interazione, insomma, e il minimo comun denominatore diventerà l’abilità di entrambi di creare suspense sull’esito di una gara: a tutti e due viene benissimo e, guardacaso, il sabato è proprio la serata durante la quale si annunciano i vincitori. «Vedrò Bonolis domani» ha detto la De Filippi. Intanto si gode il clamoroso successo dei brani di Scialla, il disco che raccoglie alcuni dei brani cantati dai ragazzi della scuola di Amici: al terzo posto della classifica dei download (quella più significativa per registrare il gradimento degli under 30) c’è Alessandra Amoroso con Immobile, al quinto e al sesto Due cose importanti di Martina Stavolo e Find a way di nuovo di Alessandra Amoroso. Insomma, un risultato importante, molto più eclatante di quello degli anni scorsi e quindi attenzione: Scialla diventerà uno dei dischi più venduti dell’anno. E magari il prossimo fenomeno del pop uscirà da lì.