Dentisti in piazza: check-up in bocca

Dentisti in piazza per informare sui pericoli del tumore al cavo orale. Seconda edizione, ieri, dell’«Oral Cancer Day» in ottanta piazze italiane. Il gazebo romano è stato allestito in piazza san Lorenzo in Lucina dove alcuni dentisti, coadiuvati da studenti e neolaureati in Odontoiatria, hanno invitato cittadini e turisti a effettuare visite gratuite. É sufficiente telefonare al numero verde 800911202 e prenotare entro il 31 ottobre un controllo alla bocca. Testimonial d’eccezione della campagna 2008 è stato Max Laudadio, il coriaceo inviato di Striscia la Notizia.
Il tumore del cavo orale è l’ottava forma tumorale più diffusa al mondo e può interessare gengive, lingua e tessuti molli della bocca. I fattori di rischio fondamentali sono soprattutto il fumo e l’abuso di bevande alcoliche e superalcoliche. Ma non vanno dimenticati i rischi ambientali come l’esposizione a sostanze cancerogene di natura chimica, l’alimentazione sbagliata (poca frutta e verdura) e naturalmente la scarsa pulizia dei denti. In Italia colpisce ogni anno 6000 persone con un tasso di mortalità a 5 anni di oltre il 70 per cento. È un virus che interessa principalmente gli uomini (l’85 per cento dei casi) nella fascia d’età dai 50 ai 70 anni.
«L’Oral Cancer Day prevede che i dentisti volontari dell’Andi effettuino visite di controllo gratuite per la diagnosi di queste neoplasie. - spiega Marco Landi, presidente della fondazione Andi -. La diagnosi precoce è infatti fondamentale perché garantisce una sopravvivenza dell’80 per cento, consentendo interventi meno invasivi. In più, è facilmente eseguibile: è sufficiente l’ispezione della mucosa orale durante la quale si valuta se c’è la presenza o meno di lesioni e, nel caso di lesioni sospette, si può consigliare al paziente di rivolgersi a centri di riferimento per indagini più approfondite».
«Con questa iniziativa - aggiunge il presidente dell’Andi, Roberto Callioni - intendiamo evidenziare come la salute della bocca sia importante per mantenere sano tutto l’organismo. I tumori che, grazie alle visite preventive, abbiamo potuto scoprire e quindi segnalare ai centri d’eccellenza che trattano questi pazienti sono stati la conferma che, con l’Oral Cancer Day, abbiamo centrato l’obiettivo principale: curare e cercare di salvare delle vite umane». E vi sembra poco?