La Destra: il Viminale boccia il simbolo

Indiscrezioni confermate: il ministero degli Interni ha ricusato il simbolo del partitoche aveva candidato premier Daniela Santanché. Storace attacca Fini. Tra gli esclusi anche le Dc di Pizza, la Dc di Sandri e l'Ud. Grafiche da cambiare

Roma - Bocciato il simbolo de La Destra. Il ministero dell’Interno ha detto no alla presentazione del logo del partito di Francesco Storace e Daniela Santanché. Secondo quanto si apprende, i tecnici de La Destra sono già a lavoro per fare alcune modifiche al simbolo.Tra i ricusati, anche numerosi simboli legati al nome di Beppe Grillo: "Disoccupati uniti amici di Beppe Grillo", "Forza Grillo", e poi "No euro lista del grillo parlante". Eslcuso anche il "Movimento sociale italiano destra nazionale nuovo Msi". Niente da fare anche per le due Dc, quella di Pizza e quella di Sandri.

Modifiche Il ministero dell’Interno, esaminati i 177 contrassegni depositati per le elezioni politiche del 13 e 14 aprile, ne ha ammessi 147. In 21 casi il ministero ha invitato i depositanti, in base alla normativa vigente, alla sostituzione del contrassegno entro 48 ore dalla notifica. I nove restanti contrassegni sono stati dichiarati senza effetto per carenza di documentazione. Il Viminale ha chiesto alla Dc di Pizza, alla Dc di Sandri, a La Destra e all’Unione democratica per i consumatori di modificare il proprio simbolo. L’articolo 14 della legge elettorale stabilisce che "non è ammessa la presentazione di contrassegni identici o confondibili con quelli presentati in precedenza ovvero con quelli riproducenti simboli, elementi o diciture, o solo alcuni di essi, usati tradizionalmente da altri partiti". I depositanti possono modificare il loro simbolo entro 48 ore oppure presentare ricorso all’ufficio centrale elettorale nazionale presso la Corte di Cassazione.

Stoarce attacca Fini "Per carità di patria e rispetto del lavoro fatto da funzionari dello Stato, non commento come vorrei la notizia della ricusazione del simbolo. Mi limito a osservare che si aggiunge agli attacchi di Berlusconi contro di noi e ai sondaggi che, leggiamo dal sito di Crespi, da oggi ci danno al 4 per cento" commenta Francesco Storace, segretario della Destra. "E, comunque, conoscendo bene Alleanza Nazionale, sapevamo che avevano un solo colpo in canna e lo hanno sparato troppo presto. La Destra e la Fiamma tricolore - conclude - ci saranno eccome".