Donna scrittrice Benedetta Cibrario trionfa nel «Premio Rapallo Carige»

È Benedetta Cibrario la vincitrice della ventiseiesima edizione del Rapallo Carige, l’appuntamento annuale dedicato alle donne scrittrici che ieri sera ha premiato il volume «Sotto cieli noncuranti» edito da Feltrinelli. La cerimonia si è svolta all’Auditorium delle Clarisse, a Rapallo, sotto la guida di Livia Azzariti, con le canzoni di Paola Turci e con Caterina Balivo e Sebastiano Somma che hanno letto brani tratti dai romanzi delle tre finaliste valutate da una specialissima giuria composta da 10 «tecnici» e 60 lettori popolari. Benedetta Cibrario ha prevalso con 31 voti, su Margherita Oggero, 19 voti, e Camilla Baresani, 13, le altre due finaliste rispettivamente con i romanzi «Risveglio a Parigi» (Mondadori) e «Un’estate fa» (Bompiani). Tre scrittrici, comunque, che hanno fatto delle donne le protagoniste dei loro racconti. A partire dalla piccola Matilde - uscita dalla penna di Benedetta Cibrario - che a soli 12 anni perde la madre e da sola riesce a rielaborare il dolore della morte creando un nuovo sistema di relazioni familiari col padre (magistrato) e le sorelle rimasti inermi di fronte alla tragedia. La protagonista di «Un'estate fa» si chiama Erica, giornalista milanese che vive un'appassionante storia amorosa extraconiugale col produttore romano Arnaldo. Mentre in «Risveglio a Parigi», Margherita Oggero si è divertita a dipingere con ironia Silvia, Barbara e Mariangela, trentenni che si sentono ancora nell'adolescenza. A portarle nel mondo reale questa volta ci pensa Manuel, il figlio di 7 anni di Mariangela, che tra rotture di scatole varie riesce a rovinare il viaggio a Parigi delle ragazze-donne.