E su internet Francesco batte Wojtyla

La classifica dei più cliccati in rete: Pietro il primo degli apostoli, Rita da Cascia la prima donna

Dante aveva già capito tutto. Nel suo paradiso San Francesco d’Assisi era già nel cielo più vicino a Dio. Sono passati secoli, il medioevo è lontano, ma il popolo di Internet conferma le scelte dell’Alighieri. Il frate che parlava ai lupi e agli uccelli è il più popolare tra i santi.
Sul sito www.santiebeati.it ci sono le immagini e le storie di tutti i testimoni della fede. C’è Sant’Odilia, badessa di Hohenbourg, nobile alsaziana del VII secolo, con Santa Lucia patrona dei ciechi. C’è San Marco, vescovo di Atina, morto sotto Diocleziano. Veniva dalla Galilea ed era discepolo di Pietro. Fu ucciso ad Atina, in Ciociaria, nel 96 dopo Cristo, con due chiodi nella testa. Qui, insomma, puoi trovare tutte le notizie su santi, beati e servi di Dio. Ma visto che siamo su Internet non può mancare la classifica dei santi più cliccati. San Francesco è il primo. È il santo dei santi. E la sua fama è antica. Ma dopo di lui c’è il simbolo dell’era globale, il Papa dell’immagine, il «servo di Dio» Giovanni Paolo II, al secolo Karol Wojtyla. Sul terzo gradino siede Fernando di Buglione, nobile portoghese, discendente del crociato Goffredo, conosciuto in tutte le ere e in tutto il mondo come Sant’Antonio da Padova, protettore degli affamati. Al quarto posto c’è il capo supremo dell'esercito celeste, degli angeli fedeli a Dio, antico patrono della Sinagoga oggi patrono della Chiesa Universale. Insomma, San Michele Arcangelo, l’essere che spedì Satana all’inferno. È l’unico dei non umani nella top 50. La prima donna è Santa Rita da Cascia (quinta), il primo apostolo è - ma si sapeva da sempre - San Pietro. Francesco Forgione, cioè San Pio da Pietrelcina, è solo sesto. Seguono, in ordine decrescente: Sant’Anna (madre di Maria), Santa Lucia, Sant’Andrea, San Giuseppe, San Giovanni Bosco. San Nicola di Bari è diciannovesimo, una passo avanti a Santa Chiara. Santa Maria Goretti è trentanovesima, tra Santa Teresa d’Avila e Santa Cecilia. Al quarantatreesimo posto c’è madre Teresa di Calcutta, beata. Il numero cinquanta è San Biagio, vescovo e martire. Per fortuna nella grazia di Dio i santi sono santi e tutti uguali.