Ecco perché si festeggia Santo Stefano

La festività di Santo Stefano, primo martire della Chiesa, è stata istituita dallo Stato italiano nel 1949

Passato il Natale, oggi si festeggia Santo Stefano anche se non tutti sanno chi fosse e perché è così importante per la Chiesa cattolica.

Santo Stefano, ebreo dalla nascita, è il primo e uno tra i più importanti martiri della storia della Cristianità. Ha sacrificato la propria vita per testimoniare la propria fede in Cristo e secondo il Nuovo Testamento fu ucciso intorno all’anno 33 d.C. con l’accusa di blasfemia. Gli atti degli Apostoli descrivono il suo martirio avvenuto per lapidazione, alla presenza di Paolo di Tarso (Saulo) prima della conversione. La festività, ricorda la Stampa, è stata istituta nel 1949, per volontà dello Stato italiano per allungare le festività natalizie così come è stato fatto per quelle pasquali con 'pasquetta'. Santo Stefano si celebra anche in altri Paesi europei, anche protestanti, come Austria, Germania, Irlanda, Danimarca, Catalogna, Croazia, Serbia, Montenegro (è il patrono) e Romania. La Chiesa ortodossa, invece, celebra il protomartire il 27 dicembre.

Commenti

Alfio Carini

Lun, 26/12/2016 - 16:53

Vi siete dimenticati clamorosamente dell'Ungheria,in cui Santo Stefano ne è il Patrono.....

Edith Frolla

Lun, 26/12/2016 - 17:46

Santo Stefano era Greco non ebreo.

Raoul Pontalti

Lun, 26/12/2016 - 18:46

Un ebreo di quasi duemila anni fa con il nome greco che significa corona(to)... Santo Stefano protomartire era ovviamente greco (lo era anche l'evangelista Luca). Vi sono altri santi con lo stesso nome, tra cui Santo Stefano I re di Ungheria la cui ricorrenza è però per l'attuale calendario dei santi il 16 agosto (il 20 agosto in Ungheria).

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Lun, 26/12/2016 - 18:56

Quello che va sottolineato di Santo Stefano, oltre alle sue origini o alla protezione di questa o quella Nazione è che, mentre moriva ha compiuto le stesse azioni di Gesù Cristo. Se posso dire una semplice cosa al riguardo, non capisco come gli ebrei abbiano potuto uccidere Stefano, dato che questo compito, dare la morte ad un cittadino, era appannaggio esclusivo dell'occupante Impero Romano; infatti Gesù fu crocifisso dai romani. Lascio questa domanda ai posteri per i fatto che non ha importanza teolgica spirituale ma soltanto fattuale. Shalòm

wrights

Lun, 26/12/2016 - 19:16

Condivido che era greco ma mi pare che non solo era presente ma lo fece condannare proprio San Paolo, comunque non è morto insieme a Cristo nel 33 d.c. ma nel 36. Per quanto riguarda lo Stefano re e santo patrono dell'Ungheria è il 16 Agosto.