Il 53% degli italiani non comprerà un'auto nei prossimi 3 anni

Nei primi 11 mesi dell'anno le vendite sono crollate del 20%. E nei prossimi tre anni il 53% di italiani non comprerà un mezzo a 4 ruote. Salgono i costi di gestione dell'auto

Le pubblicità su giornali e tv ci sono. Gli sconti pure. Ma gli italiani che pensano di comprare un'auto nel prossimo anno sono solo il 3,7%. E la propensione all'acquisto si è praticamente dimezzata rispetto al dato del 2011 (7,6%). I dati, che fotografano l'austerity del Paese che si riflette nel settore auto, emergono nella ventesima edizione del "Rapporto auto" di Aci e Censis.  Un altro numero conferma la crisi economica in cui versa il Paese: il 52,6% (più di un italiano su due) non ha alcuna intenzione di acquistare una macchina nei prossimi tre anni, a fronte del 43,8% del 2011. Perdura, quindi, "un clima di profondo pessimismo" per il settore.

Nei primi 11 mesi del 2012 le vendite sono crollate: -20% auto, -19% motocicli e -32% ciclomotori. Ma non se la passano bene nemmeno le auto usate (-10%), mentre aumentano le rottamazioni (+3%). Di fronte a questo quadro il 44,7% degli intervistati ritiene che il mercato potrà ripartire solo quando si sarà esaurita la crisi e il 53% dichiara che, davanti ad un’entrata imprevista di 30mila euro (il classico tesoretto), convertirebbe la somma in risparmio anziché consumare. 

Aumentano i costi di gestione delle 4 ruote

I costi di gestione dell’auto sono aumentati del 4,4% passando dai 3.278 euro del 2011 ai 3.425 euro necessari quest’anno per far fronte alle spese fisse di assicurazioni e bolli e a quelle variabili come il carburante, i pedaggi autostradali e le multe. Per i proprietari di automobili le uscite crescono anche se le quattro ruote vengono usate meno, con una percorrenza di km annuale del 5-7 percento più bassa rispetto all’anno scorso. Il maggior incremento di spesa, 147 euro, è assorbito per il 72,8% dal costo del carburante, che incide globalmente per il 47,8% sul costo finale. Nei primi 10 mesi dell’anno il prezzo medio della benzina è aumentato del 16%, percentuale che si aggiunge al +11% registrato tra 2011 e 2010. Nell’arco degli ultimi due anni il costo del pieno è aumentato del 25%. Pur percorrendo meno chilometri, quindi, il costo unitario per km cresce dell’11,3%.
 

Salasso assicurazioni

Il rapporto Aci/Censis conferma l’assicurazione come seconda voce di spesa. Il costo medio è di 738 annui, il 3,2% in più del 2011, con un livello di tassazione che sfiora il 26% del costo delle polizze rispetto al 18% della media europea.

Commenti

bastaconlechiacchere

Mar, 18/12/2012 - 11:47

presumo che la culona Merkel, tramite il suo servetto Monti ci obblighera per decreto legge ad acquistare solo auto tedesche

tuccir

Mar, 18/12/2012 - 11:47

Farà bene alla salute. E si risparmiano i soldi della palestra. Meno SUV e cafoni in giro, comprate una bella bici!

Ritratto di pedralb

pedralb

Mar, 18/12/2012 - 11:49

E per Monti siamo fuori dal tunnel????? ma questo dove ha studiato economia????......magari al Curlo.

Mechwarrior

Mar, 18/12/2012 - 11:49

Stipendi in discesa (sempre che uno lo abbia ancora) Tasse sempre nuove, tasse sulla benzina, multe di ogni tipo per fare cassa (multavelox e limiti assurdi, impossibilita' di trovare parcheggi,gomme termiche etc etc...tutto va bene per tosare le pecore.)chiaro che nessuno compra piu' l'automobile.

cloroalclero

Mar, 18/12/2012 - 11:50

chi non compra non è detto che rsti a piedi..semplicemente si tiene la macchina che ha..

Ritratto di paola29yes

paola29yes

Mar, 18/12/2012 - 12:01

Grazie falli-monti/napolitano. In un paese komunista il popolo va a piedi o in autobus da terzo mondo, se può permettersi di comprare il biglietto......la nomenklatura viaggia in automobile. Perchè è caduto il muro di Berlino!!!!!

GilbertoVR

Mar, 18/12/2012 - 12:06

nell'interpretazione dei dati occorre tener conto anche dal fenomeno emergente, come in tutti i Paesi Occidentali, del rifiuto di possedere un'auto. E' particolarmente presente nei grandi centri abitati , soprattutto tra i più giovani , ecc. Comprereemo l'auto solo se ne abbiamo veramente bisogno e la cambieremo meno spesso. come nei paesi civili.

m.m.f

Mar, 18/12/2012 - 12:07

...........QUANDO AL GOVERNO CI STA UNO CHE NELLA SUA VITA HA COMPRATO UNA DEDRA,LO DICE LUI SI PUO' CAPIRE COSA QUESTO CAPISCE DI AUTO LUI E I SUOI COMPAGNI DI MERENDA! SI AL SUPER BOLLO PER I PRIMI TRE ANNI DI VITA DEL MEZZO ! PASSATI I TRE ANNI SI DEVE PAGARE SOLO LA NORMALE TASSA DI POSSESSO! NEL 90 PER CENTO DEI CASI IL SUPER BOLLO SOMMATO ALLA TASSA EQUIVALE AL 30 PER CENTO DEL VALORE DEL VEICOLO! ENNESIMA DIMOSTRAZIONE CHE QUESTO E' UN PAESE IN MANO A IGNORANTI ANZITUTTO,LE CAPRE AL CONFRONTO SONO INTELLIGENTI,CON RISPETTO PER LE CAPRE,A GENTE VECCHIA CHE VIVE UN MONDO SURREALE!

m.m.f

Mar, 18/12/2012 - 12:09

.......DOVEVANO FARE CASSA COL SUPER BOLLO E CON LA TASSA DI STAZIONAMENTO E PRONTAMENTE E GIUSTAMENTE GLI ITALIANI GLIELO HANNO MESSO SUBITO SOTTO LA CODA!!!!!!!!!!!! VIA MACCHINA VIA BARCA! COSI INVECE CHE POCO NON PRENDO NO PRPRIO NULLA!!!!!!1 DEI GENI !!!!!!!!

Ritratto di Manieri

Manieri

Mar, 18/12/2012 - 12:14

Sinistri! Voi sarete i conducenti di risciò di noi berluscones ed i nostri lustrascarpe.

Max Devilman

Mar, 18/12/2012 - 12:15

Costo assicurazione auto in Svizzera= 50% in meno che in Italia (salari tripli), costo assicurazione Francia= 1/3 che in Italia (salari leggermente superiori, nessun costo di bollo auto). Listini auto in italia= mediamente il 20-30% superiori al resto dell'europa, Spagna compresa, visto che è simile o anche messa peggio di noi. Costo dei carburanti in Italia + alto d'europa. Posto fisso ormai quasi impossibile per gli italiani= nessun finanziamento/mutio per acquisti auto/casa. QUALCUNO MI SPIEGA DOVE VOGLIAMO ANDARE? Tutti ad incensare Monti, la politica assistenzialista democristiana, statalista e del voto di scambio al sud. E' ora di finirla di prendere in giro la gente e che gli italiani cominciassero a farsi un giretto in europa e si facessero un'idea di come funzionano (meglio) gli altri stati, non dico come la Svizzera che è un gioiello di stato federale/cantonale, ma almeno come la Francia o la Germania.

tuccir

Mar, 18/12/2012 - 12:22

@ paola29yes: lei è una paladina del consumismo più becero che ha portato il nostro Paese al punto in cui siamo. Si compri una bici, l'esercizio aerobico migliorerà il flusso ematico anche per il suo cervello.

aredo

Mar, 18/12/2012 - 12:23

Sì, certo.. fatto sta che in giro si vedono sempre più auto nuove e di lusso. Queste statistiche sono tutte false.

stefanopiero

Mar, 18/12/2012 - 12:25

Oggi anche Gesù Cristo, che viaggiava a dorso di mulo, con i costi di gestione del quadrupede, sarebbe incongruo per il redditometro. Una bella bicicletta comprata rigorosamente senza fattura, non si sa mai

tuccir

Mar, 18/12/2012 - 12:28

L'auto è lo status symbol per eccellenza del cafone arricchito bananaro, meno di questi personaggi in giro non può che far bene al nostro Paese ed avvicinarlo alle scelte civili dei Paesi del Nord Europa che preferiscono investire in cultura e wellfare.

Mechwarrior

Mar, 18/12/2012 - 12:29

probabilmente le assicurazioni in europa costano meno perchè ci sono meno furbetti che fanno le truffe? :-)

pesciazzone

Mar, 18/12/2012 - 12:30

ma perchè vogliono a tutti i cisti farci continuamente cambiare auto???? Il mondo è saturo di auto, solo gli imbecilli possono pensare che il mercato dell'auto sia sempre in aumento e PRETENDERE che si continuino ad acquistare le auto che vengono continuamente prodotte

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Mar, 18/12/2012 - 12:40

meglio cosi.

Marcello58

Mar, 18/12/2012 - 12:46

la vessazione prodotta dello stato ingordo nei confronti del cittadino è davvero paradossale: l'acquisto di un'auto nuova genera un 'prelievo' di IVA di più di un quinto del valore, e considerando che il prezzo dell'auto ha 'in corpo' il prelievo fiscale imposto alla casa costruttrice ed al relativo lavoro dipendente necessario alla fabbricazione, possiamo asserire che almeno la metà del valore d'acquisto siano solo ed esclusivamente tasse. Quindi su un'auto venduta a 10.000 Euro ben 5.000 sono di tasse. Poi c'è il bollo, tassa annuale, al 100% una tassa. Poi c'è l'assicurazione obbligatoria che con le relative tasse aggiunte comporta un ulteriore aggravio della tassazione. Poi c'è il consumo di carburante, che per oltre il 50% del costo sono ancora tasse, suddivise in accise ed IVA. Adesso c'è l'obbligo delle gomme da neve, un'ulteriore tassa. Per non parlare delle multe, che seppur giuste in certi casi, sono diventate il sistema più spiccio per fare cassa........ E se poi non vengono pagate in tempo, raddoppiano e triplicano, sempre come tassa. E non dimentichiamoci la revisione periodica, un'altra tassa! E chi più comprerà un'auto nuova? E sicuramente tra un po' le vetture vecchie o usate saranno dichiarate fuorilegge....... Il prelievo forzoso sarà sempre più indegnamente vessatorio. E gli italiani, popolo notoriamente pecorone, saranno sempre più poveri sudditi.......

maubol@libero.it

Mar, 18/12/2012 - 12:49

Auto? Gli italiani si venderanno la prima, la seconda casa e andranno in affitto. Se si terranno il posto di lavoro sarà già un lusso. Basta vedere come vanno le cose...

Ritratto di ettore muty

ettore muty

Mar, 18/12/2012 - 12:51

una bellissima notizia cribbio mi consenta

Ritratto di ALESSANDRO DI PROSPERO

ALESSANDRO DI P...

Mar, 18/12/2012 - 12:57

Andando avanti con le azioni sprovvedute di Monti e del suo governo, fra non molto tempo gli italiani non solo andranno a piedi ma saranno spinti nella povertà più triste come negli anni 1920 ed anche prima. Gli immigrati in Italia, compreso i tedeschi, viaggeranno in macchine lussuose e noi italiani saremo li a chiedere l'elemosima o a pulire i vetri. Ci riuscirà ????

Ritratto di Koichi Zenigata 銭形

Koichi Zenigata 銭形

Mar, 18/12/2012 - 13:03

il mercato dell'auto al pri di quello dell'edilizia è morto e seppellito da tasse e costi. a regime + tasse= - entrate Semplice nò?

Anna H.

Mar, 18/12/2012 - 13:05

In paesi più evoluti dell'Italia ci sono car sharing, piste ciclabili, rete di trasporti pubblici efficienti. Nelle capitali europee i nuclei familiari a medio-alto reddito scelgono i mezzi pubblici, la bici, le auto elettriche in condivisione. Perché hanno una coscienza civica e perché nelle città che funzionano è ormai giustamente inviso l'utilizzo spropositato dell'auto. In Italia invece c'è chi scrive che dovrebbero esserci più macchine in giro.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Mar, 18/12/2012 - 13:07

Il 53% degli italiani non comprerà un'auto nei prossimi 3 anni. E chi se ne frega noi abbiamo SILVIO. Meno male che SILVIO c'è.

reliforp

Mar, 18/12/2012 - 13:12

Notizia meravigliosa. Il movimento fisico aumenta la produzione di endorfine, i nostri analgesici interni. L'aumento di queste sostanze migliora il tono dell'umore, attenua il senso di stanchezza (fisica ed emotiva), aumenta il senso di benessere, la percezione dell'energia vitale e, in generale, un nuovo punto di vista sul mondo .Questo nuovo stile di vita porterà , con il tempo ...chiaramente, benefici non indifferenti al bilancio del nostro sistema sanitario nazionale.

Mario-64

Mar, 18/12/2012 - 13:14

Che vuol dire ,che invece il restante 47% comprera' un'auto nei prossimi tre anni? Perche' sarebbe grasso che cola...

alberto_his

Mar, 18/12/2012 - 13:19

Visti i costi, le opportunità d'uso e i problemi collegati (inquinamento, stress, intasamento, ecc.) non vedo perchè si dovrebbe ancora investire in automobili, per altro ancora costruite secondo vecchi, inefficienti concetti. In Italia la densità di auto è la più alta in Europa; arrivati lassù e scoperto che non si sta meglio non resta che scendere. Si abbandonino i folli progetti di investimento in infrastrutture collegate (varianti, allacciamenti, tangenziali, autostrade) dirottando i fondi alla mobilità locale (quella che movimenta milioni di personi ogni giorno) su rotaia e mezzi pubblici. Si soddisfino i bisogni dei cittadini e non di industrie quasi monopoliste o decotte.

Ritratto di _alb_

_alb_

Mar, 18/12/2012 - 13:41

Se mai cambierò auto la intesterò alla mia compagna polacca. Niente ladrocinio delle assicurazione italiche tutte i mano alla casta. Niente buffonata delle revisioni private (5 minuti, mezzo controllo finto, 70€ veri) Niente bolli assurdi Niente salassi da imboscate degli autovelox con limiti ridicoli. Qui o si scappa dall'Italia o bisogna iniziare a proteggersi. Non se ne può più

onil

Mar, 18/12/2012 - 13:42

Ci credo! Anche perché nei prossimi anni per "mantenere fede al programma di risanamento" ci vuole ogni anno una manovra di circa 40 miliardi, fermo restando che il debito non peggiori ulteriormente. Quindi per rimanere in europa finiremo per rovinarci del tutto. E i politici hanno il "problema" della candidatura di Monti e altre amenità. AUGURI!

deluso

Mar, 18/12/2012 - 13:44

l'italia è il paese con la più alta motorizzazione del mondo (Abbiamo in proporzione più auto di qualunque altro paese, USA inclusi), se tutti han un auto come fan a aumentare?

Ritratto di paola29yes

paola29yes

Mar, 18/12/2012 - 13:52

X Anna H: Basta con sta coscienza civica!!!! Sinistri avete rotto gli zebedei. Vorrei sapere se ha la macchina propria o in comunità!!!!! Andate a sparare cazzate sulla vostra carta igenica.....ne avete tanta in giro.

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Mar, 18/12/2012 - 14:03

A piedi dovrete andare camminare e' salute i medici consigliano sempre camminare e,,camminare tutto vi fuonzionera' meglio finirete con l'amare il vostro amato Monti il quale si sta prodigando per voi..

Ritratto di giorgio ventavoli

giorgio ventavoli

Mar, 18/12/2012 - 14:13

invito tutti coloro che gioiscono per questa notizia a partecipare alla manifestazione a favore della tutela del posto di lavoro degli operai FIAT, dei meccanici/carrozzieri/gommisti, dei benzinai, degli assicuratori etc. etc.

Anna H.

Mar, 18/12/2012 - 14:15

@paola29yes Comprendo che il concetto di coscienza civica la disturbi, in effetti in determinati strati sociali e politici esso è mal vissuto. Per dovere di cronaca, le comunico che vivo in una città di 2 milioni di abitanti, non possiedo né mio marito possiede un'automobile, abitiamo in centro e utilizziamo le bici, le auto elettriche in condivisione e i mezzi pibblici.

tuccir

Mar, 18/12/2012 - 14:15

@ paola29yes: è proprio la mancanza di senso civico che ci ha ridotto così. Se proprio vuole inquinare lo faccia a casa sua ma fuori rispetti le regole. Punto.

Ritratto di Cinghiale

Cinghiale

Mar, 18/12/2012 - 14:16

@aredo Mar, 18/12/2012 - 12:23 - Non credo che le statistiche siano false, semplicemente sono fatte con i piedi.

Ritratto di Cinghiale

Cinghiale

Mar, 18/12/2012 - 14:19

La macchina si cambia se è proprio necessario. Con i tempi che corrono chi può spendere 15.000 euro per un'utilitaria? Sotto i 10.000 le auto sono pochissime e porti a casa quello che ti danno, e 10.000 euro non sono noccioline!

tuccir

Mar, 18/12/2012 - 14:20

E fanno bene anche ad aumentare le multe da Gennaio: chi vuole inquinare facendo anche lo strafottente va punito seriamente.

Cosi_la_penso

Mar, 18/12/2012 - 14:20

meno male , cosi ridurremo l'inquinamento !!

Roberto Monaco

Mar, 18/12/2012 - 14:23

E per fortuna, calano le vendite delle auto. Siamo un paese strangolato da un traffico implacabile, e se il traffico cala, ci guadagnamo solo, meno inquinamento, meno incidenti. Se fossimo un paese che sapesse guardare un pò più in là del proprio naso, incentiveremmo il telelavoro, con la gente che può che sta a lavorare a casa, e la cui performance viene misurata secondo degli indicatori concordati. Nel 2012, per molte categorie professionali, non c'è bisogno di andare in ufficio! Basta con questo concetto fantozziano del controllo fisico delle persone.

Cosi_la_penso

Mar, 18/12/2012 - 14:27

e che ci frega ? i lavoratori del settore auto , grazie al signor fiat, per non fare nomi, sono stati tutti messi in strada , e grazie ai nostri governi che non hanno saputo imporre a chi va a produrre all'estero una bella tassa sul prezzo di vendita del bene prodotto all'estero per sostenere quelli che in italia sono stati messi in strada .

reliforp

Mar, 18/12/2012 - 14:33

giorgio ventavoli..e perché mai? Tolti i primi , tutti gli altri ci guadagnano da un parco auto nazionale obsoleto. E , poi, aumenterà la produzione di biciclette, di scarpe da jogging , di auto elettriche ....niente si distrugge ,tutto si trasforma.

lucia ip

Mar, 18/12/2012 - 14:34

Forse il 53% della popolazione italiana è anziana, il resto se la giocano tra disoccupati, precariati, poveri, chi arriva a metà mese e chi ricicla l'auto dei genitori e forse anche i mezzi pubblici scompariranno perché fuori norma, fuori orario, scarsi. Non avrà problemi di sorta a chi con la crisi si può ritirare 90 mila euro di pensione mensile. Una vergogna per le istituzioni che permettono questa ed altre beffe. Il problema non è solo lo scarso mercato delle macchine, il problema è che con tutti gli strumenti a disposizione non hanno valutato l'iperproduzione e le troppe ditte di produzione, perché ledeva interessi personali, tanto da noi basta aumentare le tasse. Si sono inventati la revisione ogni 2 anni da 6° anno di acquisto di un'auto, non possono pretendere che ogni 6 anni si cambi macchina. Considerare i mega parcheggi di auto nuove e usate che occupano migliaia di ettari a cielo aperto e al chiuso, prima di produrre inutilmente nuove macchine, nuovi modelli.

Il giusto

Mar, 18/12/2012 - 14:38

Una buona notizia!Era assurdo vedere operai che si indebitavano per auto da 30 mila €!

Robertin

Mar, 18/12/2012 - 14:46

faccio parte del 53% ma il motivo principale per cui non cambierò la mia vecchia Toyota è che non sono disposto a spendere l'equivalente di 40 milioni di lire per una utilitaria

sansergio

Mar, 18/12/2012 - 14:49

Ovvero il 47,4% degli italiani (diciamo 60 milioni di persone) comprerà un auto. Che fa una previsione di 9.480.000 auto all'anno per i prossimi tre anni. Calcolando che nel 2011 ne sono state vendute meno di 1.800.000 è una previsione più che rosea. O forse i numeri che indicate sono sparati un po' a cavolo!

Il giusto

Mar, 18/12/2012 - 14:50

Una buona notizia!Era assurdo vedere operai che si indebitavano per auto da 30 mila €!

Roberto Monaco

Mar, 18/12/2012 - 14:50

Interessante notare che ci sia gente che riesce a vedere i comunisti anche in una bicicletta. Meno auto = meno costi per il singolo e per la società. Forse anche Paola29yes, che probabilmente di notte sogna Lenin sul sellino di una Graziella, ci può arrivare, ragionando qualche minuto

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Mar, 18/12/2012 - 14:52

Che vuol dire? Che il 47% la comprerà? Visto che siamo 60.000.000, ci sarà un mercato potenziale nel triennio di 28.000.000 di auto? Fate ridere, voi, l'Aci e il Censis. E vi pagano (paghiamo) pure profumatamente!.

Ritratto di pedralb

pedralb

Mar, 18/12/2012 - 14:56

franco@trier.....te lo già detto, quando ci libereremo della zavorra ti dovremo fare l'elemosia. Comunque, come moltissimi italiani,il primo passo l'ho già fatto....per la prima volta dopo anni di auto e prodotti tedeschi per la mia azienda ho comperato diversamente.....e ho cominciato a dare inizio alla fine del tuo sarcasmo.

vince50_19

Mar, 18/12/2012 - 14:58

Ce ne sono finanche troppe di auto in giro da noi: 6 ogni 10 abitanti! Se poi, contrariamente a quanto si pensa, fra le prime 10 città più congestionate d'europa non ce n'è neanche una italiana, ben venga la crisi delle auto: vorrà dire che qui respireremo meno ossido di carbonio che non a Londra, Parigi, Dublino, Berlino, Stoccolma, Amburgo, Manchester, Lione, Vienna e Marsiglia (le città più congestionate d'Europa). Chi ha intenzione comunque di acquistare auto ci ripensi e, se proprio non può farne a meno.. mi raccomando, NESSUNA fra quelle di produzione tedesca.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 18/12/2012 - 15:14

@GilbertoVR. Posto che la crisi c'è e gli effetti non possono che essere questi, lei dice una cosa verissima. L'auto come status symbol è in declino ovunque nei paesi evoluti. Personalmente potessi farne a meno sarei contentissimo e sento in giro che molti condividono lo stesso pensiero, non fosse altro per non avere più la sensazione di essere trattati nè più nè meno che come limoni da spremere.

Ritratto di venividi

venividi

Mar, 18/12/2012 - 15:16

tuccir e Anna H., provate ad andare a spigolare senza auto. Se si vive in città ci sono buone alternative all'auto privata, ma in un paese neanche tanto piccolo, di 8000 abitanti del profondo nord, essere senza auto diventa un problema enorme. Ce n'è bisogno per quasi tutto : per andare alle superiori (non tutte sono raggiungibili con il treno o l'autobus), fare sport, visitare amici, andare al cinema, persino procurarsi la sabbia per i gatti.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 18/12/2012 - 15:20

Non sono l'unico a protestare contro le tasse abolendo i consumi, mi fa molto piacere

Ritratto di paola29yes

paola29yes

Mar, 18/12/2012 - 15:50

X Anna H.: Certo che uso la macchina, anche se potrei tranquillamente scrivere che vado a piedi per non inquinare. L'ipocrisia in certi strati sociali e politici è a livelli di "fate come dico, ma non come faccio", poi tirano fuori il senso civico. Anche il vostro presidente napolitano non voleva l'aumento di stipendio, ma a fine mese gli arrivano quasi 9.00,00 euro in più, tanto gli utili idioti ci credono. X tuccir: L'Italia è casa mia, quindi vado in macchina come e quando voglio, vada lei nella sua grande madre patria (Corea del nord), così va a piedi e non inquina.

polonio210

Mar, 18/12/2012 - 15:53

Sono molto colpito,da tutti quei post che esaltano l'uso della biciletta e che consigliano di sostituirla alla macchina.Spero che gli estensori usino la bicicletta tutti i giorni,anche in inverno e per andare in vacanza,in estate,con la loro famiglia.Immagino che tutti loro vivano in città e che non abbiano da percorrere più di 1 o 2 Km per raggiungere il loro posto di lavoro,sempre che ne abbiano uno.Immagino che non si pongano problemi a trasportare qualche parente,magari sulla canna della bicicletta,se dovesse averne bisogno.Immagino che la bicicletta la usino anche alla sera o alla notte per andare a trovare amici o in qualche locale o pizzeria.Immagino la felicità,dipinta sui loro volti,mentre pedalano gioiosi in una bellissima giornata di nebbia di pioggia o di neve.Immagino quando rientrano a casa, bagnati e con i ghiaccioli che gli pendono dai vestiti o,in estate,al limite della disidratazione sudati fradici con la lingua cartonata (alla Fantozzi) pendente.Ma c'è gente a cui la macchina serve,oltre che per divertirsi,anche e principalmente per lavorare.Forse gli amanti della bicicletta non conoscono bene cosa significhi il termine "lavorare".Vuol dire:andare da casa al posto di lavoro in tempo per timbrare un cartellino (forse non hanno presente che si deve raggiungere il proprio posto di lavoro entro un certo orario)data la disastrata situazione del trasporto pubblico,vuole dire ottemperare a degli impegni,vuole dire trasportare delle merci,vuole dire muovere l'economia nazionale.

Ritratto di dbell56

dbell56

Mar, 18/12/2012 - 16:07

E' un vizio atavico quello dei nostri scadentissimi politici parrucconi, quello di spingerti prima verso certi acquisti e poi, quello di farti rimpiangere di averli fatti. Mi spiego. Prima ci hanno spinto alla motorizzazione di massa ed ora ci troviamo con la tassazione più alta del mondo sul bene auto. Poi ci hanno spinto ad essere tutti felici proprietari della casa in cui si vive e ci hanno illuso che comprarne magari un'altra era un ottimo investimento. Ed anche li hanno innalzato la tassazione a livelli di strozzinaggio legalizzato. Dopo queste tristi esperienze, io personalmente, rifuggo da ogni consiglio che ci provenga dalla politica e quant'altro. Dio mi scampi dai saggi e dagli esperti! Scusate lo sfogo, ma andassero tutti quanti affanculo. Ora faccio di testa mia e devo dire che mi trovo abbastanza bene!!

epc

Mar, 18/12/2012 - 16:08

Questa cosa mi sembra tanto la premessa ad una nuova serie di leggi pseudo-ecologiche che costringeranno gli Italiani a comprare auto nuove, che lo vogliano o no......

tuccir

Mar, 18/12/2012 - 16:09

@ paola29yes: da come scrive ho i miei dubbi sulla sua nazionalità. Visto poi che lei spende tanto per l'auto i suoi lamenti sono solo menzogne, se avesse davvero difficoltà economiche non sperpererebbe denaro in queste cose.

Ritratto di dbell56

dbell56

Mar, 18/12/2012 - 16:11

Polonio210 hai tutta la mia simpatia! Ben detto!!!

maubol@libero.it

Mar, 18/12/2012 - 16:20

La Fiat farà le biciclette!

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 18/12/2012 - 16:35

Non preoccupatevi appena la kulona vedra' il calo di vendite di auto tedesche in Italia tramite il suo servo monti fara' un decreto che potranno circolare solo le euro 7 o magari 9 e 10 obbligando tutti a cambiare auto.

Ritratto di norman55

norman55

Mar, 18/12/2012 - 16:36

Vorrei chiedere ai tipi come Tuccir, verso cui provo una profonda pena, come fa a portare le sporte della spesa dal supermercato a casa sua. Come fa ad accompagnare la moglie infermiera al lavoro entro le 07.30, riuscire a portare i ragazzi a scuola entro le 08.00, per poi andare a lavoro entro le 09.00 e, infine, come fa ad accompagnare la moglie quando viene chiamata in ospedale per un’emergenza alle tre del mattino. Il tutto con un sistema di autobus che è quello che è, con metropolitane che non ci sono e con l'esigenza di trasportare frequentamente roba pesante o ingombrante che non sia il piccolo zainetto che di solito la gente come lui esibisce quando va in giro a manifestare contro tutto e contro tutti o quando sulla bici a fare un ecologista giro dell’isolato. Poi, quest'ecologista sicuramente anti Cav, anti Ponte, anti TAV, te lo vedi tranquillamente seduto in prima classe sul Frecciarossa. E se gli chiedi come mai usi l'alta velocità, lui ha la risposta pronta : "perchè è l'unico treno che le Ferrovie ti offrono per consentirti di essere puntuale". Per tipi come Tuccir ci vorrebbe solo Totò, con il suo sempre valido "Ma mi faccia il piacere...."

Ritratto di dbell56

dbell56

Mar, 18/12/2012 - 18:17

Che dire di norman55? Un capolavoro di risposta a quell'ipocrita di tuccir e a tutti i soloni trinariciuti sinistrati sinistronzi che rendono purtroppo l'aria di questo sito letteralmente mefitica!

pintoi

Mar, 18/12/2012 - 18:18

GUFARE CONTRO !! Ricordo questa frase su Il Giornale quando, con Berlusconi in carica, alcuni giornali o talk show parlavano di crisi ... E ora ?

thepaul

Mar, 18/12/2012 - 19:43

Beh, sai che novità? Ormai l'acquisto di una macchina nuova è paragonabile a quello di una casa. Per acquistarla hai bisogno, come minimo, di un finanziamento a 7 anni, visto che una volta con 20.000.000 di lire compravi una berlina media, ora con 10.000 € non ci prendi neanche una panda. Per non parlare dei costi di bollo, assicurazione, accise sulla benzina che hanno ucciso la capacità di risparmio degli italiani, tralasciando volutamente ogni discorso su IMU, art. 18 etc. etc. In sostanza: più si caricano gli italiani e le imprese di tasse e contributi e meno denaro circolerà, quindi meno posti di lavoro e meno reddito disponibile. Meno denaro significa meno vendite, mentre la tanto osannata precarietà (gli imbecilli che sono contro l'art. 18) porta soltanto le finanziarie e le banche a NON concedere più finanziamenti (rischio insolvenza), il che porta dritti dritti ad una sola conclusione: meno acquisti di macchine nuove, con buona pace di Marpionne che osanna l'operato di Monti (del resto tra goldmansachsiani ci si intende, no?)...ma ci vuole una laurea alla Bocconi per capirlo????????

Giovanmario

Mar, 18/12/2012 - 20:00

tuccir.. a proposito.. e giusto per chiudere certe inutili e sterili polemiche.. non è che le interessa una mercedes sw 220 cdi quasi nuova?.. è abbastanza lunga da poterci stare dentro una bici super ecologica.. e non fa parte dello status symbol

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Mer, 19/12/2012 - 11:45

Anna H e quando vai a fare la spesa vai in bici con le borse piene?E quando vuoi andare in ferie vai con la bici?