Perché l'Imu non può essere progressiva

Molti non fanno alcuna differenza tra reddito e patrimonio. Ma la disponibilità di beni che non producono reddito non fornisce alcuna "capacità contributiva" al cittadino

La pagina del modello F24 alla voce Imu

L'articolo 53 della Costituzione recita: «Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività».
Come viene normalmente inteso questo articolo? Nel senso di «chi più ha, più paghi». Ovviamente, in bocca a molti «sputasentenze» non si fa alcuna differenza tra reddito e patrimonio. Eppure, la disponibilità di beni che non producono reddito non fornisce alcuna «capacità contributiva» al cittadino. Infatti, per «concorrere alle spese pubbliche» costui è costretto o a ricorrere a redditi diversi da quelli (non) derivanti dal proprio patrimonio o ad alienare una parte del patrimonio stesso per trarne un introito da girare in conto imposte.
In entrambi i casi viene impoverito, come ovviamente capita per qualsiasi obbligo tributario, ma non già sui propri redditi, come è invece nel caso d'imposte non patrimoniali. Ciò premesso, se si rilegge il dibattito svoltosi alla Costituente quando fu discusso e approvato l'articolo 53, ci si rende conto che ben diversa era la volontà dei patres rispetto alla vulgata posteriore. Si voleva, insomma, evitare che, fondandosi sulla «capacità contributiva», si potessero colpire redditi minimi o bassi, per esempio non tenendo in conto i carichi familiari. Era quindi il timore di eccessivo fiscalismo a muovere i costituenti, non già la volontà fiscalistica di «punire i ricchi», come poi si è preteso.

Commenti
Ritratto di Reinhard

Reinhard

Dom, 07/07/2013 - 22:22

Se è per questo, la Costituzione più bella del mondo non prevede imposte patrimoniali, quindi l'IMU E' INCOSTITUZIONALE. Però siccome non c'è Berlusconi coinvolto, la Corte Costituzionale se ne lava pilatescamente le mani e fa passare una vergogna simile, ma non è che il principio vada a farsi benedire... "Tutti sono tenuti a concorrere", è abbastanza chiaro, non vedo perché si debbano esentare determinate categorie (che per il governo Letta sarebberto gli elettori del PD). Chi ha una casa deve affittarla o è fregato... Ovviamente affittarla in nero, altrimenti i politici avrebbero troppi soldi da rubare.

facuto

Lun, 12/08/2013 - 17:35

L'articolo dice una verità essenziale. La capacità contributiva è valutata sulla redditività annuale e lo Stato è autorizzato a prelevare l'imposta necessaria alla copertura delle spese collettive sulla base della legge di bilancio. Ciò che resta entra nel patrimonio del cittadino che ne dispone secondo le proprie necessità ed interessi purché leciti. L'imposizione sulla casa basata su una fittizia potenziale redditività (rendita censuaria) è una vera e propria espropriazione coatta che solo uno stato totalitario può ammettere. Sarebbe il caso di attivare un'azione giudiziaria per far dichiarare incostituzionale questo tipo d'imposta. Ma ho i miei dubbi che la Corte Costituzionale abbia la serenità di decidere "secondo giustizia". Varrebbe comunque la pena di tentare...