Dopo Apple tocca a Google: 150 milioni al Fisco italiano

La casa di Cupertino trova l'accordo con l'Agenzia delle Entrate. E apre la strada a un'intesa simile per l'azienda di Mountain View

Che l'accordo tra Apple e l'Agenzia delle Entrate aprisse la strada a intese simili per tutte le multinazionali tecnologiche che operano nel nostro Paese era chiaro. E infatti poche ore dopo è stata la volta di Google che staccherà all'Erario un assegno milionario.

Come ricorda Repubblica, il "trucchetto" per evadere le tasse è lo stesso e comune anche ad altre aziende del settore, che hanno in Italia solo un'azienda di facciata che si occupa di attività di comunicazione e consulenza, mentre il grosso del fatturato derivante dalle vendite dei prodotti viene dichiarato in Irlanda, dove il sistema fiscale è più vantaggioso per le aziende. In realtà nel caso di Google l'accordo non è stato ancora firmato, ma arriverà ufficialmente entro la fine di gennaio. Motivo del contendere è proprio la somma da versare, non ancora definita anche se si aggirerebbe intorno ai 150 milioni di euro.

Commenti

26stefano

Gio, 31/12/2015 - 11:17

Apple ci insegna una cosa importante! Loro non pagano le tasse e nemmeno le conseguenti more che affliggono noi poveri tapini facendo salire nel tempo parecchie volte il dovuto. Non paghiamo subito le tasse e, se la giustizia è uguale per tutti e questo caso fa giuridisdizione, aspettiamo come Apple, o Google, società per gioco (macchinette varie), eccetera e pagheremo molto, ma molto, ma molto meno!!! Sempre se la giustizia è uguale per tutti!!! o no!

pinolino

Gio, 31/12/2015 - 14:19

@26stefano, potrebbe essere una soluzione conveniente... una volta verificate le parcelle degli avvocati di Apple.

ilbelga

Gio, 31/12/2015 - 15:10

buon anno nuovo all'agenzia delle entrate, vorrei ricordare senza polemiche e nel rispetto di tutti quelli che lavorano che il 77% delle entrate fiscale in ITALIA deriva dal lavoro dipendente. buon veglione a tutti

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 31/12/2015 - 15:28

basterebbe abbassare l'iva al di sotto degli altri Stati e vedrete come apriranno le partite iva in Italia e attireremo anche le compravendite dell'estero. Visto che è quello il problema.

swiller

Gio, 31/12/2015 - 16:02

150 milioni........lo zuccherino per l' asino.