Arriva l'assegno in formato elettronico: si paga con una foto

Una volta ricevuta la scansione o la semplice foto dell'assegno, il pagamento è ritenuto quasi fatto: ecco cosa cambia

Addio all'assegno di carta. Ora arrivano gli assegni in formato elettronico. Da ieri è infatti in vigore il decreto del ministero dell’economia recante la presentazione al pagamento in forma elettronica degli assegni bancari e circolari, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 54/15. Nel decreto del ministero dell’economia si spiega che si ha "presentazione in forma elettronica quando il trattario o l’emittente ricevono dal negoziatore l’immagine dell’assegno". Traduzione dal burocratese: una volta ricevuta la scansione o la semplice foto dell'assegno, il pagamento è ritenuto quasi fatto. Una volta ricevuto il file, la banca dell'emittente o del trattatario, cioè di chi deve pagare, ha massimo un giorno lavorativo per mettere a disposizione il denaro.

Per i tempi di pagamento si precisa che il negoziatore presenta l’assegno al pagamento al trattario o all’emittente non oltre il giorno lavorativo successivo a quello in cui l’assegno gli è stato girato per l’incasso. In caso di mancato pagamento di un assegno presentato al pagamento in forma elettronica, il protesto o la constatazione equivalente possono essere richiesti esclusivamente in via telematica.

Commenti

torodamonta

Dom, 08/03/2015 - 08:54

Date la possibilità e la libertà a ogni cittadino, soprattutto ai poveri, di pagare qualsiasi cifra come gli è più conveniente : carte, bonifici e contanti senza alcun limite.

Ritratto di franco_DE

franco_DE

Lun, 09/03/2015 - 13:50

per il pagamento accettano anche metalli come oro e piombo?

cgf

Lun, 09/03/2015 - 18:44

Aderendo al Servizio Elettronico di Trasferimento Interbancario di Fondi SETIF era possibile già da qualche anno, il negoziante 'striscia' l'assegno nel lettore et voilà, come un bancomat ma senza... il bancomat.