Borsa, Hong Kong rinuncia ​all'offerta su Londra-Milano

Hong Kong Exchanges and Clearing avrebbe avuto tempo fino al 9 ottobre per studiare un'offerta migliore e successivamente presentarla

Hong Kong Exchanges and Clearing ha annunciato di non essere nelle condizioni necessarie per formulare e presentare offerte per i prossimi sei mesi, dopo quella da quasi 40 miliardi di dollari per London Stock Exchange rifiutata. Quest'ultima, attraverso Lseg, controlla i mercati azionari di Londra e Milano. Hkex avrebbe avuto tempo fino al 9 ottobre per studiare un'offerta migliore e successivamente presentarla, ma non agirà in questa direzione. In seguito alla notizia i titoli Hong Kong Exchange e Clearing hanno guadagnato l'1,5%.

Spugna gettata

Dopo aver gettato la spugna, il board "continua a credere che la combinazione di Lseg e Hkex sarebbe stata strategicamente interessante", ma non è riuscito a convincere il management di Londra. È stato dunque segnalato che non verrà presentata una nuova offerta.

Qualche settimana fa un comunicato diramato annunciava una proposta al consiglio di amministrazione Lseg per unire le due società. Charles Li, nell'occasione di presentazione dell'offerta, aveva dichiarato: "Riunire le borse di Hong Kong e Londra ridisegnerà l'assetto dei mercati dei capitali per i decenni a venire". L'amministratore delegato dell'Hong Kong Exchange aveva inoltre rimarcato: "Entrambe le aziende hanno grandi marchi, forza finanziaria e comprovata esperienza di crescita".