Brexit mina le pensioni, ecco cosa fare

L'addio inglese e i tassi a zero peseranno sugli assegni Inps. Serve una rendita di scorta

Mentre il governo sta lavorando per introdurre l'anticipo della pensione, la vittoria della Brexit produrrà un ulteriore freno all'economia europea (la Banca d'Inghilterra ha tagliato le stime di crescita) e quindi a quella del nostro Paese. Con un inevitabile impatto sulle pensioni degli italiani, che, va ricordato, sono calcolate sulla media del pil degli ultimi 5 anni. Diventa, quindi, ancora più importante pensare subito come integrare l'assegno dell'Inps. Ecco che cosa si può fare e come cogliere le agevolazioni fiscali in vigore.

Chi non scommette sulle azioni va incontro a una rendita-mini

La Brexit rafforza la prospettiva che la stagione dei tassi rasoterra proseguirà a lungo. Per costruirsi una pensione di scorta è quindi necessario rischiare di più, puntando sulle Borse e sui titoli ad alto rendimento. In caso contrario ci si dovrà accontentare di un ritorno inferiore a quello degli anni passati. Facciamo un esempio. Ipotizzando un rendimento medio anno del 2%, che è quello oggi ragionevolmente ottenibile da un fondo di investimento prudente o prevalentemente obbligazionario, un versamento di 200 euro al mese (2.400 euro l'anno) per 35 anni si traduce in una rendita finale di 6.200 euro. Tale rendita sale a 11.500 euro se il portafoglio avesse un rendimento annuo del 5%, o di 11.500 euro con un tasso del 7%. Percentuali però oggi raggiungibili solo con portafogli prevalentemente azionari o ricchi di bond ad alto rendimento. Insomma la scala del rischio è cambiata e occorre adeguarsi. Chi ha davanti almeno 10 anni di vita lavorativa, dovrebbe quindi scegliere una linea azionaria, così da sfruttare le potenzialità delle Borse nel lungo termine (tollerandone però le oscillazioni nel breve periodo). Con meno di 10 anni ma più di cinque, la scelta potrebbe invece cadere su una linea bilanciata (40-50% azioni e il resto obbligazioni, titoli di Stato e strumenti monetari) mentre per chi ha 3-5 anni di vita lavorativa è meglio una linea obbligazionaria; sotto i 3 anni è opportuno spostarsi su una linea monetaria o garantita.

Con i fondi si può dedurre e c'è il contributo aziendale

Va ricordato che i fondi pensione e i «Pip» sono gli unici strumenti che, per legge, permettono di dedurre dalle tasse fino a 5.165 euro all'anno di versamenti. Inoltre, il lavoratore che aderisce al fondo pensione negoziale di categoria (come, per esempio il fondo Cometa per i lavoratori del settore metalmeccanico) o al Pip convenzionato con l'azienda, beneficia di un contributo aggiuntivo da parte del datore di lavoro (che oscilla tra l'1% e il 2% del reddito annuo).

Con le Unit linked si punta sulla ripresa delle Borse

Un'altra formula per costruirsi una pensione integrativa è quella utilizzare le unit linked, i prodotti assicurativi che investono il premio versato in fondi d'investimento e strumenti finanziari. In questo caso, tranne specifici contratti, non sono previste agevolazioni fiscali. In alcuni casi, il contratto assicurativo contempla alcune coperture in caso di premorienza dell'assicurato oppure nel caso di invalidità o di perdita dell'autosufficienza. Le unit sono contratti caratterizzati da una maggiore «vivacità», e tendono ad amplificare i movimenti del mercato: nel 2009, per esempio, mentre i fondi pensione negoziali hanno guadagnato l'8,5% le unit hanno registrato un +14,5% (e quelle azionarie addirittura +20,6%) mentre nel 2011, a fronte di un +0,1% dei fondi pensione le unit hanno perso il 5,2% (-7,9% le unit azionarie).

Polizze vita, capitale garantito Ma occhio ai tassi a zero

Le polizze vita classiche, quelle basate sulle cosiddette gestioni assicurative separate vita, continuano ad avere un forte appeal sugli italiani ma potrebbero non essere in grado nei prossimi anni di garantire i rendimenti del passato. Chi le ha le mantenga in portafoglio, perché gli verrà comunque riconosciuto il rendimento minimo di contratto (compreso tra l'1,5% e il 3%). Chi invece le volesse sottoscrivere adesso, dovrebbe optare per i contratti assicurativi che abbinano tali gestioni a linee d'investimento non garantite ma più aggressive dal punto di vista finanziario (come le unit linked). Insieme ad un consulente finanziario di fiducia è infatti possibile combinare opportunamente la quota da destinare alle gestioni separate e quella da impiegare nelle linee a più elevato contenuto finanziario, in modo da alimentare una accumulazione di medio lungo termine per la pensione di scorta.

Con il Fai-da-te per puntare sui mercati emergenti

Cosa fare per costruirsi una pensione di scorta se si desidera evitare sia i vincoli fiscali dei fondi pensione (che non permettono di incassare capitale e rendita prima del compimento dell'età pensionistica) sia gli impegni dei contratti assicurativi vita (unit linked e polizze classiche)? Si può allestire una strategia a lungo termine tramite Etf, Fondi comuni e Sicav in modo da cercare di rendere trascurabile l'effetto Brexit sulla crescita del pil italiano (e, con esso, sulle pensioni Inps). In questo caso, ovviamente, si rinuncia a qualsiasi vantaggio fiscale (tipico dei fondi pensione e dei Pip) e di garanzia del capitale investito (caratteristica delle polizze vita classiche) ma, tramite un consulente finanziario di fiducia, si può puntare ad investimenti in mercati completamente estranei alla crescita italiana. Alcuni esempi? Mercati azionari emergenti, settore delle biotecnologie, small cap americane, società attive nelle infrastrutture. Le potenzialità di una tale strategia si possono riassumere nei rendimenti registrati negli ultimi 25 anni con un versamento da 200 euro al mese, ovvero 2.400 all'anno, per un totale di 60mila euro: con un «Pac» in etf o fondi azionari mercati emergenti si sarebbe accumulato un capitale di 102.300 euro (con una rendita annua di 5.118 euro), ovvero i 163mila euro (e 8.150 euro di rendita annua) con un Pac in etf o in un fondo azionario small cap Usa, oppure 373.600 euro (e 8.600 euro di rendita all'anno) con un etf o in un fondo azionario.

Commenti
Ritratto di misogino

misogino

Lun, 08/08/2016 - 10:33

la brexit è il nuovo capro espiatorio

Libertà75

Lun, 08/08/2016 - 10:56

Non ci sono più le mezze stagioni, colpa della Brexit. Un altro po' e sta storia diventa peggio di quella di Berlusconi... Andate a studiare economia!

Blueray

Lun, 08/08/2016 - 11:31

Nel 2014 il tasso di capitalizzazione del montante contributivo ha avuto per la prima volta in Italia il segno negativo anche in valore assoluto e non solo al netto dell'inflazione com'era già dal 2011. La brexit non c'entra nulla. Il problema indotto dal pil negativo è serissimo dato che il sistema pensionistico italiano non è protetto socialmente ma solo per le casse dell'erario. Di fatto milioni di lavoratori vengono via via penalizzati e conferiti giocoforza verso la previdenza integrativa. Però attenzione, rischiare di più non ha senso, rischia il trader non il lavoratore che aspira a una pensione. Vale sempre la formula chi oggi rischia e guadagna domani perde se non scappa in tempo, tradotta dalle banche "non v'è alcuna certezza di conseguire analoghi rendimenti in futuro"

ILpiciul

Lun, 08/08/2016 - 12:16

La Brexit è stata una manna dal cielo. Per i britannici che ne avevano due p.... della UE e per i contrari che scaricano gli insuccessi della loro incapacità su tale evento o peggio, trovano scuse per dissimulare l'esecuzione degli ordini ricevuti fingendo di ignorare che quando non serviranno più allo scopo avranno tutti i c.... loro. Ovviamente è una mia semplice convinzione e se l'ho capita io che "ò la cuinta elementare"........anche se il lavoro che svolgevo, ora lo svolgono laureatttttti!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 08/08/2016 - 12:20

La Brexit è una scusa!

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Lun, 08/08/2016 - 12:39

L'economia inglese vola, le economie dall'area Euro sono alle corde al punto da mettere in pericolo le pensioni, non le pensioni degli inglesi, bensì quelle degli europei. Questo deve far riflettere.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 08/08/2016 - 17:39

Allora,vogliamo dirla tutta?....Il FTSE 100 al 1° Aprile era 6.146...oggi è 6.806....il FTSE 250 al 1° Aprile era 16.843...oggi 17.557,ed il FTSE Small Cup(molto importante e dimenticato),era a ca 4.530...oggi 4.801....Questi sono fatti,non le "balle" che vi raccontano,per spaventarvi!!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 08/08/2016 - 17:46

@perSilvio46:....per questo motivo,fanno arrivare in europa milionate di "migranti economici"!....Si preoccupano per le nostre pensioni!!.....(il mio è sarcasmo,evidentemente.....)

RawPower75

Mar, 09/08/2016 - 09:19

Eh certo, adesso è tutta colpa della BREXIT, ovviamente! Il capro espiatorio perfetto, quando tutta la stampa estera ha ormai chiarito da tempo che tutti i nostri guai maggiori sono dovuti alla nostra adesione all'€uro e a tutti i vincoli che ne conseguono...