Calcio modello Netflix, avanza la fibra

Now Tv vende le singole partite. Sconti ai clienti di rete fissa da Vodafone e Fastweb

Sul fronte del calcio in pay tv vince il modello Netflix e i gestori di tlc che quest'anno hanno deciso di promuovere le offerte dei contenuti in «bundling» con quelle della connettività. Insomma: se hai la fibra, puoi vedere anche le partite di campionato, film e serie tv a prezzi interessanti grazie ad accordi stipulati da Tim, Vodafone e Fastweb con Sky e Dazn le società tra cui sono stati divisi i diritti del calcio. Il risultato è che anche questo, come quello passato, sarà un campionato «spezzatino» con Sky ad avere il pacchetto più consistente, 7 partite su 10 a settimana. Un vecchio schema insomma già provato nel lontano 1997 quando Sky era ancora Tele+ e Telecom si era lanciata nell'avventura di Stream Tv a supporto del progetto Socrate che doveva cablare l'Italia. Alla fine Stream e Tele+ confluirono in Sky che ebbe per un lungo periodo il monopolio delle partite in pay tv via satellite.

Lo spezzatino inaugurato lo scorso anno, non ha però portato bene all'audience del calcio che, secondo alcune stime potrebbero essersi persi per strada circa 700mila abbonati con Dazn e Sky, che possono contare su 1,3 e quasi 5,1 milioni di utenti. Sky ha affilato le armi con Now tv, la sua agile piattaforma online, che permette di acquistare in pochi secondi anche una singola partita che può essere vista via smart tv o sul cellulare per 7,99 euro. Cifra abbordabile certo ma se le partite da vedere sono 4 al mese oltre alla Champions meglio prendere l'abbonamento mensile da 29,99 euro. Certo non si tratta del completissimo pacchetto offerto dall'abbonamento via satellite, digitale terrestre o via web (circa 40 euro al mese con una offerta per un anno a 29,99) ma l'abbonamento a Now tv, proprio come quello a Netflix, può essere cancellato in un click e non comporta nessun costo di attivazione. Insomma è questo il modello vincente, scelto anche dai gestori di tlc per vendere gli abbonamenti alla rete fissa in fibra. Ma anche chi è già cliente (se in fibra) può optare per i pacchetti Tim Vision e Vodafone Tv Sport. Le strategie dei gestori sono diverse.

Tim offre in promozione 4 mesi gratuiti di Now Tv sport che però poi si paga a prezzo pieno (29,99 al mese). Mentre se si opta per il solo intrattenimento con serie tv in esclusiva e film anche in prima visione l'offerta, tra contenuti e connessione alla rete in fibra, costa 35 euro al mese.

Vodafone invece offre Now Tv sport con le partite di campionato e Champion all'interessante prezzo di 15 euro al mese (più 27,50 euro per la fibra), sempre con Now Tv a cui si aggiungono 30 film di Chili (al mese) e 6 mesi di Infinity gratis. Poi c'è Fastweb che ha stretto un'intesa con Dazn e offre tutto lo sport dell'emittente online a 35,95 al mese.

Considerando che la sola fibra di Fastweb (senza Dazn) costa 29,95, gli utenti che attivano questa nuova offerta di fatto possono vedere le partite di Dazn a 6 euro al mese. Questa opzione è attivabile al momento solo dai nuovi clienti, anche se non è escluso venga estesa anche a chi ha già Fastweb o il pacchetto combinato Fastweb + Sky (Home Pack). Ovviamente si può attivare anche l'offerta Dazn direttamente, la più conveniente ma limitata: solo 3 partite di serie

A ogni turno di campionato e il calcio internazionale a 9,99 al mese cancellabile in ogni momento. Si tratta delle 3 partite che Sky non trasmette, quindi l'unica soluzione per poter vedere davvero tutte gli incontri di serie A è quelle di aggiungere Dazn all'abbonamento a Sky o a Now TV.

Insomma i pacchetti si sono moltiplicati ma solo per chi è già raggiunto dalla fibra. Quelli di Sky, che presto avrà pronta (come già in Gran Bretagna) una sua offerta di abbonamento alla fibra in collaborazione con Open Fiber, sono naturalmente i più completi.

Commenti

cgf

Sab, 31/08/2019 - 13:45

Nello spezzatino chi avrà le porzioni minori ci rimetterà un tot di soldi