In crescita il mercato immobiliare. +3,5% nello scorso anno

Tutti segni positivi per le maggiori città italiane, Napoli è in controtendenza. Ma l'Ocse: aumento della povertà

Un fatturato in crescita di circa cinque miliardi di euro e dati che fanno segnare un +3,5% rispetto all'anno precedente. Sono buoni i risultati del mercato immobiliare, che nel giro di dodici mesi è passato dai 67,5 miliardi di euro a 72,1, secondo quanto scritto nel Rapporto immobiliare residenziale dell'Agenzia dell'Entrate.

La ripresa, piuttosto accentuata, è evidente nelle otto maggiori città italiane. Un risultato particolarmente positivo arriva da Bologna, con le vendite in crescita del 18,5%, seguita a ruota dal 15% di Genova, dal 13,9% di Roma e dal 13,3% di Firenze. Ma fanno bene anche Torino, Milano e Palermo, rispettivamente in positivo del 5,4%, del 5% e del 4%.

Caso a parte quello di Napoli, che fa segnare una tendenza all'inverso e dove le vendite continuano a calare. Qui nel 2014 il dato è in negativo, a -3,7% rispetto al 2013.

Con la ripresa delle vendite, crescono anche i mutui ipotecari. Nel 2014 il numero della abitazioni acquistate così è cresciuto del 12,7%. Si parla di circa 162mila case su un totale di circa 420mila. E a fine anno è diminuto il prezzo medio, in calo del 3,5% sui dodici mesi precedenti, pari a 146.600 euro.

Il dato positivo del mercato immobiliare non deve ingannare, dice però l'Ocse. Durante la crisi "in Italia la povertà è aumentata in modo marcato", soprattutto per i più giovani. E la ricchezza nazionale nel Paese è distribuita in modo diseguale. Il 20% più ricco detiene il 61,6% della ricchezza. L'1% il 14,3% della ricchezza nazionale netta.

Commenti
Ritratto di El Presidente

El Presidente

Gio, 21/05/2015 - 11:49

Ma sono calate le tasse sul mattone e non ce lo hanno detto?

denteavvelenato

Gio, 21/05/2015 - 12:25

Ormai è certo, la trionfante vittoria di Silvio Berlusconi alle prossime elezioni ha spinto gli investitori a ripuntare sul mattone, consci che appena riprenderà il potere toglierà l'imu, come del resto ha detto in questi giorni, scatenando l'entusiasmo dei compratori e facendo fare un balzo in avanti al mercato immobiliare.