Così il Fisco sceglie le sue "vittime"

Con la nuova manovra via ad una massiccia stretta sui controlli. Ecco gli indicatori che mettono in moto le Entrate

I nuovi controlli fiscali adesso sono alle porte. Nonostante i rilievi da parte del Garante della Privacy sulle possibili violazioni sui dati contenuti nelle nuove banche dati e sui profili dei contribuenti da monitorare, è altamente probabile che il governo non rinunci al pilastro principale della sua legge di Bilancio. Un pilastro che si basa assolutamente sul recupero dall'evasione. Insomma il Fisco, con il semaforo verde del governo, prepara la "grande offensiva". I primi a finire nel mirino, come ha ricordato il Sole 24 ore qualche giorno fa, saranno i professionisti. Di fatto le Entrate metteranno sul campo diverse bocche di fuoco articolandosi con risparmiometro, redditometro e controlli incrociati su conti correnti, movimenti e banche dati. Il Fisco parte dall'analisi dei dati in possesso delle Entrate come ad esempio tutte le dichiarazioni periodiche. Poi questi dati verranno incrociati con lo spesometro e con tutti i dati che provengono dalle fatture, soprattutto quelle elettroniche.

I metodi del Fisco

Qui il quadro del contribuente comincia a delinearsi. E di fatto viene delineato un profilo definito a "rischio" da monitorare con strumenti più approfonditi. Ad esempio nel mirino finiscono le prestazioni e i ricavi. Se c'è uno scostamento rilevante scatta immediatamente la verifica. Ma non finisce qui. Le modalità con cui il Fisco mette nel mirino un singolo contribuente tengono conto di altri parametri. L'indicatore principale è ad esempio il conto corrente. Nel caso in cui le entrate dovessero superare (e di parecchio) le uscite allora si accende la "sirena" fiscale. Un dato molto importante è quello dei prelievi. Se sono pochi allora potrebbe scattare una procedura di accertamento. Si dà per scontato che il contribuente (magari il professionista) possa avere altre entrate non dichiarate da qualche altra parte per far fronte alle spese di gestione della sua attività. Ma attenzione: anche i locali di uno studio hanno il loro peso per l'avvio di un accertamento.

L'analisi del contribuente a rischio

L'organizzazione dello studio ma anche la metratura potrebbero dare indizi sulla possibilità di spesa del contribuente. Inoltre il numero dei collaboratori e poi la relativa dichiarazione di fatto viene monitorata per accertare ad esempio le spese per il personale. Un altro parametro usato dal Fisco è quello che riguarda anche il monitoraggio dei siti internet usati dal professionista per pubblicizzare la propria attività. I servizi e le prestazioni offerte sul portale devono essere assolutamente coerenti con quanto dichiarato. Eventuali scostamenti possono dare il via alla morsa del Fisco che in diversi casi porta poi a sanzioni e multe.

Commenti
Ritratto di Furio64Lostile

Furio64Lostile

Gio, 14/11/2019 - 19:42

Indaghino su quante colf e badanti non presentano la dichiarazione dei redditi. Vero che hanno una franchigia di 8000 e passa Euro di esenzione all'imposta IRPEF, ma i loro TFR devono essere sempre dichiarati, di qualsiasi cifra siano composti, e sul TFR occorre versare il 20% di imposta sostitutiva. Su questi chi indaga ? La maggior parte sono extracomunitari. Li scusiamo se non versano imposte ma sfruttano il nostro SSN ? Importa qualche cosa al PD ed ai 5Stalle ?

amicomuffo

Sab, 16/11/2019 - 14:01

poi non piangano se alle elezioni prendono le legnate! pd+5 stelle ( ormai cadenti!)= solo tasse!

antonmessina

Sab, 16/11/2019 - 14:47

va bene capito ..non vogliono il risparmio quindi preleviamo costantemente per poi mettere i contatnti sotto il materasso che almeno li non te li toccano

zen39

Sab, 16/11/2019 - 14:49

Ma non avevano detto che si guardava se le uscite superavano le entrate ? Hanno cambiato di nuovo? Se uno non spende è sospettato ? Ho la vaga impressione che stanno girando a vuoto. Fra l'altro la tecnologia già da qualche anno permetteva gli incroci dei dati; ora hanno fatto la scoperta ? Sono mesi e mesi che i conti bancari sono sono il microscopio del fisco e non si è ancora scoperto nulla ? Perchè non si incomincia da Casaleggio che da mesi è contattato da imprenditori cinesi che vogliono utilizzare la sua piattaforma per impadronisrsi dell'Italia. Si fanno razzie di imprese senza nessun controllo, si stanno perdendo centinaie di posti di lavoro e si va a guardare il pelo nell'uovo per recupare qualche decina di milioni mentre dall'altra si perdono miliardi. Sinistrati con stelle cadenti. " Siamo la coppia più bella del mondo e ci dispiace per gli altri che sono tristi, che sono tristi...... E' vero ma più che tristi siamo in......! Anche più di Vauro.

faman

Sab, 16/11/2019 - 15:22

le vittime chi sono? Gli evasori? e quelli che le tasse le pagano cosa sono? dei santi martiri?

bernardo47

Sab, 16/11/2019 - 15:30

Male non fare,paura non avere.......certo chi ha le branchie sporche di fango, deve preoccuparsi

salmodiante

Sab, 16/11/2019 - 15:31

iL FATTO CHE SI FACCIANO ACCERTAMENTI NON DOVREBBECREARE LE CATEGORIE CARNEFICI E VITTIME A PRIORI. I CONTROLLI SONO SISTEMATICI PER I REDDITI IRPEF. IL VERO PROBLEMA E' IL SISTEMA FISCALE CHE E' OPPRIMENTE ANCHE PER LA SUA COMPLESSITA'. DA TECNICO HO SEMPRE DECLINATO GLI INVITI ALLA LIBERA PROFESSIONE IN FORMA AUTONOMA: LIBRI FATTURE, PARTITA IVA, REGISTRI ENTRATE, MA COME SI FA A DEDICARSI AL VERO LAVORO? PERCHE' IN FORMA SEMPLIFICATA I REDDITI DA PROFESSIONE NON POSSONO ESSERE INSERITI IN UN QUADRO IRPEF COME REDDITI PERSONALI, COME ACCADE IN AMERICA?

bernardo47

Sab, 16/11/2019 - 15:33

I 130 miliardi di evasione,vanno debellati.....ora basta....

sergio_mig

Sab, 16/11/2019 - 15:34

E LE ATTIVITÀ DEI CINESI CHE CAMBIANO SEMPRE LE RAGIONI SOCIALI PER NON PAGARE TASSE ED EVADONO I CONTRIBUTI DEI LORO COLLABORATORI CHI LI CONTROLLA? IL PD? LA SINISTRA?

Jack Sparrow

Sab, 16/11/2019 - 15:38

La strategia è evidente: distruggere quanto di buono è ancore disponibile in Italia. Vale a dire, eliminare professionisti e piccole imprese, eliminare il risparmio, eliminare la ricchezza privata..... in sostanza eliminare l'Italia. Ma davvero possiamo dare fiducia a chi fa manovre finanziarie che avvantaggiano tutti tranne l'Italia?

Jack Sparrow

Sab, 16/11/2019 - 15:46

@faman 15:22 - E gli evasori chi sono? professionisti e piccole imprese? Che emettono fatture sule quali anticipano anche l'Iva e le imposte sui redditi e poi le incassano dopo tre anni sostenendo anche il costo del legale? O magari i loro crediti finiscono nel dissesto di un ente locale e sono fortunati se dopo diversi anni riescono a recuperare il 50%? O ancora quelle imprese e professionisti che fanno da banche allo stato perché anticipano subito l'Iva sui fornitori e la recuperano dopo un anno se sono fortunati?

Ernestinho

Sab, 16/11/2019 - 16:00

Andranno a controllare anche sotto i materassi?

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Sab, 16/11/2019 - 16:07

Chi introduce una riforma fiscale generale draconiana, con dimezzamento del numero di imposte e di aliquote, semplificazioni da 5a elementare, accompagnata da un condono finale e definitivo favorevolissimo , ebbene chi farà una cosa del genere governa per i prossimi 50 anni. Altrimenti la politica è destinata a finire, la gente a crepare, lo stato a saltare, i politici inseguiti fino a casa. Basta solo aspettare un poco ancora. Ormai siamo al controllo dello stile di vita, della vita privata, dell'intimità e della privacy, pur di raggranellare qualche soldo da buttare via , come da decenni capita.

il veniero

Sab, 16/11/2019 - 16:15

titolo evocativo che rappresenta bene la sfiducia assoluta certificata anche da recentiussimi dati verso le istituzioni . Non capisco come possano non vergognarsi gli apparenenti alle istituzioni di fronte alivelli di ostilità/sfiducia da dittatura .

Ritratto di ..repubbliQetta

..repubbliQetta

Sab, 16/11/2019 - 16:33

una repubbliQetta con le tasse della Svezia e i servizi dell'africa

bernardo47

Sab, 16/11/2019 - 17:11

gli evasori devono rendere al paese i 132 miliardi che ogni anno ci rubano! VERGOGNA!

Ritratto di scapiddatu

scapiddatu

Sab, 16/11/2019 - 17:34

Tasse...., multe,....,galera...., per foraggiare il reddito dei poltronari, la corruzione e VOI. Tagliare la spesa pubblica e i relativi sperperi (NOOOoooo!!!) sembra infattibile, mà non ne parlano mai!?!? Rocco Casalino; quello che sostiene che "Il povero ha un odore diverso dal ricco". Booooo..!Non c'è un solo Paese al mondo che stipendia con circa 170 mila euro l'anno un individuo del genere (non mi riferisco affatto alla omosessualità). E non dimentichiamoci: Assia Montanino, ragazza di 26 anni originaria di Pomigliano d’Arco (NA),arruolata da Luigi Di Maio con uno stipendio di 72000 €..... etc..etc... . Abbiamo abolito la povertà!!!!!!. Campioni del mondo .....Campioni del mondo..... Campioni del mondo..

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 16/11/2019 - 17:37

In un Paese pieno di facce da tolla come fai a distinguere un integerrimo contribuente da un accanito evasore? La tessera fiscale a suo tempo rilasciata dal Ministero delle Finanze che doveva "omologare" tutti i cittadini contribuenti si è trasformata in una mannaia solo per chi è conosciuto al fisco mentre gli sconosciuti campano a tarallucci e vino.

Ritratto di bandog

bandog

Sab, 16/11/2019 - 21:07

bernardo47 Sab, 16/11/2019 - 15:33.COMPLIMENTI,OGGI VINCI LA DEDICA DELLA CANZONE DEI PANDEMONIUM!!

pilandi

Sab, 16/11/2019 - 21:25

@amicomuffo capisco che il governo precedente srtizzasse l'occhio agli evasori, ma fatevene una ragione, la lotta all'evasione é prioritaria! In america, come in molti altri paesi, se evadi le tasse vai in galera,com'é giusto che sia.

bruco52

Sab, 16/11/2019 - 22:53

gli eredi di Visco il vampiro, i sodali di Monti, Fornero e di Padoa Schioppa, quello de "le tasse sono bellissime..." stanno seguendo alla perfezione gli insegnamenti ricevuti nell'instaurare un regime di polizia fiscale, di repressione della ricchezza o presunta tale, intrufolandosi ne "le vite degli altri", sulle orme del regime sovietico della DDR...

Ritratto di bandog

bandog

Dom, 17/11/2019 - 14:32

pilandi Sab, 16/11/2019 - 21:25,dipendente statale o pensionato con doppio o triplo lavoro,vero???

faman

Dom, 17/11/2019 - 15:50

Jack Sparrow-Sab, 16/11/2019 - 15:46: io non criminalizzo nessuno, gli evasori sono TUTTI quelli che non pagano le tasse. Punto. Non cerchiamo di giustificare certe categorie che lo fanno perchè sono COSTRETTE. Eliminiamo le storture e facciamo pagare le tasse a tutti.

flip

Lun, 18/11/2019 - 10:36

L'evasione fiscale è una norma consentita dallo stato che permette di detrarre dal reddito i finanziamenti ai partiti politici, alla chiesa,alle on-lus ed altri cialtroni. chi e come controllano contabilmente la veridicità delle registrazioni contabili? tra le due parti?. Le erogazioni "£liberali" devono essere considerate indetraibili dal reddito. altrimento il "gettito" è sempre scarso! chi pifè erogazioni ai soggetti di cui sopra,vuol dire che guadagna troppo e penalizza il cliente! Altro che vendite o acquisti in NERO!