Crisi, aumentano i morosi:è boom di famiglie sfrattateaumentate del 64% in 5 anni

Nel 2011 56mila famiglie italiane hanno avuto un provvedimento di sfratto per morosità: nel 2006 erano quasi 34mila. Roma e Torino al top

Oltre a colpire i consumi, la crisi economica coinvolge anche il mattone: nel 2011 quasi 56mila famiglie italiane hanno avuto un provvedimento di sfratto per morosità. Il dato non è ancora quello definitivo, ma il ministero degli Interni fa sapere che l'emergenza è perfettamente in linea con la situazione fotografata nel 2010. Nel giro di cinque anni, cioè da prima della crisi a oggi, gli sfratti per morosità sono aumentati del 64%: nel 2006 erano quasi 34mila.

Roma è la città che conta il maggior numero degli sfratti per morosità: nel 2011, secondo i dati del ministero degli Interni, sono stati emessi 4.678 provvedimenti. Gli sfratti eseguiti nella Capitale con l’intervento dell’ufficiale giudiziario sono stati 2.343. Tra le altre città spiccano i dati di Torino (2.523 sfratti per morosità), Napoli (1.557 in città e 1.255 nel resto della provincia) e Milano (1.115 nel capoluogo ma ben 3.244 nel resto della provincia). Sempre secondo i primi dati ufficiali, la difficoltà ad arrivare a fine mese e anche ad onorare il canone di affitto, riguarda l’87% dei casi di sfratto che nel 2011 sono stati complessivamente pari a 63.846. "Solo 832 i provvedimenti di sfratto emessi invece per necessità del locatore - si legge nel comunicato - per finita locazione sono stati 7.471". Le richieste di esecuzione presentate all’ufficiale giudiziario sono state 123.914, mentre gli sfratti eseguiti 28.641.

Commenti

Franco-a-Trier

Dom, 24/06/2012 - 16:22

Anche questo e' colpa della Merkel?

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Dom, 24/06/2012 - 17:25

Non si acquista più,per la crisi e per la sparizione dei mutui bancari. Aumenta il mercato dell'affitto. Aumentano le morosità. Intanto per gli immobili sono aumentate le tasse,a livello di confisca. Poi si spende da avvocati perchè la legge obbliga ad intimare lo sfratto giudizialmente. Poi i giudici danno proroghe. Nel frattempo,mesi o anni, l'immobile viene sfasciato,le spese condominiali corrono,gli affitti non entrano. Col decreto di sfratto,che costa mediamente 2000€ e che di solito interviene dopo qualche mese di attesa, è vero che dopo non si paga irpef,ma c'è l'imu che è una vera e propria patrimoniale. E anche gli oneri consorziali corrono,per non parlare delle utenze acqua o i riscaldamenti centralizzati che diventano obbligo della proprietà E' evidente che il deposito cauzionale di tre mesi non basta. E solo pochi inquilini possono disporre di fideiussione bancaria. Ma anche in presenza di ques'ultima, alla fine della giostra i conti si sforano sempre. Risparmio tutelato?

killkoms

Dom, 24/06/2012 - 19:13

se pensiamo che lo stato ha ben poco investito nelle case pubbliche e la maggior parte di tale poco è stato"regalato"a soggetti improduttivi(zingari,nullafacenti e stranieri)!

Ritratto di vincenzoaliasilcontadino

vincenzoaliasil...

Dom, 24/06/2012 - 19:42

Uscire dall'euro?Yes We Can! Da più parte viene in mente di uscire dall’euro, ma perché solo boutade o pazzia del Vincenzo Alias Il Contadino che lo scrive a anni! Insomma,sarò pure Contadino,ma dovete sapere che ero molto bravo in Scienze delle Finanze,Economia,Borsa e Tecnica Bancaria,purtroppo meno in Italiano,ma bravo in Storia, e,visto e seguita da Dirigente Politico del Psi e Sindacalista.V’è l’ho spiegato:subito a stampare propria moneta,usare l’euro come doppia moneta e pagamenti al meglio di valuta,ovvio che occorre dei Decreti correttiva dei listini della Borsa Agricola per bilanciare i prezzi e livellarli disciplinando con multe salatissime per chi fa il furbo o forse,non vi siete accorto che subito dall’emissione dell’euro un articolo costava £1000,subito ci costò 1€,sino ad oggi oltre il triplo?Possibile che le Banche sono state riempiti le casse da Bbe al tasso dell1%,e questi li fanno pagare al 19%, sempre che ve li prestino e, che cosa dire dei depositi c/c forzati con un tasso ridicolo, mentre ti tartassano con lo scoperto con oltre il 18%?Ora mettiamo una pietra tombale sull’euro,perchè nato da un’idea“Pensiero stupendo”ma apolide e senza una Bandiera di un solo Popolo tanto è vero che ci sono meeting a tre a due ed altri eseguire gli ordini di Mekel, Blair,Sarkocy od Hollande con una Politica che ci ha resi poveri ed i ricchi straricchi Renzi lo sa ma Bersani&C? ttp://www.youtube.com/watch?v=Bf6RxpSuD6M Pensiero stupendo Patty Bravo

smith&wesson

Lun, 25/06/2012 - 08:23

Qualche tempo addietro, a crisi già iniziata, chiesi un prestito, che la banca mi negò:" il mutuo",disse il direttore, "in questo momento, è un prodotto che non gode del nostro favore". Poichè in quei giorni, proprio le banche, avevano usufruito della celebre, grossa iniezione di liquidità da parte della B.C.E., chiesi perchè quei soldi non venissero immessi sul mercato, la risposta fu: "caro signore, se non riceveranno ordini da parte delle autorità politiche le banche continueranno a comportarsi così". Ciò vuol dire che le banche continueranno ad acquistare titoli di stato, aumentando il debito pubblico, nel contempo eviteranno di fare fare prestiti, con conseguente blocco dell'economia e aumento della disoccupazione. Mentre da un lato si agita lo spauracchio del debito pubblico, dall'altro, ipocritamente, lo si alimenta e attraverso i consolidati canali "istituzionali" che tutti conosciamo quel danaro finirà nelle tasche dei soliti noti, alla faccia della disoccupazione