Crisi, crollano mutui e compravendite

Il mercato immobiliare è in piena crisi, mutui e compravendite crollano vertiginosamente

Se c’era ancora qualche dubbio, i dati Istat di oggi li dissipano una volta per tutte: il mercato immobiliare è in piena crisi, mutui e compravendite crollano vertiginosamente. Le concessioni di ipoteche immobiliari a garanzia di mutui, finanziamenti ed altre obbligazioni verso banche e soggetti diversi dalle banche registrano una perdita annua del 39,5%. Il calo coinvolge tutto il Paese ma è particolarmente accentuato nelle isole (-50,6%) e al Sud (-42,8%). Per le convenzioni stipulate per l’uso abitativo il calo maggiore si registra al Nord-est (-25,7%), seguito dal Nord-ovest (-24,5%) e dal Centro (-23,5%). Le Isole (-22%) e il Sud (-16,9%) mostrano variazioni tendenziali negative inferiori alla media nazionale (-23%). Le convenzioni per compravendite di unità immobiliari ad uso economico segnano il calo tendenziale più marcato nelle Isole (-31,9%) e nel Nord-ovest (-29%) (-25,7% la media nazionale). Meno pesante ma altrettanto pronunciata la diminuzione nel Sud (-23,7%), nel Nord-est (-23,6%) e nel Centro (-21,5%).

Per il Codacons “è una vergogna che le banche abbiano smesso di fare il loro mestiere, che è quello di far circolare la moneta e hanno deciso di tenersi i soldi invece di prestarli”.  “A calare, infatti, - spiega il Codacons - non sono tanto le richieste di mutui da parte delle famiglie o delle imprese, ma l’erogazione da parte degli istituti di credito che, nel valutare il grado di affidabilità del potenziale cliente, hanno deciso di porre condizioni troppo restrittive per premunirsi dal rischio di insolvenze, specie considerando che le banche italiane in passato erano state, per fortuna, sufficientemente prudenti e che, quindi, il giro di vite nel valutare il rating non era necessario”.

Il Codacons denuncia poi gli alti tassi di interesse: “con gli spread attualmente applicati, superiori al 3%, si rischia in futuro, con il rialzo dei tassi, di avere stangate al limite dell’usura, salvo portabilità”. Per l’associazione, infatti se prima della crisi bastava che il mutuo fosse pari all’80% al valore dell’immobile, oggi le banche erogano con il 60%. “Se prima della crisi  - conclude il Codacons - bastava che il rapporto rata reddito famigliare non superasse il 30%, oggi ti chiedono un reddito di quattro volte la rata. Condizioni capestro”.

Commenti

franco@Trier -DE

Mar, 16/04/2013 - 09:38

dovevate voi fare il controgioco delle banche, prezzo appartamento 300.000? al 9% vincolato per 30 anni e le banche se lo menavavo.

nino47

Mar, 16/04/2013 - 09:54

MI sembra inevitabile che crollino muti e vendite! non si può certo presentare in banca come garanzia l'asegno di disoccupazione o il certificato di cassa integrazione!!!

m.m.f

Mar, 16/04/2013 - 19:11

se compri una casa parte il redditometro e lo spesometro. come esci dal notaio ti arriva una verifica della agenzie delle entrate che guardano fino a 5 anni indietro. e chi la compra una casa???? paese da lasciare,questo è un paese dal quale stare lontanissimi.

m.m.f

Mar, 16/04/2013 - 19:15

monti andrebbe arrestato processato per direttissima e messo in galera da subito! per strage contro un paese ,strage finanziaria ma strage è.