Crisi, Rajoy bacchetta la Ue:"Se vi foste mossi primala situazione sarebbe diversa"

Le banche iberiche riceveranno gli aiuti Ue. Rajoy: "La situazione era e resta delicata". Poi vola in Polonia per vedere la partita con l'Italia: "La Spagna se lo merita"

Per il momento l'Ue ci ha messo una pezza. E l'incubo contagio è stato tamponato. La Spagna chiederà, infatti, aiuti all'Eurozona ma solo per il sistema bancario. Un'operazione che non implica, quindi, come condizione nuove misure di austerità. "Ieri hanno vinto la credibilità del progetto europeo, la solidità del nostro sistema finanziario e l’euro che è un progetto irreversibile", ha commentato il premier spagnolo Mariano Rajoy el corso della conferenza stampa a Madrid sottolineando che il supporto dei Paesi del Vecchio Continente per la ricapitalizzazione delle banche iberiche "è un passo nella giusta direzione per risolvere il problema". Anche se tutti sanno fin troppo bene che il problema non può essere risolto nel giro di pochi mesi.

In conferenza stampa Rajoy ha detto chiaramente che non è facile farsi dare una linea di credito da 100 miliardi di euro. Tuttavia, l'ammontare degli aiuti che confluiranno nelle casse delle banche spagnole non verrà precisato almeno finché non sarà conclusa l'audit indipendente sul settore bancario, prevista entro il 21 giugno. Ad ogni modo, anche con l'intervento in extremis dell'Eurogruppo, per Rajoy "la situazione economica era e resta ancora delicata". Tanto che la Spagna - vuoi per la crisi economica importata dagli Stati Uniti, vuoi per la bolla immobiliare cui il governo Zapatero ha contribuito a creare - è obbligata, a questo punto, a un grosso sforzo per sanare il prorpio debito pubblico. "Quello che è successo ieri - ha spiegato tecnicamente il premier spagnolo - è stata l’apertura di una linea credito per il nostro sistema finanziario con l’obiettivo di recuperare la solvenza del sistema finanziario e avere il credito necessario per la crescita e l’occupazione".

La riunione di ieri dell'Eurogruppo è stata convocata d'emergenza dopo che il Fondo monetario internazionale ha lanciato l'allarme sulle banche iberiche facendo sapere che servono almeno 40 miliardi di euro per non farle andare con le gambe all'aria. "Se le misure fossero state prese prima non saremmo arrivati a questo punto", ha tuonato in conferenza stampa Rajoy assicurando che il governo, dal canto suo, sa benissimo come agire e ringraziando gli spagnoli perché sono pronti ad accettare decisioni "difficili ma imprescindibili". Rajoy ci ha infatti tenuto a rivendicare il lavoro svolto dal governo fino a questo momento: "Grazie le riforme decise da Madrid la Spagna ha evitato un intervento esterno. Se non avessimo fatto quello che abbiamo fatto in questi ultimi cinque mesi, quello che è successo ieri sarebbe stato un intervento per la Spagna". E, con la propria nazione nel cuore, il premier ha fatto sapere che avrebbe raggiunto la Polonia per assistere al match con l'Italia: "Sarò fuori solo sei ore. Credo che la Spagna se lo meriti".

Commenti

gibuizza

Dom, 10/06/2012 - 13:31

Bravo, fra te e il nostro PdR si vede che vi preoccupate tanto della crisi, importante è la partita di calcio. L'Europa avrebbe dovuto sospendere il campionato visto la situazione ma, a quanto pare, è proprio una crisi creata ad hoc (ergo inesistente e fasulla) per poter impoverire il popolo e guadagnare a piene mani!

killkoms

Dom, 10/06/2012 - 14:07

se la grecia,che pure ha le sue colpe,vista l'entità del suo debito,fosse stata soccorsa prima,non saremmo arrivati a ciò perchè il contagio sarebbe stato fermato subito!la la cu.lona ringraziata da monti non ha voluto,con la scusa dell'austerità!e ha affossato l'europa!

Raoul Pontalti

Dom, 10/06/2012 - 14:18

Non prenderci per i fondelli caro Rajoy: la bolla immobiliare hanno contribuito ad alimentarla le banche, in particolare las cajas (le casse rurali) nei cui consigli di amministrazione i politici fossero del socialisti, popolari, autonomisti catalani, etc. hanno trovato l'unanimità nello spartirsi il bottino. Oggi ricapitalizzare quelle banche gestite da quei falliti di politici serve solo per ripianare i buchi e non per far fronte a una crisi momentanea di liquidità: sono soldi buttati via. Quelle banche devono fallire, essere chiuse e i loro amministratori spediti in galera, poi si potrà parlare di recupero del sistema bancario spagnolo e concedere aiuti. E si dovrà ovviamente cambiare registro. I politici la devono smettere di fingere di farsi la guerra nelle piazze e nelle aule istituzionali per trovare invece l'unanimità spartitoria nei consigli di amministrazione di banche, enti pubblici economici, etc.

Ritratto di vincenzoaliasilcontadino

vincenzoaliasil...

Dom, 10/06/2012 - 14:42

Per Madrid come in Italia alla Jean senza burro con “Uomini”Ue Gattopardeschi? OK! Dopo che l’anno avuto le Banche non faranno come le nostre a non concedere Fidi e Finanziamenti alle imprese dopo averlo avuto all’1%, lo distribuiscono trame consociate branche Finanziarie con lettere TAN 11,72 (tasso fisso). Vi pare offerta o tasso da capestro, sempre se viene concesso? Che cosa dire che al TAN 30,84 dalla ex FORUS decotta (utilizzato solo per ARCHIVIO CLIENTI) che sono da 10 anni che tribolo e che la Banca era stessa che non mi concesso il prestito e che pretendono pure il saldo de credito, se questo è stato pagato con RID dalla medesima e sono 10 volta un avvocato diverso di un’agenzia d’Italia minaccia tramite lettere di provvedimenti di varie RECUPERI CREDITI e che, uno di questi loschi individui della SCU è passato pure da casa? Io mi sono scocciato mandare fax o e-mail per spiegare che il credito è saldato e che non ho firmato nient’altro ma che esigo la quietanza. Bene la Banca ha fato orecchia da mercante, il promoter pasticcione è sparito così come la mia fiducia per questi banchieri che sono stessi personaggi a rivoltarci come un calzino, ma dalle sofferenze e suicidi incassano neo Paradisi Fiscali, risorse che pazientemente e negli anni hanno accumulate come formichine i vari Cipput&Son, mentre Bersani$Kompagni, pensano alle nozze per gli omosessuali e cittadinanza agli immigrato: orto botanico Rosso alla Zapatero? ESISTE qualcuno ONLINE disposto ad aiutarmi per smascherate questi signori e finirla una volta per sempre?

Ritratto di unLuca

unLuca

Dom, 10/06/2012 - 14:39

L'europa non ha un governo, è un solo un golem al servizio dei burocrati. Prima crolla questa istituzione parassita meglio sarà per tutti .....................

Giunta Franco

Dom, 10/06/2012 - 15:13

Rajoy dovrebbe solo ringraziare che l'Europa paghi i debiti delle società di calcio spagnole indebitate fino al collo con le banche. Questa sì che è una vergogna che l'Europa finanzi il calcio spagnolo, e loro paghino i giocatori con milioni di euro che non hanno.

Loreno Bardelli

Dom, 10/06/2012 - 16:39

Forse non saremmo arrivati a questo punto se i precedenti governi spagnoli ( ZAPATERO in priis ) si fossero comportati , in campo finanziario ,con maggior senso di responsabilità non "farcendo" , ad esempio , i consigli di amministarzione delle banche di loro galoppini di fiducia ... in quanto muniti della tessera di un partito .

erminiamusolesi...

Dom, 10/06/2012 - 17:19

un'altro che pontifica....intanto va a Danzica...una domanda,visto che io non sono una bocconiana( e me ne vanto!!!)Ma ...questi 100 miliardi che l'Ue da alla spagna,come vengono restituiti?Con quali interessi?E quanto deve sborsare ogni stato,l'Italia in primis?gradirei che qualche mente eccelsa me lo spiegasse..........

Ritratto di marforio

marforio

Dom, 10/06/2012 - 17:20

Qualcuno con gli attributi dice quello che normalmente gia dovevano dire Monti , e tutti i servi di Bruxelles e Strassburgo.

Ritratto di marforio

marforio

Dom, 10/06/2012 - 17:24

x6Giunta franco -Manda le tue convinzioni sia al colorato e a Zapateros, e gia che ci sei pensa a scrivere una letterina per Hollande. La prossima a elemosinare sara la Francia con i suoi pensionati , e bancarottieri sinistroiti.

uggla2011

Dom, 10/06/2012 - 17:54

Ognuno é libero di pensare ciò che vuole della Spagna ma almeno questo é un primo ministro voluto dal popolo spagnolo,eletto a larga maggioranza e che sta gestendo una situazione difficile, intervenendo poco o nulla sulla leva fiscale. Diciamo una figura presentabile,a differenza di quanto é successo da noi,che muove anche qualche giusta critica all'Europa e non un servo espressione dei poteri forti.La Spagna ci ha dato,ci sta dando e ci darà molte lezioni.

Ritratto di unLuca

unLuca

Dom, 10/06/2012 - 18:15

Anche questo è volato in Polonia a vedere la partita. Sono tutti uguali, crisi o non crisi, UN POSTO IN PRIMA FILA PREGO !!!!!!!!!!!

MauxWarp

Dom, 10/06/2012 - 18:23

Finalmente qualcuno..... Ha detto una cosa giusta e sensata !!!!

gpl_srl@yahoo.it

Dom, 10/06/2012 - 18:39

si, sempre che la germania lo avesse permesso ma è risaputo che come ha imposto papademos alla grecia, cosi ha imposto Monti all' italia : evidentemente a parte il nesso, ci deve essere una ragione recondita nei piani di questa donna che dalla cancelleria di berlino pensa di èpter dominare il mondo dopo aver dichiarato una guerra economico finanziaria convinta di poterla vincere: meglio che si studi la storia cosi come abbiamo chiesto di fare al presidente italiano: se il nostro presidente l non conosce la storia del comunismo italiano del dopo guerra, la grande sorella non conosce la storia della germania di Hitler ed oggi pensa, come allora di imporre la propria idea politica: lo potrebbe fare se i bilanci tedeschi fossero illibati ma non lo sono: pertanto se insiste se ne vada con la germania fuori dalla zona euro lasciandoci liberi della sua presenza: non saremo noi a soccombere!,

Albi

Dom, 10/06/2012 - 18:47

"avere il credito necessario per la crescita e l’occupazione". Ciò significa che i soldi nostri, appena arrivati a Madrid, finiranno in finanziamenti agli amici, agli amici degli amici, e anche ai parenti degli amici degli amici......

Ritratto di renzokiwi

renzokiwi

Dom, 10/06/2012 - 19:55

I soldi x salvare Spagna e Grecia ci sono usate i 250 miliardi che l'Europa ha rubato alla Libia quelli che hanno firmato la condanna a morte di Geddafi ne tentativo di creare il. Fondo Monetario Africano F.M.A.

Roberto Casnati

Dom, 10/06/2012 - 22:58

Andiamo davvero bene! Se i nostri "soloni" europei, quelli che hanno in mano le sorti dell'Europa e di tutti noi, altro non trovano che affidarsi ad una partita di pallone siamo proprio messi male. Il calcio è un affare per disonesti, furbettini e "minus habiens" e quest'imbecilli che ci governano corrono in Polonia per assistere ad una partita di calcio! Passi per Pertini, un povero vecchio rimbecillito, ma che anche altri corrano a vedere il calcio davvero è troppo! Sarebbe megglio giocarsi le economie nazionali al superanalotto almeno una probabilità di vincita su oltre 622.000.000 c'è!

duxducis

Lun, 11/06/2012 - 00:17

Ormai e' chiarissimo, si tratta della piu' grande RAPINATA della Storia dell'Umanita'. Stanno RUBANDO migliaia di euro a ciscuno di noi (bambini e vecchi compresi) per continuare a regalarsi il potere. E' peggio dell'Unione Sovietica. Si questo passo i potenti avranno talmente tante ricchezze che non ci sara' nessuno in grado di opporsi alla schiavizzazione dei popoli europei.

charliehawk

Lun, 11/06/2012 - 11:11

Potrebbe sembrare strano buttarla sul calcio, quando si parla di crisi economiche mondiali così gravi, ma siamo in periodo di competizioni europee e ieri , anche la famiglia reale spagnola, non sembrava pensare ad altro che al pallone..altro che alla bancarotta delle sue banche. Trovo quindi scandaloso che tutta l'Europa "impresti" una cifra spaventosa alle banche spagnole, che poi continueranno a passarli con prestiti a "babbo morto" a Real Madrid e Barcellona, che , alla faccia nostra, continueranno a fregarci tutti i giocatori migliori. E noi a lamentarci che le nostre squadre sono senza soldi, che ci sono troppe tasse ( un miliardo di euro il debito con il fisco delle due grandi squadre iberiche...). Ma perchè non facciamo come loro?