Il Def spaventa i mercati: borsa giù, lo spread sale

Il governo si appresta a discutere del Def e del possibile sforamento del rapporto deficit/pil. Tensione sui mercati

Mentre il governo si prepara a discutere del Def e dell'eventuale sforamento del rapporto deficit/pil al 2,14% contro l'1,6% promesso all'Europa, i mercati sono in fibrillazione.

Forti vendite in avvio di giornata su Piazza Affari. L'indice Ftse Mib perde l'1,73% a 21.270,91 punti. A soffrire maggiormente è il settore bancario: Banco Bpm -4,12%, Unicredit -3,61%, Bper Banca -3,59%, Ubi Banca -3,58%. Cala anche Mediobanca che ha visto oggi l'annuncio dell'uscita di Bollorè dal patto che di fatto implica lo scioglimento dello stesso. Oggi il Tesoro metterà in asta Btp a 5 e 10 anni e Ccteu per un importo complessivo compreso fra 3,75 e 5,25 miliardi.

Lo spread tra Btp decennali e Bund tedeschi sfiora i 250 punti a quota 249,7, contro i 230 punti della chiusura di ieri. Il tasso del decennale sale al 2,986%, tornando vicino al 3%.

Deboli anche tutte le Borse europee, dopo la decisione della Fed di rialzare di un quarto di punto i tassi Usa. È la terza stretta quest'anno e un'altra molto probabilmente verrà varata a dicembre, a dimostrazione che la fase accomodante è terminata. Londra arretra dello 0,24% a 7.493,26 punti. Francoforte cede lo 0,4% a 12.335 punti e Parigi lo 0,23% a 5.500,25 punti

Commenti

Gianni11

Gio, 27/09/2018 - 11:35

L'economis non e' il casino' delle borse. Cavoli dei speculatori se vanno giu'. E le banche pure. Piu' usciamo fuori dal gioco degli usurai internazionali meglio e'. La borsa, come in passato, andrebbe limitata. Tutta l'Italia non puo' essere in vendita a chiunque tutti i giorni. I NOSTRI mercati devono tornare ad essere nostri. Ci siamo fatti ingannare dai globalisti con le favole dei mercati aperti. A cui bono?

maurizio@rbbox.de

Gio, 27/09/2018 - 11:36

Che noia "la paura dei mercati". Non è paura ma strategia. E chi scrive che sia paura deve semplicemente dedicarsi ad altro. Ci sono tanti argomenti più facili... Fate come il Corriere che scrive del Salame di Cioccolata oppure come la Stampa che srive di del Leone anziano... Lì il pericolo di scrivere fesserie è minimo.

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Gio, 27/09/2018 - 11:53

E ci credo... non sono tanto gli importi quanto il fatto che basta che un portavoce minacci una epurazione per andare dall'1,6 al 2,5%. Oppure che tu decerebrati si impuntino a fare i capricci che un piano economico assuma i connotati di una farsa. I mercati guardano più alla credibilità che ai semplici valori numerici e i tre pagliacci governativi in quanto a credibilità sono a quota 0.

nerinaneri

Gio, 27/09/2018 - 11:55

...eccoli...i poderi forti...

agosvac

Gio, 27/09/2018 - 12:25

Stranamente la borsa scende e lo spread sale quando i burocrati dell'UE, dietro ordine di Francia e Germania, sono "scontenti".

stefi84

Gio, 27/09/2018 - 13:03

Fortunantamente adesso all'estero abbiamo solo il 30% dei nostri titoli e non al 50% come al tempo del "colpo di stato" ai danni di Berlusconi, ma non basta il Giappone ha lo 0% all'estero per cui l'influeenza dello spread da loro è dello 0% . Non è necessario arrivare a tanto, ma la direzione è quella.

cgf

Gio, 27/09/2018 - 13:04

@Gianni11 borsa limitata? +/- come avvenne in Unione Sovietica ed ancora più recentemente in Venezuela.

Libertà75

Gio, 27/09/2018 - 13:53

@atomix49, quindi le dichiarazioni del Governo hanno mandato sotto anche le altre borse? siamo forti allora...

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 27/09/2018 - 13:56

Anche Londra,Francoforte e Parigi scendono, ma dal titolo sembra che sia SOLO Milano e per colpa delle intenzioni di governo!!! Siamo cosi POTENTI!!!! AMEN.

nerinaneri

Gio, 27/09/2018 - 14:21

agosvac: strano, le gente non vuole investire in uno stato stra-indebitato che si indebiterà ancora di più...strano...

Ritratto di ierofante

ierofante

Gio, 27/09/2018 - 14:25

Chi se ne frega dei mercati, dello spread, del debito, del rapporto deficit pil, dell'Europa e via discorrendo. Siamo stati eletti dal popolo, faremo una finanziaria del popolo e sconfiggeremo la povertà. Successivamente,non appena l'Italia tornerà ad essere uno stato soprano, stamperemo banconote con l'effigie di Renata Tebaldi in quantità tale da ripagare l'intero debito e vivremo felici senza lavorare cantando da buoni sopranisti le arie di tutte le opere che vorremo. Come ultimo traguardo ricostituiremo una nuova triplice alleanza con il Venezuela e l'Argentina e il mondo tremebondo si inchinerà ai nostri piedi. VIVA L'ITALIA SOPRANISTA. VIVA IL POPOLO SOPRANO.

petra

Gio, 27/09/2018 - 15:33

I mercati sarebbero certamente meno influenzati negativamente, se fosse andata in porto subito, almeno parzialmente, la flat tax per le aziende, e non a decorrere, come da ultime notizie dal 2021, anche perchè il reddito di cittadinanza ha bisogno della crescita produttiva per essere finanziato. La Lega sta mollando su tutta la linea e non è un bene. Nessuno dei due ha vinto le elezioni quindi dovendo sommare le promesse di entrambi gli schieramenti dovevano essere al 50% i provvedimenti in agenda.

Ritratto di babbone

babbone

Gio, 27/09/2018 - 15:39

borsa giù spread su......spread giù borsa su........usciamo da questa europa......manica de furbi a scapito del popolo.....continuano co sto spredde...........

nerinaneri

Gio, 27/09/2018 - 16:07

ierofante: ti stimo...

agosvac

Gio, 27/09/2018 - 16:43

Nerinaneri, gli investitori del debito pubblico se ne fregano allegramente, loro investono dove si guadagna di più.

Libertà75

Gio, 27/09/2018 - 16:53

@atomix, ierofante, piazzati i 5 miliardi con tassi in calo... ma guarda te come ci capite di economia.

bremen600

Gio, 27/09/2018 - 17:00

io spero che lo spread vada a 50.000 e oltre.

Massimocubo53

Gio, 27/09/2018 - 17:33

Difficile capire perchè i nostri "politici" non siano andati a chiedere aiuto ai Cinesi , ai Giapponesi ed ai Tedeschi per diminuire il carico di interessi che devono essere pagati sul debito pubblico . E' assurdo che la Germania paghi interessi sui suoi titoli decennali di meno dello 0,50% : i nostri "politici" dovrebbero PRETENDERE dalla Germania l'acquisto in asta di diciamo 100miliardi di € di titoli decennali al tasso di interesse che loro pagano sui loro titoli decennali . Il risultato per i tedeschi è 0 dato che pagherebbero di interessi esattamente quanto incasserebbero ma per l'Italia sarebbe un risparmio ENORME di almeno 2,5miliardi di € all'anno . E se poi lo stesso facessero sia Cina sia Giappone il risultato sarebbe enorme per l'Italia . Non sò che cosa stiano facendo i nostri "politici" ma ovviamente non stanno facendo i nostri interessi . Ciao

nerinaneri

Gio, 27/09/2018 - 17:34

agosvac: gli investitori del debito pubblico se ne fregano allegramente, loro investono dove si guadagna di più, quindi anche vendendo allo scoperto...

nerinaneri

Gio, 27/09/2018 - 17:42

...io spero che lunedì alle poste ci sia scritto: 'chiuso per sempre'...

Holmert

Gio, 27/09/2018 - 17:45

Il reddito di cittadinanza è una boiata pazzesca, imposto da una banda di ragazzotti allo sbaraglio. Ve l'immaginate voi che cognizione possa avere di economia e finanza ,uno come Di Maio o come i suoi burattinai Casaleggio e Grillo? L'Italia andrà a sbattere il muso contro un muro di caucciù. La Francia ha sforato? Ma perché Di Maio non guarda il suo PIL,invece di guardare il suo sforamento? Un barbone non si può paragonare ad un possidente. Cari amici , delocalizzate i risparmi, sinché siete in tempo. Questi ci porteranno alla malora.

Happy1937

Gio, 27/09/2018 - 18:03

Perché? Di Maio è tanto ignorante che non riesce a capirlo.

petra

Gio, 27/09/2018 - 18:16

Macron si appresta a diminuire drasticamemte le tasse e ci farà una concorrebnza spietata. Noi reddito di cittadinanza, quindi spesa, e tasse sempre altissime per le aziende, che dovrebbero investire e aumentare la produzione, ma quando mai? Bravi, bene, bis.