Italia, sale il rapporto debito/Pil: 130,3%. Peggio soltanto la Grecia

Il rapporto debito pubblico/Pil sale al 130,3%. Male anche i dati di Ue ed Eurozona

Con i dati relativi al primo trimestre del 2013, il rapporto tra debito pubblico e Pil italiano ha compiuto un considerevole balzo in avanti, piazzandosi - in una poco piacevole classifica - al secondo posto, subito sotto la Grecia.

Secondo Eurostat, in questo momento la percentuale italiana relativamente a questo fattore è del 130,3%, in crescita rispetto a quando - era l'ultimo trimestre del 2012 - si fermava al 127%. Ancora più basso nel primo trimestre dello scorso anno (123,8%). Superiore soltanto la percentuale registrata in Grecia, che raggiunge il 160,5%. Dietro di noi Portogallo (127,2%) e Irlanda (125,1%). 

Considerando il dato in termini assoluti, il debito nei primi tre mesi del 2013 ha raggiunto i 2.034.763 miliardi.

I dati sul debito pubblico non sono confortanti neppure negli altri paesi dell'Eurozona. Alla fine del primo trimestre dell'anno il rapporto con il Pil è salito al 92,2% (era al 90,6%) per i 17 Paesi della moneta unica. In crescita anche per i 27, dall'85,2% di fine dicembre all'85,9% di fine marzo. Rispetto al primo trimestre dello scorso anno il rapporto è cresciuto nell'Ue (83,3%) e nell'Eurozona (88,2%).

Commenti
Ritratto di wirtshaus-trier

wirtshaus-trier

Lun, 22/07/2013 - 12:16

Anche questo è colpa della Merkel e di Berlusconi?

ZannaMax

Lun, 22/07/2013 - 12:18

Non capisco perché continuino su questa strada. Ormai si sa che l'euro è una stronzata. A quanto pare "qualcuno" vuole la rovina dell'Europa. Chissà chi è..

rasiera

Lun, 22/07/2013 - 12:29

I sacrifici si fanno se c'è la percezione di migliorare qualcosa. In queste condizioni la vedo grigia.

carpa1

Lun, 22/07/2013 - 12:38

I nostri giornalisti si sono salvati dicendo che in valore assoluto ha raggiunto 2.034.763 miliardi di €. Infatti, a mio modesto parere, il valore in percentuale non ha senso, a meno che lo si dichiari riferito a quale PIL, visto che questo è in picchiata da diversi trimestri. Forse a dare il valore riferito al PIL è quello stesso giornalista che disse, tempo fa, l'Everest è alto 8.000 KM o la fossa delle Marianne è profonda 10.000 KM.

Ritratto di dbell56

dbell56

Lun, 22/07/2013 - 12:54

E' iniziato il conto alla rovescia del default! Si salvi chi può, anche se penso che saranno pochi o forse nessuno a salvarsi dal bagno di me**a che tra un po' andremo a fare per colpa di questi politici senza palle, messi lì purtroppo da noi!

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Lun, 22/07/2013 - 13:06

@wirtshaus-trier - la colpa in Italia è sempre degli altri. Ancora non l'hai capito ?

ALPHA 2001

Lun, 22/07/2013 - 13:12

dbell56 sottoscrivo le tue parole e dico che questo avverra' molto presto!!

CARLINOB

Lun, 22/07/2013 - 13:18

ed andrà sempre peggio : il Paese è in mano ad inetti , incapaci di qualsiasi azione logica!!

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Lun, 22/07/2013 - 13:44

@wirtshaus-trier - ....dimenticavo: dopo le elezioni preparati a mettere mano al portafoglio.

wotan58

Lun, 22/07/2013 - 14:06

Se non si tagliano le spese il debito aumenta se non altro per via degli interessi sul debito, che volano verso i cento miliardi di euro l'anno. Dovrebbe essere elementare, così come l'unica soluzione possibile, quella di tagliare i costi dello stato. Ah, già è colpa dell'Euro. Senza saremmo molto più ricchi. Il che è anche vero. Ricchi di buffi.

Cinghiale

Lun, 22/07/2013 - 14:15

Ma com'è possibile che non riescano a tagliare niente di niente per ridurre il rapporto tra produzione e spesa. I loro 3.000 euro di vitalizio al mese dai 60anni in poi non possono essere ridotti a 2.000 e percepibili dai 65anni per esempio? Ma qui bisogna presentarsi in piazza e aspettarli fuori!!!!!!

claudio faleri

Lun, 22/07/2013 - 14:23

non abbiamo ancora raggiunto il fondo e questo governo di fantoccci non sà cosa fare perchè i danni sono iniziati 40 anni fà, poi se aggiunto l'euro comprato a caro prezzo grazie all'idiota di prodi, l'italia è destinata a sprofondare, nessuno vuole fare marcia indietro chi ha dei privilegi vuole mantenerli, abbiamo un carrozzone di parassiti che costa molto ed ora sono passati gli anni d'ro, quelli che non servono vanno mandati a casa, nel palazzo ce ne sono molto, nelle regioni anche nelle province anche, si prospetta un percorso nero e questi buffoni continuano ad accogliere clandestini e mantenerli con i nosri soldi....prima o poi si pentiranno di prenderci per il c.........o

claudio faleri

Lun, 22/07/2013 - 14:31

naturalmente per la nostra sinistra ed anche per quel demente di ferrero che è tornato in televisione e quando apre bocca fa veramente schifo, però al suo bello stipendio non rinuncia, uno stipendio che proviene dagli odiati borghesi e padroni come piace dire a lui, ecco lui è uno di quelli da eliminare, poco cervello e molto parassitismo, questi sono i mali dell'italia, via dal carrozzone gente che non serve a nulla è indietro di 100 anni ripete le solite menate degli anni 70, io mi chiedo ma cosa ha nel cervello un buffone così, la risposta è semplice per mangiare non deve lavorare, solo succhiare i soldi agli italiani

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Lun, 22/07/2013 - 15:08

Il paese è in mano agli incapaci!!dopo il 1945 più nessuno politico ha avuto le balle ed il cuore d'acciaio per la propria nazione!!nessuno!!ed infatti ecco come siamo finiti...anno 2013 siamo alla fine di tutto...dice bene Gianroberto Casaleggio quando parla di rivolte...finiremo come la Grecia...che Iddio non ce ne voglia

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Lun, 22/07/2013 - 15:11

"Cinghiale" hai ragione!io proporrei di circondare il parlamento e irrompere nella camera dei deputati e mandare via a calci in culo tutti...poi prendere la costituzione e riscriverla da zero indicendo nuove assemblee costituenti,così da avere una carta aggiornata e che in caso di bisogno si può adattare senza dover far passare ed attendere mesi ed anni ;-)

Ritratto di wirtshaus-trier

wirtshaus-trier

Lun, 22/07/2013 - 15:15

pipistrato fino ad ora qui con la Merkel le tasse sono diminuite i servizi migliorati vedremo, comunque io se fossi in te mi preoccuperei della Italia penso che presto i vostri risparmi in banca serviranno per fare le ferie a vostri grandi politici.Infine la mano al portafoglio lo metto sempre quando mi trovo alla frontiera di Chiasso Brogeda per entrare in Italia non qui,qui faccio il pieno in Luxemburgo diesel 1,18/l e la autostrada francese della Alsazia sui 8 euro poi il demonio svuota monete o pozzo senza fine chiamato Italia.

Homer Wells

Lun, 22/07/2013 - 15:16

Che palle!!! Ma quanto gli ci vuole a capirlo? E' una questione di matematica: se le imprese chiudono perchè le fanno morire strozzate dalle tasse ecc per forza il PIL si abbassa e il rapporto debito/PIL cresce. Bo', ma sta gente ha studiato tutta alla Bocconi?

thepaul

Lun, 22/07/2013 - 15:17

@claudio faleri: giusto una precisazione. L'euro è stato introdotto sì da Prodi, ma il cambio era quello in vigore all'epoca tra lira e marco tedesco. Se ricordi bene, un marco valeva circa 1000 lire, quindi due marchi circa 2000 lire. Il cambio euro marco è stato fatto, guarda caso, proprio a 1 marco = 0,5 euro, cioè 1 euro = 2 marchi. Ri-guarda caso, 1 euro = 2000 lire = 2 marchi, quindi cosa c'entra Prodi? La colpa è stata dei commercianti e di tutta la filiera che, in barba al buon senso e grazie ai mancati controlli del governo (in carica era berlusconi quando entrò in vigore l'euro) hanno fittiziamente portato il cambio a 1 euro = 1000 lire, di fatto dimezzando il potere d'acquisto degli italiani. Per il resto sono d'accordo che i guai dell'Italia risalgono a tanti anni fa, ma il debito pubblico esplose durante i governi Craxi e, se non ricordo male, Craxi tutto era fuorché un "comunista". Se ricordo bene, Craxi era il sostenitore di Berlusconi, nonché (mi pare) testimone di nozze. Craxi era quello delle tangenti al PSI, della Milano da bere e da spolpare. Certo, gli Italiani hanno poca memoria e ora è facile farlo passare per martire in esilio, ma la verità è che lui è (era) un condannato in via definitiva che per sfuggire alla galera si è rifugiato in un paese amico che non lo avrebbe mai estradato...

Ritratto di wirtshaus-trier

wirtshaus-trier

Lun, 22/07/2013 - 15:20

pisistrato in Italia colpa degli altri? Ma allora cosa siete imbecilli o li fate? Ciao caro pisi.

Libertà75

Lun, 22/07/2013 - 17:26

finché non si mutualizza il debito non può che peggiorare

unosolo

Lun, 22/07/2013 - 18:00

la colpa è stata solo dei contestatori che da oltre 20 anni hanno di fatto sprecato soldi nello inserire centinaia di personaggi nei posti dirigenziali a spese dello stato , di questo passo e con quei stipendi nulla si può fare per fermare il debito a meno che si abbassino le tasse sulla busta paga almeno di tre punti e senza alzare l'IVA tagliare il solo spreco politico , tutto lo spreco in una sola mano .Ci vuole coraggio nel rilanciare l'economia e la ripresa produttiva ma solo con l'abbattimento di qualche punto di IRPEF si può portare investitori in ITALIA , solo con il ribasso della IRPEF si può sperare nella ripresa , certo i primi quattro mesi non saranno al massimo ma il denaro comincerà a girare nuovamente e i otto mesi si vedrà la netta ripresa che consentirà il fermo del debito e man mano la diminuzione dello stesso , ci vuole coraggio e tanta voglia di fermare anche il finanziamento o rimborso elettorale da subito .

Ritratto di wirtshaus-trier

wirtshaus-trier

Lun, 22/07/2013 - 19:36

ripeto, i primi tempi c'era l' ECU dal valore di 151 £ire andava benissimo perchè lo hanno cambiato?

buri

Mar, 23/07/2013 - 11:19

Ecco una cosa importante, che meriterebbe un po' di attenzione, non i problemi degli omosessuali

Ritratto di wirtshaus-trier

wirtshaus-trier

Mar, 23/07/2013 - 19:08

allora come diceva Berlusconi siccome la Italia era subito dietro alla Germania poi viene la Grecia dietro di noi?