La frenata sui consumi E ora c'è la "bomba" Iva

I dati Istat non sono incoraggianti per la salute dell'economia italiana nel breve periodo. I consumi frenano e si va verso un rallentamento dei ritmi produttivi

I dati Istat non sono incoraggianti per la salute dell'economia italiana nel breve periodo. Andiamo incontro ad una frenata consistente e soprattutto ad una contrazione dei consumi. Come sottolinea l'istituto di statistica di fatto va incontro ad una fase di rallentamento dei ritmi produttivi. A maggio, spiegano i ricercatori dell’istituto di statistica, l’indice del clima di fiducia dei consumatori ha segnato una forte flessione, alimentata dal marcato peggioramento dei giudizi e dalle attese sulla situazione economica del paese.L'Ista sottolinea anche come siano in contrazione le vendite al dettaglio. Un dato questo che si va ad innestare sull'eventuale aumento dell'Iva che potrebbe ulteriormente frenare i consumi. Le associazioni di categoria sono sul piede di guerra.

Sia Confcommercio che l'unione nazionale consumatori, come anche federconsumatori mettono in guardia il governo da un ritocco verso su dell'imposta sul valore aggiunto: "I dati sul commercio resi noti oggi dall’Istat rappresentano, purtroppo, l’inizio di una catastrofe annunciata. Le vendite registrano un calo delle vendite al dettaglio del -0,9% sul mese e del -5,4% sull’anno. Un andamento che va oltre ogni previsione negativa e che preoccupa fortemente. Scongiurare l’aumento dell’IVA, rilanciare il potere di acquisto delle famiglie e contrastare la crescita delle disuguaglianze: siano queste le priorità del Governo". Insomma adesso è braccio di ferro tra l'esecutivo (che ha un ministro dell'Economia non troppo critico sull'aumento dell'Iva) e il settore produttivo di esercenti e consumatori.

Commenti

mumble

Gio, 07/06/2018 - 11:46

Vedremo all'opera il duo Salvini Di Maio: hic Rhodus, hic salta... IVA, autonomia a Lombardia e Veneto, rimborso retta degli asili nido, IVA zero sui prodotti per l'infanzia, via sanzioni alla Russia, flat tax, reddito di cittadinanza, prelievo sulle pensioni d'oro... Hic Rhodus, hic salta.

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 07/06/2018 - 12:01

Quindi continiuamo a seguire le ricette ue e il 3%.? Lo capisce anche un fesso che con queste regole falliamo prima di quanto falliremmo per debito pubblico.

cecco61

Gio, 07/06/2018 - 12:48

Vedremo se il Governo riuscirà a scongiurare l'aumento ma, non ci voleva l'Istat per vedere, coi propri occhi, il calo dei consumi in qualunque città italiana. Gli altri partiti, nei loro programmi elettorali, sapevano solo dare incentivi a destra e a manca per aumentare la produzione (e comprare voti) ma tale aumento, se nessuno compra, è inutile. Incentivi tra l'altro finanziati spremendo i consumatori. Poco importa se Conte ce la farà, ma almeno sta dando le giuste speranze a una popolazione stanca di sentire le solite promesse dai presunti esperti e mai mantenute.

jenab

Gio, 07/06/2018 - 13:43

mai nessuno che ringrazia l'autore di questa bomba, che viene passata da un governo ad un altro

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Gio, 07/06/2018 - 14:55

Frenata dei consumi ? Andate a chiedere conto di questo ad un esperto in campo, lo stimato mario monti che in una celebre intervista andata in onda nel 2012 su CNBC (in lingua inglese, ovviamente NON trasmessa da tv italiane) ammise che "We're actually destroying domestic demand through fiscal consolidation in Europe, we need to expand it." ("In Europa stiamo distruggendo la domanda interna mentre avremmo bisogno del contrario" - il filmato dovrebbe essere ancora on line su youtube.

Ritratto di mario_caio

mario_caio

Gio, 07/06/2018 - 14:56

Eppure è un ragionamento facile: se ho in tasca 100, posso spendere solo quelli. Puoi fare tutti gli aumenti che vuoi ma non è con questo che la mia disponibilità potrà aumentare, quindi i consumi sono inevitabilmente destinati a scendere. Aumentate pure l'IVA ed aumenterà di conseguenza (ove possibile) anche il nero.

qwewqww

Gio, 07/06/2018 - 15:35

Con lo stato romano indebitato e pluri fallito che aumenta sempre di più il debito pubblico e gli interessi/tasse da pagare, che ti piazza balzelli dovunque come il canone rai in bolletta o l'aumento del biglietto aereo per pagare i debiti di alitalia, che con le tasse/accise ha portato il carburante a prezzi assurdi che per fare un km di strada spendi 5 euro, ma cosa vi aspettavate che l'economia crescesse? Fino a quando non ci sabrazzeremo dello stato romano ladro la situazione peggiorerà sempre di più.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Gio, 07/06/2018 - 16:15

Consumare meno è un errore. Risparmiare è un errore. La svalutazione causata dall'uscita dall'Euro farà volare i prezzi e brucerà i risparmi. E' INTELLIGENTE SPENDERE E INDEBITARSI.

Duka

Gio, 07/06/2018 - 16:22

Anche questo nuovo esecutivo NON capisce niente di Economia Reale. Quando sento dire che le infrastrutture non sono la priorità mi viene il latte alle ginocchia. Anche se faranno marcia indietro perchè costretti sia dalle richieste francesi sia dai molti soldi già spesi, significa comunque che la TESTA E' SBAGLIATA. Finita questa scemenza gli stessi soggetti sono pronti per altre. NON funziona così ; siamo purtroppo ostaggi di truffatori di gente che ha preso il potere imbrogliando il popolo eccessivamente boccalone e ora saranno guai seri.

Ernestinho

Gio, 07/06/2018 - 16:38

Frenata sui consumi. E vorrebbero anche aumentare l'Iva! Ma questi sono pazzi!

titina

Gio, 07/06/2018 - 16:41

ho capito. devo eliminare anche la tazzina di caffè al bar che prendevo due volte a settimana

yulbrynner

Gio, 07/06/2018 - 16:47

della serie...la crisi non e' mai finita.... forse lo era x alcuni settori merceologici ma non x tutti..e adesso si rallenta.. SUBLIME!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 09/06/2018 - 10:12

DI MALE IN PEGGIO..