Gas, da aprile bollette ridotte del 6-7%

L'Authority dà il via a una riforma che in tre fasi riduca del 6-7% le bollette. Partirà già dal prossimo aprile

Una riforma in tre fasi nel mercato del gas per ridurre del 6-7% le bollette già dal prossimo aprile. È quanto prevede l’Autorità per l’energia elettrica e il gas, che sta lavorando a una riforma per tenere conto dell’evoluzione del mercato del gas, compreso fra contrazione della domanda, aumento dell’offerta e nuove regole europee e nazionali che favoriscono la concorrenza. Obiettivo della riforma è dunque “trasferire ai consumatori i benefici che derivano dallo sviluppo di un mercato all’ingrosso del gas concorrenziale in Italia, arrivando ad una riduzione complessiva della bolletta della famiglia-tipo del 6%-7% su base 2013″. “Tutto ciò a partire dal prossimo aggiornamento di aprile, con un percorso all’insegna della gradualità”, prosegue l’Autorità.

Certo, considerando che nel nostro Paese gas e luce sono più cari del 20% rispetto all’Europa la strada da percorrere è ancora lunga. Secondo una ricerca condotta dal sito Facile.it, infatti, le bollette di luce e gas degli italiani costano 1.820 euro all'anno per famiglia, il 20% in più rispetto a Germania, Spagna, Francia e gran Bretagna. Dunque se adottassimo le tariffe medie europee ogni famiglia risparmierebbe 330 euro annui in media. A marcare tanto la differenza non è il costo della materia prima quanto il peso di tasse e imposte applicate in bolletta, notevolmente più elevate rispetto a quelle di Francia, Germania, Gran Bretagna e Spagna.

Ma vediamo la riforma nel dettaglio. Il percorso tracciato dall’Autorità dell’energia è strutturato in tre fasi, secondo il principio di gradualità previsto dalla legge n. 1/12 (“Cresci Italia”). Nella prima fase, tra il 1° aprile e il 30 settembre 2013, il prezzo della materia prima gas verrà calcolato aumentando dall’attuale 5% al 20% le quotazioni spot degli hub esteri, oggi più vantaggiosi dei contratti di lungo periodo. Quindi, il ‘peso’ dei prezzi spot esteri da aprile aumenterà al 20%. Nella seconda fase, dal 1° ottobre, viene previsto un metodo innovativo di calcolo della materia prima, con un passaggio al 100% a prezzi spot che si formeranno sulla borsa gas. In una terza fase, che partirà non prima del 1°ottobre 2014, l’Autorità ha previsto la possibilità di introdurre specifici strumenti per tutelare i consumatori da eventuali picchi di prezzo o da improvvise carenze di gas.

Commenti

blues188

Mer, 20/02/2013 - 14:25

sempre quando si spegne il riscaldamento. Invece di farlo quando ci si deve riscaldare, ci prendono per il fondello e poi strillano come corvi che loro sono onesti!

Ritratto di pinox

pinox

Mer, 20/02/2013 - 15:42

all'insegna della gradualità, voglio vedere cosa intendono, nelle cose negative siamo sempre i primi, vero signori politici? ....e perchè non ridurre di colpo del 20% le bollette in modo da pagare come gli altri semplicemente portando la spesa per la politica procapite a livello degli altri paesi? poniamoci come obiettivo la francia che è seconda in classifica, ma con una spesa procapite di 10 volte inferiore alla nostra, non una ma dieci volte. questo vuol dire che siamo la vergogna delle vergogne, ma non tanto i politici, ma noi cittadini dobbiamo vergognarci, perchè subiamo questi torti senza battere ciglio e invece qualcosa, anzi qualcuno da battere ci sarebbe....ed è venuta l'ora di farlo!

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Mer, 20/02/2013 - 17:47

ora che siamo sotto elezioni tutto scende? io prima vorrei vedere poi credere.Ma come la culona fa pagare meno i servizi?qui quasi tutto è elettrico.Allora sono delle chiaviche e ladri in Italia non in Germania.Mi sembrava che la Germania fosse mantenuta dalla Italia mah...

robertav

Mer, 20/02/2013 - 18:08

E NEL FRATTENPO L'AVRANNO AUMENTATA DEL 12-14%,

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 20/02/2013 - 18:11

@franco@trier perchè non vai a farti un giro e non ci rompi più le scatole,che a noi della tua dorata germania non ce ne fotte un tubo.@blues 188 mi hai rubato le parole dalla tastiera hai ragione.

gamma

Mer, 20/02/2013 - 18:34

Ma figuriamoci. Se vince il monti-sinistra quel 7% la compenseranno con una tassa del 7% in più. Sennò il debito di MPS come lo pagano.