Generali, sfiduciatol'ad PerissinottoDella Valle si dimette

La sfiducia è stata votata da 10 consiglieri su 16. Della Valle: "Non ero d'accordo, lunedì presento le mie dimissioni"

La notizia era già nell'aria e questa mattina è stata confermata: il cda delle Assicurazioni Generali ha sfiduciato l’amministratore delegato Giovanni Perissinotto con stati 10 voti favorevoli su 16 presenti. Il probabile successore sarà Mario Greco. "Tutti sono preoccupati per il futuro della Compagnia, speriamo sia stata fatta la scelta giusta", ha detto il consigliere Claudio De Conto sostenendo che Greco "è un ottimo manager".

La sfiducia non è piaciuta a Diego Della Valle che ha annunciato: "Lunedì comunicherò le mie dimissioni dalle Generali. Non ero d’accordo su ciò che si voleva fare nella forma e nella sostanza. Trovo che si poteva fare tutto molto meglio, preservando meglio l’immagine della società e soprattutto l’immagine del nostro Paese, che in questi momenti ha bisogno di attrarre investitori e non di preoccuparli".

Commenti

federico28

Sab, 02/06/2012 - 17:20

Ha ragione Della Valle soprattutto quando si richiama all'immagine del paese che davvero, dopo i ladri politici, gli Schettino, il calcio e le sue porcherie (e qualche altra citazione ci sarebbe), finisce per essere svergognato e preso a schiaffi da tutte le parti.

Loreno Bardelli

Sab, 02/06/2012 - 17:27

Se effettivamente Mario Greco diventerà , come da previsioni , a.d. di Generali avremo l'ennesima conferma che il nostro Paese è ormai divenuto territorio di caccia degli uomini ex McKinsey ed ex Bocconi .Infatti , a partire dal premier e da alcuni suoi "fedeli" ministri tecnici , se andiamo a verificare l'estrazione e provenienza dei top manager che , incontrastati , hanno ormai le leve del potere e dell'economia italiana ( da Paolo Scaroni a Fulvio Conti , da Alessandro Profumo a Corrado Passera , da Silvio Scaglia a Francesco Caio , da Giorgio Rossi Cairo a Vittorio Colao ...e potremmo esaurire tutti i 1000 caratteri disponibili per il commento ) l'amara conclusione è che se non sei un ex McKinsey o un ex bocconiano puoi scordarti di emergere in quanto sei , purtroppo , destinato a rimanere per tutta la vita un eterno bamboccione ! PS : anche Gotti Tedeschi mi risulta essere un ex McKinsey , ma forse , oltre Tevere , ha dovuto incrociare le armi con una lobby ben più agguerrita .

Ritratto di unLuca

unLuca

Sab, 02/06/2012 - 22:55

Sic transit gloria mundi Mr. Tods.

Ritratto di scandalo

scandalo

Dom, 03/06/2012 - 08:16

Con la situazione attuale un manager che si chiama GRECO mi mette un po di timore !! d'altronde abbiamo già un napolitano a capo della repubblica !!