Da gennaio stangata ​da 914 euro a famiglia

Secondo il Codacons, nel 2019 ci sarà una “stangata” da 914 euro a famiglia, dovuto anche all’aumento delle tariffe stradali, della Rc auto e delle multe per infrazioni del codice della strada

Potrebbe essere un 2019 davvero difficile per i contribuenti. Dopo tre anni cade il blocco dei tributi locali e dal primo gennaio dell’anno nuovo sarà consentito, alle amministrazioni locali, di aumentare il livello di pressione fiscale grazie attraverso la maggiorazione di aliquote e tariffe di competenza comunale. Il maxi-emendamento della legge di bilancio prevede, difatti, la possibilità di istituire nuovi tributi e ridurre le agevolazioni precedentemente concesse.

I primi aumenti riguarderanno Tasi e Tari: la Tassa sui servizi indivisibili potrà avere una maggiorazione dello 0,8 per mille in quei comuni che l’avevano già istituita e confermata negli anni precedenti mentre, per quanto riguarda la Tari, le amministrazioni locali potranno aumentarne o diminuirne le tariffe del 50percento. Possibile stangata anche sull’imposta sulla pubblicità con la facoltà, per gli enti locali, di aumentare tariffe e diritti fino al 50percento per le superfici superiori al metro quadrato; una buona notizia riguarda commercianti e imprese che hanno pagato, nel periodo 2013-2018, l’imposta maggiorata perché avranno diritto ad un rimborso a rate da parte del comune. Secondo il CodaCons, nel 2019 ci sarà una “stangata” da 914 euro a famiglia, dovuto anche all’aumento delle tariffe stradali, della Rc auto e delle multe per infrazioni del codice della stradata, ma la pressione potrebbe superare i 3mila euro se si comprerà una nuova auto che rientra nella ecotassa voluta dal governo. Infine va ricordato che dal primo gennaio si registrerà un aumento della bolletta per il gas del 2,3 per cento mentre quella della luce calerà dello 0,08 per cento.

Commenti

ilbelga

Gio, 27/12/2018 - 18:14

come dire: tasi e paga...

sparviero51

Gio, 27/12/2018 - 18:17

PUPAZZI IMPROVVISATISI STATISTI IGNORANTI E PRESUNTUOSI !!!

caren

Gio, 27/12/2018 - 18:58

Altro che governo del cambiamento. Complimenti. Se queste sono le aspettative, non è un'idea remota prevedere una stangata alle Europee.

rigampi51

Gio, 27/12/2018 - 19:10

GRAZIE SALVINI, non eri quello che prometteva la riduzione delle tasse ? Ce ne ricorderemo alle prossime elezioni , da qui a maggio farai un bel scivolone

diesonne

Gio, 27/12/2018 - 19:10

diesonne un governo che spreme i cittadini andrà alla rottomazione

Una-mattina-mi-...

Gio, 27/12/2018 - 20:31

LEGGENDO NON VEDO NESSUNA "STANGATA", SOLO IMMAGINARIE TENDENZE, A MENO CHE LE MULTE NON SIANO UNA CERTEZZA

rigampi51

Gio, 27/12/2018 - 20:33

Diesonne ha ragione e lo dice uno che ha votato Lega, alle europee Salvini crollerà

Massimo Bernieri

Gio, 27/12/2018 - 21:10

Ma quando il petrolio aumentava non dicevano che aumentava anche il gas perché i prezzi sono "collegsti?"Ora che il prezzo petrolio è quasi ai livelli inizio 2018,mi sarei aspettato un calo.Quanto alle assicurazioni cercando on line,si trovano tariffe migliori specie per chi si assicura da un agente.Per le multe:basta non prenderle !Poi che questo governo non ha calato tasse e ha dato il via libera alla imposte locali d'accordo al 100%.

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Gio, 27/12/2018 - 21:33

Se non si esce subito dall'ue, continueremo a pagare a caro prezzo la scellerata politica degli ultimi 7 anni. Con i debiti che hanno trovato, il governo attuale, non possono mantenere le promesse elettorali subito, ma nel tempo.

caren

Gio, 27/12/2018 - 21:43

Una-mattina-mi..., puoi anche fare l'ermetico o lo spiritoso, vedremo a maggio chi ha ragione.

rigampi51

Gio, 27/12/2018 - 22:35

Massimo Bernieri ha ragione, nonostante il crollo del prezzo del petrolio il gas continua ad aumentare e soprattutto c'è sempre piu aria, pagata al prezzo del gas, ma su questo sorvoliamo, nessun politico si è mai posto il problema ?

CALISESI MAURO

Gio, 27/12/2018 - 23:07

massimo bernieri, infatti il gasolio da 1,580 e' passato a 1390.. non se ne e' accorto?

CALISESI MAURO

Gio, 27/12/2018 - 23:11

rigampi51: non voglio offedenderla meriterebbe un nomaccio per la sua ignoranza, bene, comunque sappia che il prezzo del gas e' scollegato da quello dell'olio e del condensato questo perche' il suo costo e' strettamente legato al costo delle infrastrutture e pipelines o impianti di liquefazione. I contratti sono annuali o di alcuni anni.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 28/12/2018 - 00:28

@rigampi51 - vuoi scommettere che no nscenderanno i voti? Di sicuro supera il 17 % che aveva ottenuto pochi mesi fa. Che vuoi giocarti, invece di chiaccherare inutilmente, da becero comunsita? Tira fuori i soldi e poi di pure quello che vuoi.

REX5000

Ven, 28/12/2018 - 08:01

Per le feste bevete meno,questi sono i regali lasciati da i vostri grandi statisti e onesti personaggi che ci hanno governato fino alle elezioni di aprile

Duka

Ven, 28/12/2018 - 08:02

Facciamola pagare ai politicanti dei vari parlamenti italiani, già non c'è solo quello canonico di Roma, ci sono tutti i parlamenti delle regioni che ci ciucciano soldi a palate.

Duka

Ven, 28/12/2018 - 08:29

@rigamp151: hai ragione per quanto riguarda il gas da parecchi mesi esce più aria mista a gas del solito, mentre per i politici, che tali non sono ma politicanti di mestiere, lasciamo perdere. Fin quando intascheranno 12/15.000 Euro mese per nulla fare per 30 o più anni in attesa della dorata pensione c'è poco, anzi nulla, da sperare.