I Comuni incassano 1,7 miliardi dalle multe: record per Bologna e Firenze

La riscossione delle contravvenzioni cresce del 18% nel 2017. Ma c'è un problema: le strade, in molti casi disastrate, non vengono sistemate come si dovrebbe. La spesa in tal senso fa registrare un segno negativo del 12%

Ci sono dei dati che fanno riflettere. I Comuni ogni anno incassano circa 1,7 miliardi in contravvenzioni. Un bel tesoretto, senza dubbio, con un incremento del 18% nel 2017. La legge prevede che parte di questi soldi vada utilizzata per sistemare le strade. Però i dati evidenziano che la spesa, in questo senso, è calata del 12%. Qualcosa non torna. E la rabbia dei cittadini-automobilisti cresce. Giustamente.

Come spiega il Sole 24 Ore questi dati sono raccolti e classificati dal Ministero dell'Economia. Il 90% circa di quel bel gruzzoletto è stato raccolto con le "classiche" multe stradali, la parte restante da sanzioni di altro tipo. Come dicevamo in un anno i Comuni hanno incassato un bel 18% in più, ma anche l'anno scorso c'era stato un incremento rispetto al 2016 (+4%), mentre l'anno ancora prima il segno più era stato del 9%. Un periodo di vacche grasse per gli enti comunali, anche se la situazione non è rosea ovunque. Ci sono delle differenze.

L' 80,3% dei soldi che entrano grazie alle multe, infatti, finisce nei Comuni del Nord e del Centro Italia, con un pagamento medio per abitante che oscilla intorno ai 33,7 euro. Nei Comuni del Sud, invece, ogni cittadino è spremuto di 15,9 euro. In pratica la metà. Se guardiamo alle singole città il record delle multe se lo contendono Bologna e Firenze, con circa 130 euro ad abitante. A seguire c'è Milano. Roma è al quindicesimo posto (55,6 euro), anche se in un anno ha fatto un bel balzo in avanti (+23,5%). Napoli ancora più indietro, al 38° posto, con 40,9 euro pro capite.

Ovviamente a influenzre questi dati c'è una componente denominata "city users": raggruppa pendolari e turisti che ogni giorno entrano nelle città e non sono residenti. Un numero elevato di queste persone ovviamente alza la cifra dell'importo raccolto pro capite (crescono gli incassi ma resta fisso il numero dei residenti). Un altro aspetto che incide molto, invece, è l'uso dei nuovi autovelox su alcune tratte stradali. Anche se prima di cantare vittoria (per i Comuni) bisognerà attendere il 30 aprile, quando verranno approvati i rendiconti del 2017. Solo allora sapremo quanto è stato davvero incassato rispetto alle multe fatte. Molte città, infatti, hanno difficoltà nel riscuotere, con grandi differenze da città a città. Se Milano incassa il 40% circa del valore delle multe comminate, Roma si ferma al 25% mentre Napoli è ancora più indietro, al 20%. E' necessario fare qualcosa per migliorare questo aspetto, di non facile soluzione. Secondo il Sole 24 Ore la differenza più grande tra Nord e Sud non è data tanto dal numero di multe elevate quanto dalla maggiore o minore capacità di riscossione.

Commenti

silvan.don

Dom, 08/04/2018 - 11:53

Binelli scrive:"E' necessario fare qualcosa per migliorare questo aspetto" Certo, bisognerebbe ridiventare un paese civile: togliere gran parte degli autovelox, messi per incassare e non per sicurezza. C'è una strada pericolosa? In Italia pronto l'autovelox, nel mondo si allarga la strada, si modifica l'incrocio o si trova un'altra soluzione. A proposito di buche, almeno qui da noi, invece di chiuderle, spendono i soldi per i dossi artificiali. La logica sembra: c'è un problema? creiamone un secondo!

Gianca59

Dom, 08/04/2018 - 12:44

Puro ladrocinio di stato, gabelle comunali messe in assenza di trasferimento del dovuto da parte di Roma ai comuni, agguati belli e buoni ai danni di cittadini onesti !

Anonimo (non verificato)

mozzafiato

Dom, 08/04/2018 - 15:27

SILVAN.DON il tuo intervento sintetizza il pensiero (sbagliato) dell'italiano medio ! Dunque secondo l'italiano medio, LE MULTE IN ITALIA SI PRENDONO PERCHE' LE STRADE SONO MALMESSE: Una persona normale, si mette a ridere di fronte a questo tipo di ragionamenti da bimbetto dell'asilo ! A ben vedere, invece, gli italiani si caricano di multe PERCHE' COME ITALIANI, NON INTENDONO RISPETTARE IL C.d.S.! Vuoi trovare un'altra soluzione negli incroci ? RISPETTA IL C.d.S e la soluzione viene in automatico ! Infine i comuni devono impiegare i soldi dovuti non per limitare le multe agli stupidi che le cercano MA PER MIGLIORARE LA VIABILITA' NEL SUO INSIEME ! Cosa ben diversa !

giovanni951

Dom, 08/04/2018 - 16:48

al sud si riscuote poco? pensavo niente....

cgf

Dom, 08/04/2018 - 18:01

le strade IN TUTTA LA PENISOLA sono messe malissimo!! infatti la destinazione del ricavato delle multe NON dovrebbe essere usato per comprare auto(anche di rappresentanza) nuove, divise, rotonde assurde troppo piccole per il traffico che debbono sopportare, non ultimo... consulenze esterne, tante 'consulenze'.

Duka

Lun, 09/04/2018 - 11:53

Questa è una delle tante TASSE OCCULTE e non di poco conto ma che non vengono calcolate per determinare il peso fiscale. In sostanza questa e molti altri balzelli tipo le accise concorrono al totale INVEROSIMILE del 76% di imposte a vario titolo che il cittadino versa allo stato. Il tutto per mantenere un esercito di fannulloni cronici distribuiti in tutte le istituzioni, dalla magistratura, alla sanità, ai comuni.

manfredog

Lun, 09/04/2018 - 15:04

..è vero che al sud si riscuote poco, ma vedrete che appena arriverà il reddito di cittadinanza per tutti i nullafacenti, le cose cambieranno, si, ancora in peggio..!! mg.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 12/04/2018 - 09:13

cosa volete che gli arabi paghino le multe?