I furbetti del decreto Renzi: "Speculazioni per 10 milioni"

La Consob: anomalie sulle popolari. Brunetta: "Come lo scandalo della Banca Romana". Commissariato l'istituto del papà della Boschi

Roma - Prima la conferma della Consob: ci sono state «operazioni anomale» da parte di investitori che sapevano il come e il quando della riforma del governo e hanno speculato sui titoli delle banche popolari, lucrando circa dieci milioni di euro. Poi la notizia del commissariamento, per altri motivi, dell'istituto maggiormente interessato dagli acquisti sospetti: BancaEtruria, che ha come vicepresidente il padre del ministro Maria Elena Boschi. Non tira buona aria sul governo, almeno sul versante delle banche.

A mercati chiusi è arrivata la notizia che Bankitalia ha commissariato la banca di Arezzo. Il motivo non sono gli strani movimenti nei mercati finanziari, ma vicende vecchie di qualche anno. La banca è da tempo sotto osservazione. Ieri via Nazionale, d'intesa con il ministero guidato da Pier Carlo Padoan, l'ha commissariata. Il problema è la capitalizzazione e crediti dubbi o deteriorati superiori al 25%. Il comunicato ufficiale parla di «gravi perdite del patrimonio» emersi da «accertamenti ispettivi» ancora in corso.

Vicenda di interesse esclusivo dei mercati se non fosse che al vertice c'è, o meglio c'era, il padre di un ministro del governo. Pier Luigi Boschi, vicepresidente di un consiglio di amministrazione che è, a questo punto, sciolto dal governatore Ignazio Visco e da un altro ministro, Pier Carlo Padoan. La guida della banca va a Riccardo Sora e ad Antonio Pironti.

Ieri il governo non ha commentato. Le opposizioni sì. Renato Brunetta di Forza italia ha parlato di «una situazione davvero inquietante, uno scandalo che si sta delineando sempre più oscuro e inaccettabile» e ha paragonato, in generale, tutta la vicenda delle banche popolari allo scandalo della Banca Romana. Le Lega ha chiesto che il governo riferisca in Parlamento.

L'istituto di credito aretino era finito nelle cronache nazionali nei giorni scorsi per gli strani movimenti di azioni a ridosso della riforma delle popolari varata dal governo. Un decreto che punta a renderle, di fatto, delle normali società non cooperative, dove gli azionisti contano per le quote di capitale che detengono.

Ieri mattina, dalle indiscrezioni si è passati alla conferma del presidente Giuseppe Vegas. Il faro della Consob è puntato sugli acquisti di azioni sospetti.

Poco prima del varo del decreto competitività, il cui piatto forte è appunto una riforma della governance delle banche popolari, la Commissione nazionale per le società e la Borsa, ha registrato degli andamenti «anomali» su vari titoli di banche popolari. Il timing lo ha ricostruito lo stesso Vegas. La data in cui «è possibile assumere che il mercato abbia avuto una ragionevole certezza dell'intenzione del governo di adottare il provvedimento è individuabile nel 16 gennaio del 2015». Le prime indiscrezioni risalgono al «3 gennaio del 2015». E proprio da quel giorno i titoli delle Popolari sono cresciuti dall'8%, è il caso dell'Ubi, fino al record di BancaEtruria, le cui azioni, che per la verità erano molto basse, sono salite del 57%.

Sulla banca di Arezzo c'erano già stati movimenti anomali in agosto, quando passò di mano il 12% del capitale della Banca. In quel caso, ha spiegato Vegas, la Consob non riscontrò però «elementi sufficienti ad avviare un'indagine di abuso di mercato». L'organismo di vigilanza si sta concentrando su «soggetti che hanno effettuato acquisti prima del 16 gennaio, eventualmente accompagnati da vendite nella settimana successiva. Le plusvalenze effettive o potenziali di tale operatività sono stimabili in 10 milioni di euro». Ma la posta in gioco è molto più consistente.

Commenti
Ritratto di ellebor0

ellebor0

Gio, 12/02/2015 - 08:26

Ma gli operai ed impiegati delle fabbriche italiane, la base elettorale del PD, che cosa hanno a che fare con queste manovre speculative, che favoriscono solo gli amici degli amici della nomenklatura sinistra ? E' mai possibile che se ne dimenticano quando vanno in piazza con quei distrattoni della Camusso & Landini, che ronfano come ghiri davanti a questi intrallazzi ? Non si chiedono scandalizzati se esiste un conflitto d'interessi di un ministro del PD ?

Ritratto di Gius1

Gius1

Gio, 12/02/2015 - 08:26

Evviva, un altro scandalo sinistro . Era ora

magnum357

Gio, 12/02/2015 - 08:28

Fonzarellirenzi ha bisogno di soldi per restituire i 400mila euro ricevuti indebitamente dall'aziendina paterna !!!!!

eternoamore

Gio, 12/02/2015 - 08:28

SPERO VENGA FATTA PIENA LUCE.

Duka

Gio, 12/02/2015 - 08:37

Siamo governati da una banda di NON ELETTI, LADRI E FALLITI. Questo è il paese del bengodi-

dementina1

Gio, 12/02/2015 - 08:45

qualsiasi politico e li x i propri interessi non esiste politico a cui interessa l italia e i suoi cittadini.questa e l italia non a caso e tra gli stati + corrotti al mondo e nessuno fa nulla perché l italia e fondata nelle corruzioni e ruberie solo 1 guerra civile potra sistemare tutti questi ladroni

Ritratto di ..£aFarsa....

..£aFarsa....

Gio, 12/02/2015 - 09:22

nel Partito Delinquenziale unico il più pulito ha la rogna

marygio

Gio, 12/02/2015 - 09:35

non mi meraviglio. per niente. dopo telecom bnl fondiaria alitalia con l'attesa infinita dell'opa al tempo del prodino (AHHHHHHHH) fondiaria enel.avanti tutta compagni!!!!immaginiamo ci fosse stato berlusconi invischiato in queste manovre di alta (AHHHH) finanza.

glasnost

Gio, 12/02/2015 - 09:42

Provate a guardare se il Corriere della sera ne parla. I sinistri non devono sapere queste cose, ma essere plagiati dal regime e vivere tranquilli pensando che il PD i soldi li prenda con le salamelle alle feste dell'unità.

Agostinob

Gio, 12/02/2015 - 09:51

Renzi non ne sapeva niente e la Boschi, con suo padre nella cacca, pure. Ora salterà fuori qualche nome di poca importanza e la cosa si metterà a tacere come sempre. Non ho sentito una sola voce, dico una, da parte della sinistra, indignarsi per questo. E questa sarebbe la correttezza, la moralità, l'onestà della sinistra e dei comunisti. Basta, hanno perso il mio voto. Non li voterò così come faranno i miei familiari e tutti i miei amici che sono tanti e di cui potrei fare l'elenco ma ci vorrebbe troppo tempo. Qualunque uomo onesto di sinistra dovrebbe vergognarsi.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Gio, 12/02/2015 - 10:00

Strano che il governo Renzi (il 3 non eletto su 3 in 4 anni) con 3 mutui del credito cooperativo di Pontassieve (FI) NON si sia accorto che il papà della ministra ne avrebbe benificiato ,strano che non abbiano ben chiuso porte e finestre per evitare spifferi dagl'infissi.Adesso,se vi fosse Berlusconi al governo con famigliari a beneficiarne, Repubblica,L'Espresso,Il Sole24ore,il pozzo senza fondo RAIe non ultima la magistratura,naturalmente democratica,a sparare ad alzo zero,con il rimbalzo sulla stampa "amica" di quotidiani internazionali.Così non è,quindi dopo un venticello sostenuto ma breve,tutto finirà nell'oblio del "una vista che non doveva accadere ma priva di quella volontarietà tipica del solo berlusconismo".In Italia è come la nave Costa crociere,la colpa è del solo comandante anche se gli inchini sono prassi comune anche se reato,anche se la guardia costiera,la polizia del mare, non ha fatto nulla per sanzionare.

Mr Blonde

Gio, 12/02/2015 - 10:02

Qualcuno ricorda le speculazioni sul titolo alitalia per caso?

nonna.mi

Gio, 12/02/2015 - 10:06

Il clima politico è veramente scandaloso! Possibile che anche la "bella" del Governo abbia alle spalle stretti parenti molto dentro intrallazzi poco chiari e speculativi? Renzi stai attento perché la tua severità con cui vuoi convincere gli italiani della tua estraneità e perfetta onestà di condotta incomincia a vacillare...Parla meno ma agisci con Sincerità se vuoi avere l'appoggio dei Veri Italiani. Myriam

filder

Gio, 12/02/2015 - 10:26

Questo di Renzi & Co. è il partito dei magna magna e lo fanno persino alla luce del sole con la convinzione che alla fine la faranno franca così come in altri casi in quanto i loro giudicanti sono pure i loro compagni di briscola, ma se avessero un po' di dignità cosa che gli manca, si dovrebbero dimettere e chiedere scusa a chi li ha voluti votandoli, escluso i zingari,pardon volevo dire rom, i cinesi ed i clandestini che lo hanno fatto per raccimolare qualche Euro

unosolo

Gio, 12/02/2015 - 10:36

ho sempre sostenuto che una volta arrivati in quei posti ci si adagiano e pensano al solo io , che esso sia di soffiare in anteprima delle notizie o insediarsi in più poltrone , comunque sempre per il solo io , da sempre . o meglio , i veterani politici hanno sempre fatto leggi che coprivano le loro ambizioni , chi ne traeva direttamente introiti e chi in famiglia o amicizie , scambi , baratti , insomma sempre per loro mai per il bene della collettività , hanno attaccato il Berlusconi che era l'unico che ne aveva di suo e non si intrometteva , loro con la scusa di leggi a personam si sono sempre nascosti , ci faranno rimpiangere bonanima , quel che ha fatto è ancora in piedi e ne resterà perennemente alla vista e all'uso di pochi o molti .

Rossana Rossi

Gio, 12/02/2015 - 10:40

Tranquilli......non succederà un bel niente e riusciranno anche qui a dire che in fondo è solo colpa di Berlusconi.........

maryforever

Gio, 12/02/2015 - 10:47

Finira' tutto a tarallucci e vino. Cane, non mangia cane.

gian paolo cardelli

Gio, 12/02/2015 - 10:53

Mr Blonde, non la sa vedere la differenza tra speculazioni sulla base di quello che riportano i quotidiani e speculazioni sulla base di leggi CHE DEVONO ANCORA USCIRE?

ilfatto

Gio, 12/02/2015 - 11:13

questo è tutto da dimostrare...questo è nero su bianco...ne parliamo? “Certo, qualcosa al bilancio dello Stato è costato”: ha detto un rilassato Giuliano Ferrara parlando del suo giornale “Il Foglio” davanti alla Commissione Cultura della Camera dei deputati nell’ambito dell’esame della proposta di legge del Movimento 5 Stelle per l’abolizione del finanziamento pubblico all’editoria. Qualcosa? 50 milioni 899 mila 407 euro, ecco per l’esattezza quello che “Il Foglio” di Ferrara è costato ai contribuenti a partire dal 1997, data in cui il giornale ha cominciato a riscuotere i contributi pubblici per l’editoria: 2 milioni 994 mila euro l’anno, 250 mila euro al mese, 8 mila euro al giorno. Per 17 anni. Una bella sommetta.

ilfatto

Gio, 12/02/2015 - 11:15

@gian paolo cardelli....quindi mi dica di cosa sarebbe colpevole renzi? cosa ha fatto per lei?...sono estremamente curioso...tenga conto che la banca dove il padre della boschi lavora è stata COMMISSARIATA...

Duka

Gio, 12/02/2015 - 11:20

Il governo di OCHE e PATACCHE- Il bullo fece "carte false", si strappò i capelli per regalare all'oca per eccellenza del suo governo il ministero degli esteri in UE. Il nulla sarebbe apparso più brillante. Lo stesso vale per il ministero che maneggia l'85% dei costi dello stato ovvero la sanità. E' mai possibile che sia nelle mani di un'altra OCA? La sanità, sotto gli occhi di tutti, è il paradiso della corruzione.

mifra77

Gio, 12/02/2015 - 11:20

La consob si fa prendere per i fondelli da questi truffatori, o finge e partecipa a mo' di copertura? e le non meglio definite"gravi perdite di patrimonio" non sono forse soldi occultati all'estero e passati come per incanto dal pubblico al privato truffaldino? e Renzi e la Boschi quanto centrano con tutto questo?

mifra77

Gio, 12/02/2015 - 11:22

Quanto ci costano queste riforme immorali?

Ritratto di perigo

perigo

Gio, 12/02/2015 - 11:25

Queste "operazioncine" qui come le chiamano al loro paese...?!? Io le classifico da sempre come palesi e marchiani "conflitti di interesse"! Ma "Loro" sono "Loro", i "rossi", mica bruscolini! Gli eterni baciati dalla... falce e martello. Quindi, tutto regolare, tutto bello, tutto "morale", tutto coperto e ricoperto dalla magistratura sodale che, se pure aprisse un'inchiesta di facciata, troverebbe il tempo ed il modo per farla cadere nel dimenticatoio della storia. Viva l'Italia!

ilfatto

Gio, 12/02/2015 - 11:41

@perigo...conflitto di interessi di cosa? di cosa sarebbe colpevole renzi? secondo lei ha chiamato le persone che hanno speculato? mi dica anche con lei non sono curioso ma curiosissimo!

Mr Blonde

Gio, 12/02/2015 - 11:43

gian paolo cardelli le leggi che devono uscire sono comunque annunciate e studiate giorni prima senza che con ciò ci siano reati di aggiotaggio o insider trading collegati. E le faccio un esempio, se oggi si annunciasse l'idea di incentivi auto e balzasse il titolo fca, lei ci vedrebbe reati? Dite sempre che ogni spunto è buono per accusare il cav ma non vi rendete conto che ad ogni spiffero vi scagliate contro il pd senza neanche sapere di cosa si tratta

indignato1957

Gio, 12/02/2015 - 11:48

RENZI un altro buffone che crede che noi si lavori per lui quando invece dovrebbe rendersi conto che è lui che lavora per noi... PAROLE ma mai fatti, veramente un giullare, ma troppo pagato e che, una leccata qua ed una là, ci obbliga a sopravvivere in un paese dominato dalla burocrazia e da frustrati che si credono potenti.

schiacciarayban

Gio, 12/02/2015 - 11:52

Nulla di nuovo sotto il sole, Renzi uguale o peggio dei suoi predecessori, ma esiste qualche statista decente in Italia?

Duka

Gio, 12/02/2015 - 11:52

@Bingo Bongo, non pensi che la losca faccenda sia stata combinata a tavola e presentata dal bullo come la solita salvezza dell'economia? Tipo gli 80 Euro per intenderci.

gian paolo cardelli

Gio, 12/02/2015 - 12:07

MrBlonde, il testo di legge NON è annunciato giorni prima: ha mai letto le bozze dei DDL su qualche quotidiano prima della promulgazione/pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale? Ha appena dimostrato che sono quelli come lei a parlare di cose che non conoscono...

Ritratto di d-m-p

d-m-p

Gio, 12/02/2015 - 12:08

Che paese di m a..........

Giorgio5819

Gio, 12/02/2015 - 12:15

Il più sano di questi ha la rogna.

Ritratto di ellebor0

ellebor0

Gio, 12/02/2015 - 12:24

@Mr Blonde: da un bugiardone come lei non si accettano paternali di sorta, lei è un game-over.

Mr Blonde

Gio, 12/02/2015 - 12:46

gian paolo cardelli il testo non è annunciato giorni prima??? ma che sta dicendo ogni testo è annunciato prima, discusso modificato e poi approvato, e se mi permette di bozze di ddl sono pieni i quotidiani specializzati e visto che siamo in tema di popolari anche questi sono usciti e pubblicati

cgf

Gio, 12/02/2015 - 13:16

ora gli 'amichetti/E' dovranno stare attenti, sanno con chi hanno a che fare, altro che terzo in classifica, renzino li batte tutti i furbetti [e ti pija anche per..]. Alla 'figlia' rispondo con Marco Fabio Quintiliano in latino: propositum potius amicum quam dictum perdendi

Ritratto di Scassa

Scassa

Gio, 12/02/2015 - 14:22

scassa Giovedì 12 febbraio 2015 Ma quello con il conflitto di interessi non era il Presidente Berlusconi ? Tutti gli altri ,da papà Boschi passando per Coop ,,PM,sottosegretari,ex brigatisti,,attuali sovversivi,figli di giustizialisti ,quelli no ,sono tutti figli di Maria,sotto copertura !!!!!!!!!!scassa.

unosolo

Gio, 12/02/2015 - 14:27

attenzione , ne abbiamo visto di recente , basta segretare e finisce tutto .casi antecedenti parlano , sono fatti non parole o sbaglio ?

doris39

Gio, 12/02/2015 - 16:03

Paolo Baretta (Pd), sottosegretario per l’Economia, dice che Matteo Renzi il 16 gennaio «a mercati chiusi, dunque dopo le 17.30, ha annunciato la riforma alla direzione del Pd». Interessante, vero? Non stupisce che Matteo Renzi abbia parlato di ciò, non in parlamento, ma alla direzione del pd ? Ma la cosa ancora più stupefacente è leggere l’Ansa del 16 gennaio, soffermandosi sull’ora http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/01/16/banchein-arrivo-riforma-popolari-e-bcc_b811e8dc-fad7-4850-a6f4-b21d453657c4.html

angelomaria

Sab, 14/02/2015 - 11:44

RWNZI MI AUGURO CHE IN BREVE POSSA RICEVERE NOTIZIE DAI TUOI AMICI TOGATI!!!!!!