I movimenti sul conto corrente che scatenano il Fisco

Ecco quali sono tutte quelle mosse (prelievi, bonifici, accrediti) sul conto corrente che potrebbero dare il via agli accertamenti del Fisco

Come abbiamo ricordato in queste settimane, la Supernagrafe del Fisco ha una nuova arma: il Risparmiometro. L'Agenzia delle Entrate infatti sta già monitorando i conti correnti degli italiani per rilevare gli eventuali scostamenti tra quanto dichiarato e i risparmi. Una strategia che già a partire dai primi mesi del prossimo anno potrebbe portare a contestazioni e a sanzioni e multe sui contribuenti. Ma quali sono i movimenti sul conto che potrebbero far scattare l'allarme del Fisco? Un movimento sospetto potrebbe riguardare un accredito da parte di un conoscente di un importo di diverse migliaia di euro senza una carta che giustifica il motivo del bonifico. Non basta giustificarsi con l'alibi della donazione. Le donazioni, come aveva ricordato qualche tempo fa Laleggepertutti, dovrebbero preveder un'imposta dell'8 per cento. Solo le donazioni tra parenti stretti hanno una franchigia che supera il milione di euro con una tassa pari al 4 per cento. Tra fratelli e sorelle la franchigia è fissata a 100mila euro con una imposta del 6 per cento. Occhio poi ai bonifici periodici diretti ad una stessa persona. Il Fisco potrebbe sospettare di un rapporto di lavoro in nero o del pagamento di un affitto senza regolare contratto.

Ma il Fisco con le sue nuove armi monitora anche gli importi dei bonifici confrontandoli con il tenore di vita e soprattutto con quanto dichiarato. Ad esempio un bonifico di circa 10mila euro a favore di un disoccupato o una spesa di una cifra simile in pcoo tempo per un soggetto che non lavora potrebbe immediatamente far scattare l'allarme dalle parti delle Entrate. Inoltre bisogna porre particolare attenzione a spostamenti di denaro fra moglie e marito. Uno scambio frequente di bonifici con una cadenza piuttosto regolare (magari con cifre elevate) potrebbe portare ad un accertamento preciso sui conti correnti dei due coniugi con il sospetto di una una evasione fiscale. Poi fate attenzione a i bonifici che hanno provenienza dall'estero. Con importi di peso, la banca, seguendo le norme sull'antiriciclaggio, potrebbe chiedere spiegazioni. Poi la faccenda potrebbe essere trattata direttamente dall'Agenzia delle Entrate. Fate attenzioni anche i prelievi in contanti troppo elevati, anche questo tipo di operazioni vengono monitorate dal grande occhio del Fisco e di fatto potrebbero dare il via ad un accertamento sul singolo contribuente. Le grandi verifiche comunque sono già partite con l'uso del Risparmiometro e della Superanagrafe. Dopo l'estate potrebbero arrivare amare sorprese per migliaia di contribuenti.

Commenti

agosvac

Dom, 04/08/2019 - 18:22

Tutti questi controlli sono demenziali. I veri evasori raramente hanno un c/c, in genere operano in contanti. L'agenzia delle entrare , tramite la Finanza, dovrebbe controllare solo chi , per dirne una, ha una Ferrari senza avere un reddito adeguato e ce ne sono tanti.

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Dom, 04/08/2019 - 18:42

Una bella schifezza che uno non può disporre dei propri soldi come meglio crede. Neanche Stalin.

bellotti

Dom, 04/08/2019 - 19:01

Manco in Unione Sovietica di 50 anni fa. La dittatura dello stato in atto. Non si può spendere. Ora neanche risparmiare. Sti oligarchi statali... Portare fuori. Legalmente. E spendere come ca##o si vuole

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 04/08/2019 - 19:08

Il Fisco guarda sempre gli stessi, se guardasse una volta invece quelli che si sprtiscono il contante che non passa da un conto corrente.

tosco1

Dom, 04/08/2019 - 20:25

Siamo nel 2019, e' nessun dubbio ho su chi rischia la stangata: pensionati e lavoratori dipendenti. Se la Finanza italiana voleva stangare gli evasori seriali(quelli che se la passano bene anche nella crisi) non importava che esplorassero i c.c.Bastava che si piazzassero ai semafori italiani, e nelle farmacie per controllare chi non paga il ticket, ed arriva in SUV.

andy15

Dom, 04/08/2019 - 22:00

E lo zingaro che ha costruito un immobile illegale con soldi dichiaratamente rubati: l'hanno controllato? Andassero tutti a quel paese!

hallogram

Lun, 05/08/2019 - 07:43

Giusto colpire chi evade e vive alle spalle della società. Speriamo che riescano a stanare chi ha costruito ricchezze con attività illecite. Mi pare che ultimamente sia stato candidamente affermato di averlo fatto minacciando contemporaneamente il Ministro dell’interno.

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 05/08/2019 - 09:58

lo stato di polizia fiscale un pallino dei sinistri per finanziare da sempre la propria "parrocchia" non certo per aumentare i servizi o facilitare la vita ai cittadini, chi vuole questa polizia fiscale contro i poveracci e'in genere un manigoldo rapace

bellotti

Lun, 05/08/2019 - 11:22

Andate a indagare come un semplice finanziere, o cosiddette forze dell'ordine, monoreddito, hanno casa al mare, montagna e macchinone....

Zizzigo

Lun, 05/08/2019 - 11:46

State attenti... che arriva l'uomo nero... e, poi, se e quando arriverà, ti farà perdere un sacco di tempo, per scoprire che non c'era nulla da scoprire... non ci sono più i fessi che, in pieno regime autoritario, sbagliano a manovrare quattrini, anche semplicemente discutibili...

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 05/08/2019 - 17:12

se una persona non volesse dare la eredità a un figlio non c'è nessun sistema per evitare questa eredità , parliamo di una cifra consistente.Neppure una cassetta di sicurezza sarebbe sicura perchè alla morte del padre o della madre la banca bloccherebbe conto e cassetta di sicurezza,sto studiando un metodo una curiosità..Al contrario ci sono milionari che viaggiano su delle Fiat 500 di 30 anni fa sembrano morti di fame ma hanno conti all'estero.

flip

Mar, 06/08/2019 - 11:53

Per caso,il tutto può aver inizio con le "mazzette" nei lavori ed acquisti pubblici? penso di sì. nel privato, credo sia meno probabile.

flip

Mar, 06/08/2019 - 12:03

un pò di"nero" può essere logico ed ammissibile, ma controllate a fondo chi è favorito nei lavori ed altro nel settore pubblico. perchè oltre al giro di denaro, c'è anche l'elevato costo dell' opera o della fornitura,