Istat, in recessione tecnica:crolla la spesa degli italiani

Crollano i consumi delle famiglie italiane. Il pil arranca e vira in negativo. L'Istat lancia l'allarme: "È recessione tecnica"

Recessione tecnica. È questo il "responso" dell'Istat a fronte dei dati pubblicati oggi sul pil. Nel quarto trimestre del 2011 il prodotto interno lordo è, infatti, diminuito dello 0,7% sul trimestre precedente e dello 0,4% su base annua. Rivedendo in miglioramento la stima preliminare sul tendenziale che era stato calcolato a -0,5%, l'istituto di statistica ha tuttavia ha ribadito che l'Italia è in recessione tecnica dal momento che il pil è in calo per il secondo trimestre consecutivo. Per l’Ocse, invece, il Belpaese ha già ripreso a crescere: il superindice è infatti avanzato di 0,4 punti a quota 96,6.

Nel bollettino pubblicato oggi, l'istituto di statistica ha precisato che i dati fanno riferimento al pil espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2005, corretto per effetti di calendari e destagionalizzato. Rispetto alla stima preliminare del 15 febbraio il congiunturale viene confermato mentre il tendenziale viene rivisto in miglioramento. Quanto all’intero 2011 l’Istat ha ricordato che "il dato grezzo diffuso il 2 marzo indica una crescita dello 0,4%. L’ultima previsione del governo stimava un Pil nel 2011 a +0,6%". Nel 2011 il prodotto interno lordo è cresciuto dello 0,5%. L'Istat ha rivisto al rialzo la stima preliminare che dava il pil al +0,4%. "Rispetto al 2010 la crescita risulta in forte frenata: +1,8% - spiega l'istituto di statistica - la crescita acquisita per il 2012, quella che si verificherebbe per il puro effetto trascinamento del 2011 se in tutti e quattro i trimestri dell’anno si registrasse crescita zero, è negativa, pari a -0,5%". Anche in questo caso l’Istat ha rivisto in miglioramento la stima preliminare dello scorso 15 febbraio: -0,6%.

Nel quarto trimestre del 2011, per quanto riguarda la domanda l’Istat ha segnalato che le esportazioni sono rimaste ferme. Non solo. Gli investimenti fissi lordi sono scesi del 2,4%, mentre i consumi finali nazionali sono calati dello 0,7%. In particolar modo, la spesa delle famiglie residenti è in calo dello 0,7% e quella della Pubblica amministrazione delle Istituzioni sociali private dello 0,6%. Secondo un rapporto Intesa Sanpaolo, infatti, le famiglie italiane sono in difficoltà con il carrello della spesa: "Sul mercato nazionale i consumi di prodotti alimentari, bevande e tabacco hanno mostrato un calo dell’1,5% a prezzi costanti". In particolare, il rapporto ha fatto notare che si tratta in parte di un trend strutturale legato al minore consumo di alcune voci (come il tabacco). Non solo. Si evidenziano anche evidenti difficoltà del consumatore italiano che, "a fronte delle tensioni sul mercato del lavoro e sul reddito disopnibile, riduce ulteriormente gli sprechi e modera gli acquisti anche in un comparto dei bisogni poco comprimibili come l’agroalimentare". L'incremento della disoccupazione unito agli effetti delle manovre di correzione dei conti pubblici sulle famiglie fanno prevedere una nuova riduzione dei consumi. Consumi che, a detta dello studio, "continueranno ad essere molto prudenti a fronte di risorse reddituali sempre più scarse".

Annunci
Commenti
Ritratto di mvasconi

mvasconi

Lun, 12/03/2012 - 11:24

La cura Monti ha i suoi primi effetti...

Ritratto di Imperius

Imperius

Lun, 12/03/2012 - 12:15

La soluzione migliore è non scrivere questi Articoli sui giornali(crisi, recessione,ecc.) altrimenti lo spread risale e il pil cala ancor di piû!!! Gli speculatori vanno a nozze con questi articoli pessimisti! Silvio lo ha sempre detto: se si è pessimisti non si và da nessuna parte. Lasciamo lavorare in pace Monti che stà facendo quello che a Silvio non lasciavano fare!

Random64

Lun, 12/03/2012 - 12:26

è ovvio che è in recessione, anche un cretino avanzato, capirebbe che in una società.."democratica" sic..occidentale se aumenti il livello contributivo(già alto) crei un clima da caccia alle streghe verso chi tira la carretta, appoggi le banche che rubano, le premi e le stesse non danno appoggio alle piccole ditte già strangolate dallo stato, tutto il sistema si chiude e NON CIRCOLA DENARO.(tutto questo si badi bene non per migliorare i servizi, ma per mantenere le prebende, i posti, gli stipendi della parte "morta" del paese..cioè funzionari, dipendenti statali e quant'altro..) in più la Ue asfissia i nostri produttori con cappi, regole balzelli e fai entrare le merci cinesi come arieti..il quadro è lampante...W i cretini al potere.

epc

Lun, 12/03/2012 - 12:39

Ma come, con Monti non dovevano piovere latte e miele dagli alberi?

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Lun, 12/03/2012 - 12:43

Imperius, temo di concordare con lei, ma il motivo opposto a quello da lei pensato. Monti si preoccupa SOLO delle "povere" banche e dei finanzieri d'assalto che altrimentio avrebber operso "troppo". Muoiano pure i "bifolchi": l'importante è garantire interessi da sogno a chi ha generato la crisi che perdura in tutto il mondo.

morganaflo

Lun, 12/03/2012 - 14:03

Ma guarda,doveva dircelo l'Istat!

lot

Lun, 12/03/2012 - 14:03

E' ovvio che siamo in recessione, guarda che novità! Dobbiamo pagare non solo i debiti ma interessi astronomici sui debiti e per di più subiamo una speculazione internazionale pazzesca fatta appositamente contro di noi per spremerci ulteriormente. I nostri prodotti invece d'essere venduti con la nostra Lira sono venduti al prezzo Euro che ha un valore di mercato troppo alto e ci fa perdere concorrenzialità. Abbiamo eliminate le dogane e le merci entrano da noi sotto costo distruggendo la nostra economiae, tutto questo, per adeguarci all'UE e alle economie forti come quella tedesca e francese che ne fanno parte. E' ben per questo che dobbiamo uscire IMMEDIATAMENTE DALL'EURO E DALL'UE, altrimenti la cosa continuerà a peggiorare sempre di più, sia economicamente che socialmente, che politicamente, che come sovranità nazionale. I nostri politici non riescono a vedere di là del loro naso e si sono intestarditi a permanere in tale situazione, pensando che gli risolva i loro problemi.

killkoms

Lun, 12/03/2012 - 14:14

grazie monti!

Ritratto di Imperius

Imperius

Lun, 12/03/2012 - 14:47

#5 mvasconi,su le Banche ha perfettamente ragione,infatti in altri paesi tipo Svizzera e Germania sono state salvate con i soldi dei contribuenti,in Italia siccome non c`é stata la necessità le Banche si sentono ancora piu potenti a garantirsi interessi da sogno per sé senza preoccuparsi della difficoltà degli Imprenditori nel sopravvivere!Servono Regole rigide anche per le Banche,devono essere al servizio del popolo e non viceversa!

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Lun, 12/03/2012 - 15:45

Mamma mia, da quando si e' dimesso il fu' Silvio e' tutto un caos, e’ allarme disoccupazione, la crisi incombe, tutti contro tutti nel governo, la recessione e’ dietro all’angolo, stangate a gogo, piu’ tasse per tutti, tagli ovunque, crollo dei consumi, chiusura a catena di aziende, ecco la macelleria sociale, occhio ai soldi, attenti alle pensioni, qui si finisce in bancarotta. Prima con il fu’ Silvio pressione fiscale era bassissima, il livello di soddisfazione generale era alle stelle, il prestigio internazionale ai massimi storici, l'economia galoppava, i conti erano in sicurezza, c’era piu’ equita’ per tutti, occupazione garantita, i ristoranti erano pieni, i voli strapieni, e gli alberghi stra-strapieni. Nevvero cloroforumisti?

Battaglia

Lun, 12/03/2012 - 15:49

e questi sono i dati del 2011....dobbiamo ancora piangere sui dati del 2012!

Ritratto di romy

romy

Lun, 12/03/2012 - 16:21

Dobbiamo ancora avvicinare le forche Caudine del pagamento delle tasse sulla casa,che metterà al tappeto tanti contribuenti onesti,mentre altri,di solito chi evade le tasse,continuerà a tenere alti i consumi in Italia,dal che si farà la media,ovvero un onesto+un furbo:2.

Antonio Vlad

Lun, 12/03/2012 - 16:25

In piena crisi economica introduci nuove forme di tassazione, aumenti l'IVA e la spesa crolla....toh che strano.....

piazzetta

Lun, 12/03/2012 - 16:29

Con tutte le tasse che ci hanno appioppato uno -0.7% mi sembra anche poco... Da parte mia ora sto molto più attento a cosa compro e tutti gli sfizzi sono ridotti al minimo, devo mettere via i soldi per le prossime stangate (vedi IMU etc). e dire che in università i vari professori di economia non fanno altro che dire che per non cadere in recessione non bisogna assolutamente aumentare le tasse...

IuniusBrutus

Lun, 12/03/2012 - 16:41

Da anni vado scrivendo, condividendo le semplici constatazioni di decine di milioni di concittadini, che la scelta (anti)economica di mantenere una spesa folle dell'apparato parassita della pubblica amministrazione di ogni ordine e grado, continuando ad aumentare le imposte, poteva portare solo al disastro. Ora, dai titoli dei media, sembra che sia stata scoperta l'acqua calda! Siamo in recessione, i licenziamenti piovono come la grandine, i negozi chiudono uno dopo l'altro (altro che lauti margini!), la caccia al nemico pubblico numero uno, l'evasore fiscale, é scatenata tanto per distrarre la gente ed indirizzare il furore diffuso verso un falso obiettivo. Gli italiani non si possono lamentare, perché il consociativismo a spese dell'erario ed il magna tu che magno anch'io lo hanno voluto quasi tutti. Ecco, quella piccola minoranza che non ha voluto questo disastro e ne paga le conseguenze, é l'unica che abbia il diritto di lamentarsi e di difendersi, con ogni mezzo. IuniusBrutus

claudiocodecasa

Lun, 12/03/2012 - 16:50

povera italia, se non si decidono ad eliminare i carrozzoni che costano miliardi e la burocrazie che dà da mangiare a tanti parassiti, abbiamo ancora una mentalità bizzantina, la barca stava a galla con la liretta l'euro e i mercati globali più l'eu hanno evidenziato i nostri limiti, per salverci dovremmo diventare una provincia della germania

mariolino50

Lun, 12/03/2012 - 16:50

#2 Imperius crede forse che ci sia bisogno di leggerlo sui giornali che siamo nella cacca, basta mettere la mano nel borsellino e capisce anche un'ebete che ci si compra sempre meno, ora quando arriverà l'imu sarà ancora peggio, chi è ora ottimista o è scemo oppure è uno di quelli che da questa situazione ci guadagna, speriamo che gli servano anche per le medicine.

Stratocaster

Lun, 12/03/2012 - 16:58

--- IuniusBrutus --- Spiegazione semplicemente perfetta. OK facciamo pure l' "aasalto" all' evasore fiscale, ma aggiungo che non posso pensare che non siamo stati in grado di scoprire quante auto blu ed autisti ci sono in Italia per esempio.....

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Lun, 12/03/2012 - 16:57

Cari silvioti, e’ duro il risveglio dopo l’ubriacatura berlusconista? Nevvero? E’ persino riuscito a portare il paese indietro 30 anni. Succede quando si lascia il paese a se stesso e si buttano via soldi in tempi di recessione. Esempi: 5 miliardi regalati a Gheddafi, 3 miliardi regalati ad Alitalia, 3 miliardi auto-regalati delle frequenze televisive. Questo straordinario risultato non mi pare che facesse parte del corredo infinito di promesse. O forse mi sbaglio?

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Lun, 12/03/2012 - 16:58

Vent’anni di berlusconismo stanno dando parecchi frutti: un bel frutteto di alberi carichi di nerchie. E ce le stiamo gustando fino all'ultima, a novanta gradi. Donni, uomini, sostenitori, oppositori. Tutti. Molti senza accorgersene nemmeno: tutti i sudditi che scrivono su questo forum.

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Lun, 12/03/2012 - 16:59

Ma non e’ colpa di Silvio: e’ colpa dell’euro, colpa di Tremonti, colpa delle banche, colpa delle toghe rosse, colpa dei comunisti mangiabambini, colpa del maggiordomo, colpa dell'opposizione disfattista, colpa degli anti-italiani, colpa di Fini e Casini, colpa dell'Unione Europea, colpa dei giornali internazionali, colpa dell’accanimento giudiziario, colpa di Bagnasco e Montezemolo, colpa di Bini Smaghi, colpa dell'eredita' ricevuta, colpa dei complottisti, colpa dei sindacati, colpa di De Benedetti, colpa del capitalismo americano, colpa della stampa, colpa delle agenzie di rating, colpa della banda Bassotti, colpa di Roma ladrona, colpa dei terroristi, colpa della Cina schiavista, colpa dei poteri forti, colpa della crisi economica, colpa delle intercettazioni, colpa di Confindustria, colpa dell'Italia meridionale, colpa degli extracomunitari, colpa della Grecia in bancarotta, colpa dell'11 settembre, colpa delle oscure forze della finanza internazionale, colpa del terremoto in Giappone, colpa dello tzunami in Indonesia, colpa della terra che gira attorno al sole. La colpa NON e' del governo Berlusconi.

nonstop9981

Lun, 12/03/2012 - 17:03

Il costo della politica pesa come un macigno sulla nostra economia: abbiamom in carico mille parlamentari,quando ne bstavano meno della metà,quei baracconi delle province, tutti i piccoli comuni,i vitalizi, i senatori a vita,le comunità montane..non se ne può più. Il bello che questi inetti di politici continuano ad affermare che il loro costo è irrisorio , ma chi fa i sacrifici veri è solo il popolo, loro continuano a rubare milioni e milioni di euro: vogliono una rivoluzione ?

voce.nel.deserto

Lun, 12/03/2012 - 17:05

Andiamo a farci una passegiata nel Benin o in Vietnam,su,al confine cinese e ci vergogneremo per la nostra opulenza quasi teutonica. Un po' di dimagramento non può che farci bene! Ma tu Monti non esagerare.Capisco aiutare il Benin o il Vietnam ma non i grassi tedeschi con le nostre tasse,sangue di famiglia estratto dai mattoni della casa antica del nonno che spesso non produce reddito.

terzino

Lun, 12/03/2012 - 17:05

Nulla di strano. Ci si adegua a quello che passa il convento. Se gli stipendi e le pensioni sono fermi e dall'altro lato c'è un aumento indiscriminato dei prezzi dei beni di consumo, la favoletta dell'inflazione al 3.3% la vadano a raccontare ad altri, ed una maggiore pressione fiscale è chiaro che da qualche parte tocca tagliare le spese. Nell'ambito familiare, il mio almeno, funziona così. In quello dello Stato, vacca da mungere invece, non pare che le cose stiano andando nello stesso verso. Se destino la 13^ al pagamento di bolli ed assicurazioni di due auto nonchè abbonamento Rai e polizza infortunio casalinga, ora devo prendere in considerazione che, con un mensile sempre più scarno, devo tirar fuori anche i soldi per il pagamento dell'IMU sulla prima ed unica casa fatta in cooperativa con mutuo ventennale. Dove taglio? Di superfluo ormai non c'è rimasto nulla quiindi si taglia sul carrello spesa e sulla benzina altrimenti vado in rosso e non mi piace sacrificarmi per le banche.

motomec74

Lun, 12/03/2012 - 17:05

ed e ancora è presto, vedrete dopo l'imu e l'iva al 23 cosa accadrà, ne riparliamo a fine anno. la gente sta riprendendo ago e filo, la zappa , l'orto e gli animali domestici. da mè gia si pratica il baratto spesso e volentieri, ed io sto per andarmene via dalla città per trasferirmi in un piccolo paesello con un pezzo di terra annesso dove riprendero le abitudini di un tempo. hai voluto la guerra Monti? ecco questa e la risposta della povera gente che è stata dissanguata. o ci volevate carichi di tasse, felici e tutti spendendo come matti al supernercato? i

gianni.g699

Lun, 12/03/2012 - 17:06

E c'è chi ancora sostiene il governo tecnico e i suoi complici politici, bancari ed europeri !!! BRAVI .

gianni.g699

Lun, 12/03/2012 - 17:09

PS ... dimenticavo ... e il bello deve ancora venire !!! mancano IMU, IVA al 23, ulteriore aumento dei carburanti e delle accise su alcoolici, giochi, bolli e altro ancora ... continuate a tenere la testa sotto la sabbia come gli struzzi mentre giorno dopo giorno arriavno notizie di sprechi di denaro pubblico vedi spaghetti da 180 euro e c.

curatola

Lun, 12/03/2012 - 17:13

aumentare le tasse in nome della crisi porta ad una riduzione dei consumi all'evasione,al lavoro nero e mille altre furbate e non c'é monti che tenga. Al tempo dei partiti si tassavano gli elettori dell'opposizione ora tutti . Inoltre lo stato perde credibilità ed i risparmiatori non compereranno più titoli di stato. Beffera dovrebbe assoldare milioni di incaricati come fa il comne per il traffico ma l'impresa é impossibile.Dunque vanno tagliate le spese dello stato,le strutture pubbliche ed i privilegi ma anche venduti i beni pubblici e privatizzati i servizi in regime di concessioni no profit altro che pagare chi non lavora.

xagena

Lun, 12/03/2012 - 17:27

Per piacere forumisti berluscones...sono i dati del 2011 , non buttatela su Monti.........rischiate il ridicolo a manetta!

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 12/03/2012 - 17:29

#16 voce nel deserto ma lei ci è... o ci fà? Chi sta appoggiando monti non è forse il suo "faro", il suo amatissimo Cavaliere senza macchia e senza paura? Io di politica non ne so niente, ma quando il PRIMO ATTO del mio governo è stato l'aboliizone dell'ICI sulla prima casa, poi mi chiedono di votare un governo che, ugualmente come primo atto, reintroduce l'ICI, per giunta più che raddoppiata... beh, io la fiducia non gliela voto, perchè i casi sono due: o ero rinco... nel momento in cui l'ICI l'ho abolita, o lo sono adesso che approvo che qualcuno la reintroduca. Quanto ai dati istat, c'è qualcuno che si meraviglia? Quando cominceremo a capire che nei supermercati non accettano lo spread, ma vogliono degli euro... che non abbiamo?

beramo

Lun, 12/03/2012 - 17:31

@killkoms..prima di ringraziare Monti dovresti dovresti baciare la terra che calpesta Berlusconi, anche perché è merito soltanto suo se Monti sta tentando di tirar fuori l'Italia dal baratro.....o no????

ortensia

Lun, 12/03/2012 - 17:32

A marzo arriva la prima stangata di tasse, a giugno il colpo mortale della prima rata IMU. I Professori dei miei stivali, oltre a colpire la prima casa, tasseranno con l'aliquota massima quegli alloggi che noi babbei di genitori abbiamo dato in comodato gratuito ai figli. Basta il ragionier Fantozzi per capire che bisogna tirare la cinghia e mettere da parte i soldi per pagare le gabelle infami. Adesso siamo solo allarmati, vedrete come diventermo inferociti da giugno in poi .Gli esimi professori e i politici loro spazzaku.li non se ne abbiano poi a male se augureremo loro qualche accidente secco.... e nella "gabina elettorale"non ci entreremo piu'.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Lun, 12/03/2012 - 17:36

Ma come tre mesi fa eravamo messi meglio degli altri , i ristoranti erano pieni , gli aerei pure . Adesso siamo arrivati alla canna del gas. Avete capito perchè il vostro padrone ha dovuto dimettersi nottetempo ?

Angelo Mandara

Lun, 12/03/2012 - 18:42

2) RISPARMIARE VOLONTARIAMENTE ED...ESSERNE IMPOSTI ? (...nel sentirsi liberi di scegliere dove risparmiare...mentre i nostri tecnici, ci dicono "dove" e a fondo...dissolvente, pro casse pubbliche. Si resiste, in apnea, e del prossimo futuro pochi azzardano...i più coraggiosi parlano di primavera inoltrata, per un barlume di ripresa. Nel frattempo il Governo in carica dovrà presto pensare ai giovani e a quelle prospettive di incentivazione di lavoro che tutti aspettano...per "scaricare" gli stessi anziani che contemporaneamente danno ogni tipo di assistenza, cooperando scientemente col Sistema. Saluti. Angelo Mandara

Angelo Mandara

Lun, 12/03/2012 - 18:44

RISPARMIARE VOLONTARIAMENTE ED...ESSERNE IMPOSTI ? Egoisticamente per chi ha già percorso un 4/5 della propria esistenza sarebbe quasi portato a dover ringraziare tutti i passati governi per questo viaggio al di sopra delle possibilità di TUTTI noi, politici che trascurando il bene e la spesa pubblica ci hanno permesso di mantenere un tenore di vita "sopra le righe". Leggo : "l'Italia è tornata a 30 anni fa...benzina mai così cara da 35 anni". Tanti anziani, ormai "vissuti" nel risparmio, magari connaturato al proprio carattere, ma non forzoso, di quello che gli attuali "chirurghi bocconiani" stanno imponendo (stop all'indicizzazione pensioni medio-basse)...che comunque fa la sua bella differenza (segue) Angelo Mandara

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Lun, 12/03/2012 - 18:58

Per me è giusto cosi. La gente deve sopravvivere, chissenefrega delle aziende e dell'economia, non possiamo morire noi per far arricchire entità che di umano non hanno nulla ma diventano sempre più impersonali ed esigenti rispetto alle nostre vite. Da quest'anno rimangono sugli scaffali anche i generi alimentari riducendo qualsiasi tipo di spesa all'osso più osso che ci sia. Per le tasse se le cose vanno avanti cosi si toglie automobile e si acquista una casa la più piccola possibile in campagna e ciao ciao pure a Monti. Poi i grandi imprenditori nostrani piangessero pure miseria quanto vogliono.

paomoto

Lun, 12/03/2012 - 19:35

Alenovelli rilassati, non affannarti nessuno ti prende sul serio. Ps. evita termini come nevvero, ottimati e altre parole colte: non ti appartengono. Non lustrare il somaro con la seta.

chiachia75

Lun, 12/03/2012 - 19:38

Del resto cosa possiamo fare? Gli stipendi sono i più bassi d'Europa, le tasse le più alte, i politici i più pagati e gli extracomunitari i più viziati..a noi non ci resta che tirare la cinghia. Andiamo avanti così, che il default è dietro l'angolo!!

carlo petris

Lun, 12/03/2012 - 20:24

Tutti parlano dei vari aumenti, nessuno parla del costo del gasolio da riscaldamento che in Italia costa il 40% in + di tutta l'Europa. In Italia con uno stipendio si compera 700 litri di Gas. da Risc.invece in Austria o Germania con uno stipendio si acquista 2.500 litri. Da qualche anno l'Europa chiede che l'Italia si adegui ma si fà orrecchio da mercante mentre quando l?Europa ci chiede di adeguarci subito si alzano i prezzi. E poi, cosa dice l'autorità sulla concorrenza. Forse non è un aiuto di Stato far pagare il 40% in meno per riscaldare le attività produttive come avviene in Austria, Germania, Francia ecc. ecc. Ma qualcuno può segnalare questa problema a chi di dovere. Il riscaldamento in montagna è necessario come il pane e molti anziani e pensionati non possono più sopportare questi gravosi costi. Grazie per l'attenzione. 3357079800

Profe

Lun, 12/03/2012 - 22:56

Io ricordo bene quando ci promettevano che con l'euro tutto sarebbe andato meglio! Ma dove? Su Marte?!

eglanthyne

Mar, 13/03/2012 - 06:15

Che scoperta ! Nessuno si era accorto , strano vero ?

Al2011

Mar, 13/03/2012 - 08:17

Ma come? Ma non dicono che Monti ha "salvato l'Italia"? Ma non dicono che Monti è così bravo? Insomma, vi piacciono i tecno-catto-comunisti? E questi sono i risultati! Famiglie allo stremo, aziende che chiudono, benzina alle stelle, dirigenti statali super-pagati, tasse su tutto. Ora pare che la comunista Fornero (moglie del comunista Deaglio) voglia anche rendere più difficile per le aziende assumere con contratti a termine, quindi altra disoccupazione, secondo gli incompetenti comunisti così le aziende assumerebbero a tempo indeterminato, e invece non assumeranno e basta! Ma gli italiani non lo capiranno mai, hanno sempre bisogno di avere dei comunisti al governo, al Quirinale, nelle amministrazioni locali, ecc. così, tanto per farsi del male.

claudino1956

Mar, 13/03/2012 - 08:28

Nell'ordine: la speculazione finanziaria fatta di banchieri e istituzioni finanziarie si è accanita con l'Italia finchè ha fatto cadere il governo; l'Italia fino ad allora i conti li aveva a posto, così è stato detto. Dopodichè è stato messo sù questo governo del malaffare che ha imposto misure contro la popolazione ed ha fatto entrare in crisi "vera" l'economia del paese. Adesso i soliti sinistroidi dell'informazione auspicano misure impopolari (che a questo punto visto che in pensione non si andrà più, gli stipendi sono da fame, la tassazione elevatissima, con un carovita da paura) saranno probabilmente la forca nelle piazze, lo schiavismo cinese, la dittatura delle caste nella società e dei sindacalastri sui posti di lavoro, con i banchieri a dirigere tutto e a spartirsi il bottino che rimane, finchè tutto verrà distrutto. Amen

epesce098

Mar, 13/03/2012 - 08:44

Questo è l'effetto del tanto decantato governo monti. Ma non abbiamo ancora raggiunto il top del default. Lo raggiungeremo quando entrerà in vigore l'IVA al 23% e l'IMU. I soldi da spendere saranno ancora meno e logicamente anche i consumi. Maledetta Europa che ci sta dissanguando. Gli effetti di questa manovra si riveleranno deleteri sopratutto per i pensionati e per gli stipendiati. Eravamo sull'orlo del baratro e monti ci ha fatto fare un passo avanti per farci cadere dentro.