Italia indebitata fino al collo: la "cura" Renzi non funziona

Rendimenti elevati dei bond pubblici. E il debito ha fatto un nuovo balzo in avanti arrivando a toccare i 2.169,9 miliardi

Matteo Renzi ha poco da star sereno. La ripresa non si è vista. E l'Italia si sta indebitando fino al collo. Un macigno che pesa sulla futura ripresa del Belpaese. Nel Supplemento mensile al Bollettino Statistico su Finanza pubblica, fabbisogno e debito, la Banca d'Italia ha svelato il bluff del premier. Al 31 dicembre 2015 il debito pubblico ha fatto un nuovo balzo in avanti arrivando a toccare i 2.169,9 miliardi. A fine 2014 il debito ammontava a 2.136,0 miliardi e già valeva il 132,4% del pil. Cifre impressionanti che dovrebbero spaventare il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. Invece il governo non muove un dito per invertire la rotta.

La scorsa settimana il crollo dei principali listini europei ha fatto temere una nuova crisi finanziaria. Il crollo dei titoli bancari è, infatti, coinciso con l'aumento del rendimento dei buoni del Tesoro dei Paesi periferici dell'euro. Uno schema analogo a quello del 2010-12. La combinazione tra rendimenti elevati dei bond pubblici, politiche di bilancio espansive, elevato debito pubblico e privato e bassa crescita economica è chiaramente insostenibile. E l'Italia è, insieme alla Grecia, il Paese maggiormente esposto al rischio di andare a gambe all'aria. Nel 2015 l'aumento del debito per 33,8 miliardi di euro è stato inferiore al fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche (49,3 miliardi) per effetto della diminuzione di 10,7 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro (collocatesi a fine anno a 35,7 miliardi) e degli scarti e dei premi di emissione che hanno contenuto il debito per 5,1 miliardi. "Di contro - fa notare la Banca d'Italia - le variazioni dei cambi hanno aumentato il debito di 0,3 miliardi".

Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito consolidato delle Amministrazioni centrali è cresciuto di 40,5 miliardi, a 2.077,5, mentre quello delle Amministrazioni locali è diminuito di 6,6 miliardi, a 92,3; il debito degli Enti di previdenza si è ridotto di 0,1 miliardi. Al 31 dicembre 2015 il contributo italiano al sostegno finanziario ai paesi della Uem ammontava a 58,2 miliardi (60,3 alla fine del 2014): 10 miliardi di prestiti bilaterali alla Grecia, 33,9 miliardi erogati per il tramite dell'European Financial Stability Facility (Efsf) e 14,3 miliardi di contributo al capitale dello European Stability Mechanism (Esm).

Commenti
Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Lun, 15/02/2016 - 11:30

Ma come ? Non c'era la meravigliosa "spending review" in mano da ormai un pò a Yoran Gutgeld , guru economico di Renzi ed ex direttore di Mc Kinsey, multinazionale finanziaria da 16.000 dipendenti, un israeliano naturalizzato italiano ed eletto nelle liste del PD come deputato alle scorse elezioni . Cottarelli , allontanato da Renzi voleva tagliare 6 miliardi, troppi per Renzi che sà che negli sperperi della pubblica amministrazione c'è la base del suo consenso elettorale e quindi ha messo il guru Gutgeld per insabbiare la "spending review". Peccato che proprio l'attuazione della "spending review" sarebbe il segnale di cambiamento di rotta dell'andazzo pubblico mentre Renzi preferisce distrarre media e popolino con riforma del senato , unioni civili etc. etc.

@ollel63

Lun, 15/02/2016 - 11:38

Il bamboccio renzi funziona, se possibile, anche peggio del celebre re travicello, ma va benissimo per i sinistrati microcefali e pure privi di cervello. MA L'ITALIA AFFONDA, MENTRE LUI GALLEEGGIA. Triste destino di questa misera Italia!

obiettivo75

Lun, 15/02/2016 - 11:45

che ci siano dei problemi lo si evince anche da quelle azioni (blocco degli adeguamenti pensionistici, reversibilità alle vedove, terrore verso i medici che prescrivono esami e farmaci prima di cure meno costose, sentenze costituzionali non ottemperate, ritardi monstre nei pagamenti, ecc.) che vengono spacciate per equità, solidarietà, giustizia sociale, ma nella realtà dicono solo una cosa: siamo con le pezze al sedere. Poi ci si mette il premier con i 500 euro ai 18enni sui quali per carità di patria non mi esprimo.

Fjr

Lun, 15/02/2016 - 11:47

L'Italia è nella m fino al colle e il fantasioso fiorentino che fa?Parte a proposito dov'è che va questa volta?perche' con tutti i viaggi che ha fatto secondo me ha già la tessera freccia alata come quella del cumenda

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Lun, 15/02/2016 - 11:51

La solita retorica sull'enorme debito pubblico italiano che bloccherebbe la ripresa. Non blocca nulla, si tratta solo di denari che vengono prestati allo Stato, peraltro attualmente a tassi d'interesse irrisori. Il Giappone ha un debito pubblico che è il doppio di quello italiano come rapporto debito/PIL, ed è la terza economia mondiale. Molti poi confondono il debito pubblico con la spesa pubblica, dimostrando così anche maggiore incompetenza in fatto di economia.

vince50_19

Lun, 15/02/2016 - 11:53

Ho la sensazione che l'Eddie Felson fiorentino inizi a scricchiolare..

Mano-gialla

Lun, 15/02/2016 - 11:54

COME SI FA, UN PAPAVERO AVER PORTATO L'ITALIA A QUESTE CONDIZIONI !!BUFFONE

ragionedeinumeri

Lun, 15/02/2016 - 11:57

I gestori della Sala Bingo di palazzo Chigi, il Dott. in AMC (venditore di pentole) Matteo Renzi, e il Prof. Pier Carlo Padoan (mago di Oz), con entrate tributarie in aumento , sono riusciti ad ottenere due risultati: stagnazione e aumento del debito... Il circo Orfei cerca personale, potrebbero chiudere lì la loro carriera di imbonitori (p.s. questo mio post è stato censurato dal Corriere della Sera...)

sergioilpatriota

Lun, 15/02/2016 - 12:03

Ma se il pifferaio magico pensa di varare una manovra aggiuntiva di 5 miliardi (ovviamente inventando nuove tasse), non si rende conto che, a monte di un debito pubblico di 2.169 miliardi di euro, questa equivale allo 0,0023 del debito? E ci vogliono fare credere che, in mezzo a questa voragine non esista un 2 x mille di spese inutili o di sprechi che possano essere tagliati?

macchiapam

Lun, 15/02/2016 - 12:06

Renzi non c'entra niente: fa quello che può, come hanno fatto Berlusconi, Monti & C. Tutti loro hanno ereditato una situazione fallimentare creata dalla finanza allegra e irresponsabile degli anni '70-'90 ad opera della DC col consenso del PCI. Oggi è difficile, se non impossibile, recuperare. Renzi e Padoan inventano pecette, non possono far altro; ma il peggio deve ancora venire.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Lun, 15/02/2016 - 12:09

Il debito pubblico è un macigno al collo della ripresa. Bisogna abbatterlo o andremo a fondo. Renato Brunetta sa come fare e lo ha dimostrato quando ha potuto operare. Solo un governo a guida CDU può riuscirci.

renato1943

Lun, 15/02/2016 - 12:40

E troppo facile scaricare la colpa sui predecessori quando tutti rapinano il debito pubblico non lo fa il privato ma il pubblico

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Lun, 15/02/2016 - 13:20

Ma ripeto quanto ho sempre sostenuto da quando il Pinocchio e a preso il potere Questo governo è composto da dilettanti che non sanno cosa sia l'Economia cosa vuole dire GOVERNARE UN PAESE Un sindaco di un piccolo paese come Firenze si è montato la testa di sapere governare l'Italia e questi sono i risultati Renzi vuole instaurare una dittatura

Duka

Lun, 15/02/2016 - 13:26

Ma scusate questo buffone al massimo si può curare il raffreddore. Tutta la manfrina a partire dal "rottamare" fino allo "stai sereno" è servità a se stesso ed ad alcuni amici suoi per svuotare le casse dello stato e riempire le loro tasche. Ecco la partita di giro, si.... quella dell'isolato.

rokko

Lun, 15/02/2016 - 13:43

perSilvio46, hai detto una cosa giusta ed una sciocchezza. La cosa giusta è che il debito va abbattuto; la sciocchezza è che Brunetta sa come fare. Secondo me, visti i risultati degli ultimi governi, ci vorrebbe qualcuno che non abbia paura del voto, e dunque né di destra, né di sinistra, perché per abbattere il debito occorre tagliare la spesa corrente, il che significa scontentare una platea molto vasta di persone.

Una-mattina-mi-...

Lun, 15/02/2016 - 13:44

A mille ce n'è nel mio mondo di fiabe da narrar...

aitanhouse

Lun, 15/02/2016 - 14:14

l'aumento del rendimento dei titoli di stato significa aumento degli interessi da pagare, quindi aumento del debito,sforamento della percentuale del 3% con conseguente scatto automatico del fiscal compact. Significa :austerità con crollo consumi ed aumento disoccupazione, tagli alle pensioni,tagli alla sanità, tagli alla sicurezza. Qui nessuno vuole gufare o fare previsioni catastrofiche , ma questi italiani che continuano a indicare il pd nei sondaggi hanno completamente perso il ben dell'intelletto? Dio li illumini....

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Lun, 15/02/2016 - 14:39

@rokko, in realtà, per abbattere il debito pubblico (ma non è nemmeno necessario, in Giappone è molto più alto e campano benissimo, ma qui ci sono le regole europee...) non c'è solo il taglio della spesa pubblica (che comporta, mediamente, anche un calo del PIL...), ma ci sono anche altri sistemi. Ad es.: 1) smettere di emettere i titoli quando scadono, e contemporaneo aumento dell’emissione di moneta circolante; 2) vendita dei titoli di Stato alla stessa BCE (quantitative easing); creazione di eurobond; creazione di un bilancio dell'EU che assorba almeno in parte quello dei singoli Stati, fra cui il bilancio italiano (con relativo debito pubblico); maggiore lotta all'evasione fiscale, e quindi maggior gettito fiscale. L’elevato debito pubblico italiano è solo uno spauracchio creato ad arte fra il 1981 e il 1994, per abbassare la spesa, privatizzare e combattere l’evasione.

eureka

Lun, 15/02/2016 - 14:43

Ma come? Colui che diceva che lo Stato doveva pagare i fornitori entro 60 gg è arrivato a farci aumentare il debito nonostante abbia spremuto i cittadini fino al l'osso e continuato a mantenere benestanti coloro che detengono il potere ed emanano leggi a nostro scapito

Libertà75

Lun, 15/02/2016 - 14:53

@liberopensiero, guardi che la retorica sul debito pubblico è portata avanti da Berlino e Bruxelles. Per il resto lei ha ragione, ma dubito si possa parlare di economia in questa Unione. Il debito nostrano dovrebbe essere mutualizzato al fine di fare nuovo debito per nuova crescita e nuovo lavoro.

rossono

Lun, 15/02/2016 - 15:03

liberopensiero77 Mi sembra che il tuo pensiero non sia tanto libero! Da quello che scrivi dimentichi una differenza, il Giappone il suo debito pubblico se lo trova in casa propria,quello dell'Italia si trova sparso un po in tutto il mondo,e guarda che cè una bella differenza.

settemillo

Lun, 15/02/2016 - 15:11

Va a finire che il renzino dovrà rivendere l'aeroplanino che ha acquistato con i soldini dei pensionati. Quando finirà di prenderci per i fondelli, sarà già troppo tardi. Adesso ha rotto gli ZEBEDEI fino all'inverosimile; la smetta una volta per TUTTE.

aitanhouse

Lun, 15/02/2016 - 15:16

il debito pubblico è un cappio al collo ma non è pensabile ne credibile che lo si possa abbattere con patrimoniali o finanziarie da 400 miliardi, RICORDATE quando e da chi fu proposta? Allora bisogna programmare una seria spending review a cominciare dalla politica alla macchina dello stato ed impiegare tutte le risorse per l'occupazione a cominciare dalla protezione ed al consolidamento del territorio , agli investimenti per il turismo e l'agricoltura e lasciare gli investimenti derivanti alla iniziativa privata.Mazzette e contributi agli amici e di natura elettorale appartengono ad un sistema dittatoriale.....

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Lun, 15/02/2016 - 15:28

@Libertà75, vedo che, per una volta, la pensiamo in modo analogo (sul debito pubblico). Io sono solo più ottimista sull'UE, che penso andrà avanti nel processo di integrazione. Prossimo obiettivo, il Ministro dell'economia.

settemillo

Lun, 15/02/2016 - 15:30

Renzi ed il suo manipolo di INCOMPETENTI se avessero una briciola di buonsenso, lascerebbero libero il campo. Grazie sig.napoletano, ci ha appioppato TRE assi: monti,letta e renzi ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti, compreso i ciechi. A breve ci arriverà la BANCAROTTA FRAUDOLENTA. Cuntent carletto?

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Lun, 15/02/2016 - 15:58

@rossono, non è esatto quello che dici. Intanto il debito italiano è in parte detenuto dalla Banca d'Italia, e poi negli ultimi anni s'è assistito ad una ri-nazionalizzazione del debito pubblico, per cui è in mani di non residenti solo il 35% del debito, una percentuale che è la più bassa fra i Paesi dell'UE. Piuttosto, una differenza importante col Giappone è che i nipponici hanno la banca centrale nazionale, e quindi maggiore libertà per le operazioni economiche, in particolare riguardo l'emissione d moneta. Comunque, ciò che conta veramente riguardo ai titoli, è che vengano acquistati, e che non si paghino troppi interessi sul debito.

uccellino44

Lun, 15/02/2016 - 16:03

Scommettiamo che Renzi e Padoan giustificheranno il tutto? Diranno che non è colpa loro; affermeranno che tutto si aggiusterà grazie alle loro riforme; azzereremo il debito pubblico con la lotta all'evasione (che dura da 50 anni!); l'Europa non ci tartasserà più - anzi la dirigeremo noi e tartasseremo loro -; restituiremo gli extracomunitari a chi di dovere e per loro non spenderemo più neanche un euro; se gli italiani (che non votano da 5 anni - tre governi fa -) voteranno Pd l'Italia diventerà il Paese del ben godi, ancor più di quello che già ha cominciato a essere e che Roma, Milano (nonostante il flop Export - si parla di circa 200 milioni di deficit) e Napoli diventeranno il faro del Mondo!! Il resto alla prossima catastrofe...sempre per colpa degli altri!!

aitanhouse

Lun, 15/02/2016 - 16:18

nella "buona scuola" succede anche che a salerno un ragazzo ferisce con una lama un suo compagno alla gola ed al torace. Nella "cattiva scuola" di qualche decennio addietro invece il corpo docente era rispettato e temuto ,e non certamente sbeffeggiato e disprezzato da bulletti e loro familiari.

Rossana Rossi

Lun, 15/02/2016 - 16:36

liberopensiero77 non ostante le tue lezioni di economia la spaventosa situazione economica italiana è sotto gli occhi di tutti ed il vero guaio è che abbiamo abusivamente al governo delle persone assolutamente impreparate e incapaci, ininfluenti e impreparate, padoan compreso, a porre rimedio a queste cose. E per voi rossi anche se ce ne fosse una di destra preferireste far fallire l'italia piuttosto di seguirla.......e si vede........

Libertà75

Lun, 15/02/2016 - 16:36

@lp77, perfavore torni con i piedi per terra.. un super ministro dell'economia si può fare solo innanzi ad una omogenizzazione dei prelievi fiscali in tutti i paesi UE (con i relativi danni ai bilanci di quei paesi che fanno agevolazioni fiscali o hanno economie meno competitive di quelle italiana, tedesca e francese). Si creerebbe un danno alla teoria economica della convergenza implicitamente accettata e promossa dalla UE con i suoi allargamenti. Il super ministero si potrebbe fare solo se c'è una politica monetaria valida di contropasso (gli acquisti diretti dei titoli di stato fino ai bond europei) al fine di garantire diversificate politiche fiscali. Altrimenti si rischia una crisi peggiore del 2011, nella quale la politica della BCE è giunta con 4 anni di ritardo (uno sproposito in tempi economici).

Keplero17

Lun, 15/02/2016 - 16:57

Ma per forza, in una situazione così grave per il debito pubblico non si possono andare a prendere i migranti, perchè questi dopo telefonano ai parenti e amici nei luoghi di origine e raccontano che una volta arrivati possono vivere negli alberghi delle località turistiche mentre a casa loro si devono spaccare la schiena per guadagnare un dollaro al giorno. E' il messaggio che è sbagliato. Arriveranno in numero sempre maggiore e costeranno sempre di più.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Lun, 15/02/2016 - 17:22

@Libertà75, se si facesse un Ministro unico dell'economia, certo che ci vorrebbero politiche fiscali, economiche e monetarie coordinate (già c'è la BCE ...). Ci vuole ancora tempo, secondo la regola della politica dei "piccoli passi" (Schuman), ma prima o poi ci si arriva, come pure ad una Costituzione degli Stati Uniti d'Europa, votata dai cittadini.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Lun, 15/02/2016 - 17:29

@Rossana Rossi, non vedo nessuna "spaventosa" situazione economica, i problemi sono soprattutto legati alla disoccupazione meridionale e giovanile, e alle fasce più povere della popolazione. Ma si può migliorare, e poi c'è anche chi sta peggio.

rossono

Lun, 15/02/2016 - 17:48

liberopensiero77 Oggi la situazione è mutata. Complice la sopraggiunta “povertà” delle famiglie italiane, queste ultime hanno drasticamente ridotto la loro percentuale di risparmio in titoli di Stato, mentre è enormemente cresciuta la quota di debito in mano a soggetti stranieri. Esponendo il Paese al rischio di gravissimi problemi. Il Bollettino statistico della Banca d’Italia sottolinea che dal 1995 ad oggi la percentuale del nostro debito pubblico detenuto da soggetti non residenti è progressivamente cresciuta dal 10% all’attuale 56%.

rossono

Lun, 15/02/2016 - 17:59

liberopensiero77 Solo la Francia detiene il 30% del debito Italiano E siamo costretti a usare il loro nucleare "Corrente elettrica" Quando il pregiudicato ne voleva costruire qualcuna successe il finimondo ti ricordi? Poi ci lamentiamo che in Italia sia la piu cara di tutti. I sorrisetti di Nicolas Sarkozy erano anche quelli,purtroppo i compagni inculcano a modo loro. La verità mai.

schiacciarayban

Lun, 15/02/2016 - 18:15

Spending review, un bluff totale, taglio delle province, un bluff totale, taglio del senato, un bluff totale, taglio delle tasse, un bluff totale, il governo renzi, un bluff totale! L'unico taglio che ha fatto è stata l'imu, ma quello l'aveva già fatto Berlusconi!

Anonimo (non verificato)

Aprigliocchi

Lun, 15/02/2016 - 18:33

Tutti i paesi del mondo sono indebitati. E deve essere cosi' perché il sistema bancario e finanziario internazionale é un associazione a delinquere. Dietro le quinte, con manovre da pirati e corsari della peggior specie, hanno messo i paesi di tutto il mondo nella condizione di essere pieni di debiti. A partire dagli Stati Uniti che hanno visto il loro debito pubblico dopo che la Banca centrale é stata provatizzata, salire alle stelle. L'aver creato l'Euro ed abolito in Europa la piû parte delle banche nazionali come per esempio la Banca d'Italia ed altre, ha fatto si ché i paesi che si trovano in queste situazioni, non possano piû difendersi stampando carta moneta e creando l'inflazione. Con questo complotto finanziario, la piû parte delle nazioni europee, é costretta a farsi derubare dai banchieri e a subire i loro spregevoli ricatti. Purtroppo anche l'informazione é manomessa e circa l'Europa, ci vengono fornite solo menzogne per depistate i popoli dal comprendere il complotto satanico messo in onda dai vari club...Dovremmo vigilare sui capi politici che insistono a volere questa Europa....la piovra a bracci molto lunghi !

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Lun, 15/02/2016 - 19:24

@rossono, i suoi dati non sono aggiornati, sono fermi al 2011. Ma come già le ho detto, negli ultimi anni (proprio dal 2011 in poi) s'è assistito ad una ri-nazionalizzazione del debito pubblico, per cui è in mani di non residenti solo il 35% del debito. Vada su internet e si informi meglio. Il debito è assolutamente sostenibile, stia tranquillo, esca dalla pletora di commentatori che vedono sempre tutto nero, fuorviati da una stampa che fa sempre opposizione alle nostre istituzioni.

Ritratto di Rames

Rames

Lun, 15/02/2016 - 21:53

Ma cosa poteva fare un giovanottino,uno scolaretto delle medie,cosa?Al massimo il sindaco di San Casciano in val di Pesa.Su via.

Ritratto di ohm

ohm

Lun, 15/02/2016 - 22:36

Non c'è niente da fare ....non è capace! Allora...via!

Lugar

Mar, 16/02/2016 - 08:56

A prescindere dal fatto che riesco a capire la politica di tutti i paesi tranne quella della nostra Italia, non vedo come si possa uscire da questo "cul de sac" dove ci siamo cacciati. La nostra sofferenza è ormai cronicizzata, penso solo che possa peggiorare. Renzi ha un ruolo poco invidiabile e al momento non ci sono sostituti perchè non ci sono soluzioni.

spigolatore

Mar, 16/02/2016 - 09:16

Non era poi tanto difficile prevedere che questo individuo, prepotentemente impostoci dall'alto, fosse un incapace ed un incompetente. Poveri noi.. Ma giorno verrà che andrà a fa....

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 16/02/2016 - 09:24

Ma, questo PIDDIIIII, oltre che fare dei suoi dirigenti, ARROGANTI LADRI DI PROFESSIONE,PROTETTI DALLE TOGHE ROSSE, SA ALMENNO CIÒ CHE VUOLE FARE ??? E POI QUANDO SI SVEGLIERÀ DAL LETARGO IL POPOLO CAPRONE ???

Ritratto di _alb_

_alb_

Mar, 16/02/2016 - 09:28

L'unica "cura" di Renzi è l'occupazione totale del potere in Italia da parte dei suoi compari. La Mafia ha vinto. E si chiama RENZI.

Duka

Gio, 18/02/2016 - 10:29

Per "curare l'economia" occorre essere esperti in economia e finanza NON in pentolame scadente -

franco-a-trier-D

Gio, 18/02/2016 - 10:31

mandatelo a casa allora.

franco-a-trier-D

Gio, 18/02/2016 - 10:58

sei te che non funziona giullare