La lezione americana alla Ue: "La vostra austerity ha fallito"

Da Joseph Stiglitz a Paul Krugman, premi Nobel ed economisti bocciano le politiche della Ue: "L'austerità è una follia"

È scattato il conto alla rovescia per il referendum di domenica in Grecia. Premi Nobel ed economisti si schierano su fronti opposti per quanto riguarda il voto. Ma è comune l'accusa all'austerity dell'Unione europea che ha portato solo recessione e crisi economica.

"Dire sì al referendum significherà una depressione infinita". Il premio Nobel Joseph Stiglitz spiega molto chiaramente che mentre Atene otterrà gli aiuti, i greci (e tra questi i giovani, in modo particolare) pagheranno "il prezzo più salato". Il risultato potrebbe essere quello di "un Paese impoverito che ha svenduto tutti i suoi beni". Secondo il professore della Columbia University, la cura da cavallo imposta dalla Troika ha provocato un crollo senza precedenti del pil (-25% negli ultimi cinque anni) e fatto schizzare a livelli record la disoccupazione in Grecia, con quella giovanile oltre il 60%. "Ma è ancora più sorprendente che i leader europei non abbiano ancora capito la lezione - spiega al World Post - la Troika sta ancora chiedendo che che la Grecia realizzi un avanzo primario di bilancio (al netto degli interessi) del 3,5% del pil entro il 2018". Una misura, per Stiglitz, "tanto punitiva da aggravare ulteriormente la crisi". Da qui l'invito a votare "no" per mettere fine ad un’austerità senza fine.

Sulla stessa linea di Stiglitz si è schierato anche un altro premio Nobel: Paul Krugman. "La Grecia deve votare 'no' e il governo deve essere pronto a uscire dall'euro", afferma l’economista accusando la Troika di "proseguire all’infinito con le stesse politiche di austerità". "La Troika ha utilizzato una sorta di metodo Corelone alla rovescia - continua – hanno fatto a Tsipras un’offerta che non poteva accettare". L'ultimatum era, insomma, una mossa per sostituire il governo greco. "Dov’è la speranza in questo? - si domanda Krugman - forse sarebbe meglio per la Grecia uscire dall’euro e tornare alla dracma perché una svalutazione della moneta non creerebbe una situazione più caotica di quella che c’è adesso e potrebbe spianare la strada ad una possibile ripresa, come è già avvenuto altre volte in altri paesi".

Persino Ken Rogoff, uno dei massimi sostenitori dell'austerity, è convinto che imporre altri sacrifici alla Grecia sarebbe inutile se è il governo non intende implementarle. "Perché le riforme abbiano effetto - spiega per Project syndacate - il governo greco e il suo elettorato devono prima di tutto crederci". Il docente di Harvard fa notare come in Grecia le riforme strutturali potrebbero non essere la risposta migliore. "In un mondo ideale, offrire un aiuto finanziario in cambio di riforme potrebbe aiutare chi vuole trasformare il Paese in uno stato europeo moderno. Ma vista la difficoltà che la Grecia ha incontrato sinora nel fare i cambiamenti necessari per raggiungere l’obiettivo fissato - continua - potrebbe essere giunta l’ora di rivedere del tutto questo tipo di approccio alla crisi. Invece di un programma che garantisce dei prestiti ai paesi, potrebbe avere più senso elargire aiuti umanitari indipendentemente dal fatto che la Grecia rimanga o meno un membro dell’Eurozona".

Se in America la bocciatura alla austerity è unanime, in Inghilterra vengono mosso diversi distinguo. "Io voterei sì ed invito tutti a fare lo stesso - mette in chiaro Christopher Pissarides - col 'no' si entrerebbe in un vicolo cieco che porterà direttamente alla Grexit". Secondo l'economista britannico-cipriota, vincitore del premio Nobel per l’economia nel 2010, "non è possibile rimanere nell’euro e continuare ad avere liquidità dalla Banca Centrale Europea per far funzionare le banche" votando no. "La Grecia - sottolinea - sprofonderà ancora di più in recessione". "Con le banche chiuse i greci stanno vedendo quanto sia difficile far funzionare il sistema finanziario" di un Paese e "quindi spero votino sì". Senza un accordo ma con "una Grexit e un passaggio a una nuova dracma, per la Grecia sarebbe un disastro. Le banche collasseranno perché i correntisti preleveranno denaro dai bancomat nel timore di non di poterlo fare successivamente". Avvertono, con un appello congiunto 13 economisti e professori greci che sollecitano a votare si al referendum. Spiegano inoltre che Atene "non potrebbe mai gestire una bancarotta rimanendo all’interno dell’euro perché richiederebbe uno sforzo troppo grande da parte della Banca Centrale Europea".

Commenti

robylella

Ven, 03/07/2015 - 13:01

Le politiche dell'eu sono fallimentari tanto quanto l'eu stessa! Di principio una buona idea ma gestita malissimo. Troppo sinistra e vicina ai modi della vecchia Russia comunista. Ripeto: buona idea ma tutto da riformare!

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Ven, 03/07/2015 - 13:11

Si, pero se ogni volta guardiamo oltre l'oceano per avere conferme che l'austerity ha fallito siamo apposto. Non credo che abbiamo bisogno di questi scienziati e super portatori del premio Nobel!!! Anche mio nonno buonanima lo avrebbe capito!! Scusate, ma non tutti siamo imbexilli...

magnum357

Ven, 03/07/2015 - 13:11

Infatti le politiche dei sinistri sono state un disastro totale !!!La disoccupazione è aumentata del 50% e la povertà è raddoppiata in Italia!! Complimenti, se questa è l'Europa .........

agosvac

Ven, 03/07/2015 - 13:15

Sì, vabbè, e Lancillotto??? Memorie di un vecchio carosello per chi ancora se lo ricorda!!! Lancillotto , in questo caso , è Putin. Resta nascosto ed aspetta ad intervenire. Non può farlo se prima la Grecia non sarà abbandonata a sé stessa. Ma, se lo fosse, potrebbe intervenire con i soldini suoi e della Cina. Non lo faranno intervenire: meglio, molto meglio, fare restare la Grecia in UE che farla andare con Putin. Anche perché se la Grecia si dovesse "salvare" andando con Putin, sarebbe seguita immediatamente da altri paesi. Sarà Obama a non permettere alla merkel/Hitler di "abbandonare" la Grecia. Una Grecia con Putin per Obama sarebbe una vera catastrofe!!!!!

roberto zanella

Ven, 03/07/2015 - 13:15

bisogna avere il coraggio di dirlo : LA COLPA E' DELLA GERMANIA.....I CRUCCHI OGNI MEZZO SECOLO DEVONO LASCIARE TRACCIA DEL LORO PASSAGGIO...

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Ven, 03/07/2015 - 13:18

come dire: la scoperta dell'america.......

Blueray

Ven, 03/07/2015 - 13:24

Concordo con i Nobel americani. L'austerità va bene per Stati forti e benestanti che hanno subito una crisi. Non è applicabile a Paesi decotti. Essendo una cura da cavallo il malato rischia di soccombere. C'è stata una grande miopia da parte della Troika. Bisognava capire, già dopo il primo default del 2012, che uno Stato, con i conti tanto malandati, non poteva e non doveva essere forzato a stare nell'euro!

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Ven, 03/07/2015 - 13:29

Quando a combattere avvedutamente contro l'austerità era il solo Berlusconi in Europa, i nostri sinistri lo prendevano in giro e gli altri patner europei hanno fatto di tutto per defenestrarlo. Alla fine ci sono riusciti, con la collaborazione interna di un certo Alfano, della sinistra e dei suoi vertici ai vari livelli.Se l'avessero ascoltato avremmo evitato disastri alle nostre industrie, il dilagare della disoccupazione, il problema Grecia,lo scompiglio nel Mediterraneo... I nostri soliti sinistri allora si riempivano la bocca additando Berlusconi a ...baciamano di Gheddafi e non a grande statista. Purtroppo degli errori fatti in tutta la sua lunga storia, mai che i nostri sinistri e i suoi vertici ne ammettano uno; la colpa è sempre degli altri.

G+Max

Ven, 03/07/2015 - 13:29

L'Austery / Fiscal COmpact avrebbe avuto senso se nelle regole ce ne fosse stata una per NON fare aumentare le tasse in modo da proteggere i cittadini dalle "furbizie" dei governi parassiti che per NON mettere in ordine i conti delle Pubbliche Amministrazioni, hanno aumentato le tasse devastando l'economia delle Famiglie e delle aziende private. Hanno salvato la Casta e spese dei cittadini onesti

G+Max

Ven, 03/07/2015 - 13:30

Hanno scaricato i debiti fatti dalla Casta sui cittadini e per pareggiare i bilanci invece che ridurre sprechi e privilegi, hanno preferito aumentare le tasse vessate ai cittadini onesti

G+Max

Ven, 03/07/2015 - 13:31

Col debito si schiavizzano i popoli

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 03/07/2015 - 13:34

Chi comanda non sbaglia così grossolanamente. Stanno VOLUTAMENTE uccidendo l'economia dell'Europa. Tutto è coerente: distruzione del medioriente, sanzioni alla Russia, invasione. TUTTO TORNA

moshe

Ven, 03/07/2015 - 13:36

"La vostra austerity ha fallito" ..... ..... ..... Il fatto ancor più grave è che il cialtrone che ci governa, non avendolo ancora capito, continua a prostrarsi alla merkel, portando di fatto, l'Italia alla rovina!!!!! Ma non è fallita solo l'austerity, è fallita tutta la politica, la lotta all'immigrazione, ed il governo europeo si è anche dimostrato di essere al primo posto con gli sprechi e le ruberie!!!!!

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 03/07/2015 - 13:39

Bellissima questa: prima causano il casino finanziario a livello globale poi vengono a farci la morale. Detto ciò, l'Europa così come l'abbiamo oggi, è un disastro su tutta la linea. È un apparato creato apposta per disinnescare i sistemi giuridici nazionali ed imporre leggi (e moneta ergo perdita della sovranità totale praticamente) dall'esterno. @agosvac - è arrivato un po' tardi perché Putin farà passare il gas dalla Grecia e non più dall'Ucraina (thanks to the guys across the pond) e la Cina è già in trattativa per la linea ferroviaria Budapest - Atene (import/export merci e cineserie varie).

Ritratto di Patriota.

Patriota.

Ven, 03/07/2015 - 13:40

Sono molto soddisfatto ( di me stesso ) quando ho letto l'opinione di Paul Krugman. L'ho sempre pensata come lui. Più di una volta ho scritto in questi articoli di questo sito che la svalutazione della moneta per renderla coerente con le capacità della Nazione in questione non è un danno così grave poiché la Grecia detenie un'economia relativamente chiusa ( infatti, come disse " il sole 24 ore " in un artiocolo, i 3\4 del PIL sono interni ). Tra i greci, ritornando alla dracma, ci sarebbero dei vantaggi! Ovviamente all'inizio non sarà tutto semplice e lineare, ma sempre meglio delle proposte assurde dei creditori ( ho letto i " dieci punti " su " il sole 24 ore "... leggete e capite! ) che non porteranno a nessun vantaggio a lungo andare!

giovauriem

Ven, 03/07/2015 - 13:43

l'austerity , solo per l'italia , grecia e spagna , i francesi esclusi, per che lecca c.li dei tedeschi , gli inglesi che se ne fregano , tanto loro non sono in gioco (mantenendo la loro moneta)i paesi del nord, lontani da veri problemi , con economie e civiltà di primordine , questa non è l'europa unita ma la brancaleuropa dis'unita .

Marzio00

Ven, 03/07/2015 - 13:43

La realtà dei fatti è che la UE ha fallito in tutto, e se fossi greco voterei no, speranzoso (e fiducioso) dell'aiuto della Cina e della Russia.

vince50_19

Ven, 03/07/2015 - 13:43

L'austerity, a mio avviso, serve solo a due stati che vogliono trarne i massimo beneficio per le proprie "camarille": Germania e Francia. I due economisti hanno sol che ragione.

cgf

Ven, 03/07/2015 - 13:44

non servono i premi nobel, nemmeno i professori di economia [anzi!!] per sapere il risultato dell'austerity.

unosolo

Ven, 03/07/2015 - 13:47

ma che ce lo deve dire l'America ? noi viviamo questa situazione , sono solo i komunisti che non l'hanno capito o ci mangiano.

frank173

Ven, 03/07/2015 - 14:00

Europa o meglio eurolandia,maledico il giorno in cui ci siamo incontrati. Quando le cose vanno bene non servi a nulla se non a spendere soldi inutili per decidere la misura minima e massima dei piselli che si possono importare (vero) o la dimensione standard dei sedili per gli autobus (vero). Quando abbiamo bisogno di aiuto e solidarietà meglio rivolgersi a San Francesco (che è tutto dire visto che sono ateo). La gente che ti loda lo fa solo perchè sei tu che gli permetti di arricchirsi alle spalle degli onesti lavoratori. I tuoi 'amanti' sono un branco di politici falliti messi nel dimenticatoio dagli stati sovrani. Così non può continuare, alla prima occasione ti lascio.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Ven, 03/07/2015 - 14:10

l'austerita' imposta da bruxelles ha favorito solo la Germania.

Ritratto di ALESSANDRO DI PROSPERO

ALESSANDRO DI P...

Ven, 03/07/2015 - 14:12

L'AMERICA DI OBAMA RIMPROVERA LA U.E. E PARTICOLARMENTE LA GERMANIA (CAPUT E.U.) PER ESSERE TROPPO HITTLERIANA. LA GRECIA DEVE ESSERE PER OGNI MOTIVO DELLA U.E. E DELLA NATO IN PARTICOLARE. MAI DELLA RUSSIA O DELLA CINA.

peter46

Ven, 03/07/2015 - 14:12

magnum357...è tempo che anche tu,come tanti altri di "NOI",metta in soffitta l"a prescindere".In Italia ci sono stati tutti,dx,cdx,csx a governare e non solo i sxtri,è per un certo tempo anche 'INSIEME'...e non parliamo di chi ha 'governato' in Europa e dall'Europa in Italia tramite i 'lacchè' anche cdxtri:non possiamo salvare nessuno di quelli che finora hanno governato negli ultimi 25 anni.Facciamocene una ragione...L'fmi ha affossato la Grecia più di quanto si era già affossata da sola:meno male che poco fa il loro comunicato...lascia speranze di 'ravvedimento':e qualunque sia l'esito del referendum.Che le dichiarazioni degli economisti di cui sopra non sia l'avviso...benevolo?

alox

Ven, 03/07/2015 - 14:18

In Italia grazie a Monti e la politica delle tasse sono fuggite molte imprese! Oggi non si investe per la stessa ragione oltre ad una presenza statale onnipresente! Con il socilismo non si crea ricchezza ma solo poverta' economica e sociale! Non c'e' bisogno dei cervelloni USA!Capitalismo, Mercato, Democrazia etc non sono nate in USA sebbene le adottino!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 03/07/2015 - 14:30

@Italia Nostra 13:39:...Concordo!....La Gracia,con una debolissima economia,ha truccato le carte,per entrare in un gioco che le avrebbe procurato dei vantaggi,e che invece l'ha stritolata.Anni ed anni di "parassitismo" pubblico(con montagne di privilegi,"aiutini" socialistoidi),sono stati messi sul gobbo,di una economia "reale" estremamente debole,che non regge più il peso,il passo intrapreso,al di sopra delle possibilità "reali" del Paese.Fare marcia indietro è dura!!

HappyFuture

Ven, 03/07/2015 - 14:29

Le due economie, quella USA e quella UE sono partite entrambe disastrate. Obama con la sua politica ha ridotto la disoccupazione al 5% ha portato a case le aziende che avevano delocalizzato in Cina (è quanto dire, in Cina); ha umentato la paga base a 10.10$; ha più di ogni altro provvedimento esteso l'assistenza medica a "tutti", Obamacare. Noi? Ma neanche li voglio elencare i "nostri" problemi. Speriamo che la Grecia ce la faccia a svincolarsidalle braccia del mostro.... Merkel! Auguri, Ellas!

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Ven, 03/07/2015 - 14:35

L'altra strada è quella della Grecia: prendere vagonate di soldi dagli altri, sputtanarli tutti, non restituire un centesimo e ritrovarsi in braghe di tela peggio di prima! E' la famosa strada del socialismo reale eheheheheheheheheheh!

Antonio43

Ven, 03/07/2015 - 14:45

Lehman brothers, la madre di tutte le sventure. Loro, gli USA, ne sono usciti, noi, mezza Europa, stiamo ancora in mezzo al guado: Italia, Spagna, Grecia, strano che non si parli mai del Portogallo, di solito anche lui fa parte del gruppo degli sfigati. Negli Usa, i rubinetti li hanno aperti e ne sono venuti fuori. Da noi tutto alle banche e niente a chi ha voglia di far qualcosa. In più una tassazione che ormai ci sta strozzando. Colpa della Merkel? Non lo so, se pensa al suo paese è proprio così sbagliato? Il nostro interesse chi lo deve fare, Hollande? Cameron? Per fare il primo ministro ci vogliono tipi con le palle e per sentirsene responsabili, ce li dovremmo eleggere. Noi di che parliamo? monti, letta, renzi: napolitano, grazie!

kayak65

Ven, 03/07/2015 - 14:48

e pensare che l'altro giorno il Pinocchio fiorentino, divenuto lo scendiletto europeo preferito dalla culona, e' volato in germania e ne ha elogiato le capacita'tradendo di fatto l'amicizia e le parole spese precedentemente per la grecia. questo dimostra quanto il quaraqua mai eletto non capisca nulla di economia, legislatura,lavoro, ordine e sicurezza. non lamentiamoci se l'europa ci usa come campo profugo permanente e ci dia sanzioni continue o ci imponga leggi sugli alimentari assurde, fino a quando questo governo imposto, dirigera' il paese con personaggi incapaci e spavaldi

patrenius

Ven, 03/07/2015 - 14:55

Affidare la guida dell'Europa a un nano gigante come la Merkel cresciuta nel credo dell'economia pianificata e della guerra al libero mercato, la DDR per capirci, è ina stupidaggine che solo un popolo inferiore come quello tedesco poteva fare. Si lo ripeto: i tedeschi con la loro mania di dominio hanno distrutto l'Europa per la terza volta. Addio ai sogni di Schumann, DeGasperi e Adenauer: l'Europa unita è in frantumi.

Imbry

Ven, 03/07/2015 - 15:20

Credo che la valutazione di Stiglitz sia corretta. In questo momento la Troika sta chiedendo ad un vecchio zoppo (la Grecia) di correre i 100 metri in meno di 10 secondi e questo è palesemente impossibile. La mia domanda, da profano nel campo dell'economia internazionale, non sarebbe possibile prestare "x" miliardi di Euro alla Grecia e chiedere che vengano restituiti che ne so tra una ventina d'anni? Ho come l'impressione che gli aiuti dati fino ad ora siano serviti come riempire un bicchiere bucato d'acqua.

Grix

Ven, 03/07/2015 - 15:49

Il debito, la moneta, la fiscalita' devono rimanere sovrani. Le banche (FMI e BCE) stanno diventando a tutti gli effetti i proprietari delle nazioni.

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 03/07/2015 - 16:08

I fatti e non le opinioni certificano una cosa, che Troika, austerity, Bce, Ue, Euro sono un fallimento. E quando si fallisce si chiude. Punto.

Zizzigo

Ven, 03/07/2015 - 16:51

Ci sono economisti ed Economisti... ci sono ingegneri che non conoscono la matematica ed economisti che non conoscono la natura umana (e che, soprattutto, non hanno capacità intellettive proprie). Comunque, con le imposizioni, e la Troika ne è maestra, si sono sempre e solo ottenuti dei miseri schiavi, mai delle popolazioni floride e felici.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Ven, 03/07/2015 - 17:03

La brava massaia, prima di acquistare qualcosa guarda se ha i soldi. Se non ce li ha o non ne ha abbastanza, ha due strade: o rinuncia a quella cosa, o fa tirare la cinghia a tutta la famiglia. La quale famiglia tira di buon grado la cinghia se è a fin di bene. A casa vostra come fate? Fate uguale? E allora, che la chiamiate "tirare la cinghia" o, più da snob, "austerity" è la stessa identica cosa. E questa austerity, se è a fin di bene, è sacrosanta.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Ven, 03/07/2015 - 17:18

ANGELO POLI - I tempi tecnici della sinistra per capire le cose sono di almeno quattro anni, quando va bene (pensi che molti sono ancora fermi al sessantotto). Aveva un bel da sgolarsi Berlusconi...Abbia pazienza, la sinistra non è così svelta. Si disegna intelligente, ma non lo è!

Ritratto di GIANCAGIO

GIANCAGIO

Ven, 03/07/2015 - 17:58

E GIÀ... CARI AMERICANI... CI SONO PIÙ DOLLARI, IN TITOLI E IN BANCONOTE IN GIRO PER IL MONDO...CHE GRANELLI DI SABBIA NEL DESERTO DEL SAHARA! VI PIACE STAMPARE FACILE, EH?

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Ven, 03/07/2015 - 18:11

"Marzio00" guarda che Cina e Russia, se daranno una mano ai Greci, non lo faranno per gli interessi della Grecia, ma dei propri. C'è il rischio che dalla padella vada a finire nelle brace.

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Ven, 03/07/2015 - 18:19

Quando io critico i sinistri e i danni che hanno fatto , non è per fre una critica fine a se stessa, ma perchè vedano, almeno nel 2015, i disastri che hanno fatto quasi in ogni settore dal 1917 e , invece di ergersi a censori degli altri partiti riconoscano pubblicamente i loro errori e poi, tutti insieme, noi Italiani, potremo agire nell'interesse comune e non sempre divisi in partiti nemici per prendere con l'inganno qualche voto in più.

mariolino50

Ven, 03/07/2015 - 18:45

FMI è un covo di strozzini come i camorristi, e come tali andrebbero trattati, al negoziante i camorristi possono bruciare la bottega, ma ad uno stato non credo.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 03/07/2015 - 20:41

Avanti Grecia. Fuori dalle grinfie della UERSS finanziaria.

Ritratto di pinox

pinox

Ven, 03/07/2015 - 22:25

l'europa così com'è è fallimentare, e l'euro è la piu' grande idiozia della storia economica del mondo: i paesi membri di fatto non sono uniti economicamente e politicamente, e senza la possibilità di manovrare la moneta e i tassi di interesse a secondo delle loro economie sono in balia di forze che non possono contrastare....l'euro ha lo stesso senso logico di andare in mare con una barca senza timone.

gedeone@libero.it

Ven, 03/07/2015 - 23:14

Io invece penso che è proprio la Germania che voglia uscire dall'euro e provoca volutamente e scientemente tutto questo casino. Loro ormai si sono arricchiti, sono grassi come maiali e lasciano volutamente che tutto vada alla deriva.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 03/07/2015 - 23:26

L'Europa è nelle mani della peggior accoppiata del mondo: UNA COMUNISTA CHE HA MESSO IN PIEDI IL IV REICH. Complimenti ai crucchi che l'hanno votata.

Duka

Sab, 04/07/2015 - 07:35

NON è proprio così. L'austerity ha fallito per quasi tutti eccezion fatta per la GERMANIA che ha guadagnato quanto mai nella sua storia. Raccontatele bene le notizie NON fate come il bullo che dice le cose a metà credendo d'essere furbo.

linoalo1

Sab, 04/07/2015 - 08:04

Questo appunto all'EU,non mi sembra una novità!!Però,quasi sicuramente per Superbia,non è stato ascoltato!!!!Figurati se Francia e Germania,accettano ub Consiglio dagli USA!!!!Bombardare la Libia e Sanzionare Putin,però,non ci hanno pensato due volte!!!!

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 04/07/2015 - 08:14

Questa Europa, sin dall`inizzio, hà avuto i più brutti maestri, sia politici che economi, cominciando da quell`i....a di Prodi. Tutti i giochi d`azzardo vanno a finire male e questo non riusciranno mai a capirlo, sinche tutti i mesi percepiscono salari da nababbi, forse, quando ci sarà crisi nel loro portafoglio potranno capirlo. Comunque, il gioco che stanno facendo è quello di arricchire i paesi che hanno stabilità, impoverendo o addirittura distruggendo, i paesi più deboli. Questa,non fa parte di economia per una unione; QUESTO È LAVORO DA """STROZZINI, DA USURAI""", DA FINTI BUONISTI, CHE FANNO SOLAMENTE I LORO INTERESSI, E SONO SPIETATI PEGGIO DI TUTTI I DITTATORI MESSI INSIEME!!! """PREDICANO IN BENE, MA SEMINANO L`INDECENZA"""!!! Nel frattempo, povertà e disoccupazione aumentano in tutta Europa, MENTRE LE BANCHE, FANNO DI POLITICI INGORDI, DEI LADRI CAPITALISTI.

buri

Sab, 04/07/2015 - 22:54

lo sapevamo già, non servivano gli americani per farcelo sapere, il guaio è che fa comodo alla Germania che si arricchisce sfruttando le disgrazie altrui con la complicità dei burocrati di Bruxelles e siamo in mano a gente senza spina dorsale capaci solo di dire ja frau Merkel