Le liberalizzazioni beffa sulla telefonia: spunta la penale

Nel disegno di legge approvato ieri dal Consiglio dei ministri spunta un articolo che fa preoccupare le associazioni dei consumatori

Doccia fredda per gli utenti della telefonia. Pagheremo una penale quando lasceremo un operatore telefonico, fisso e mobile, prima della scadenza contrattuale che può arrivare a 24 mesi. Ad imporlo è il nuovo disegno di legge sulla concorrenza approvato ieri dal Consiglio dei Ministri. "Paradossale: ci aspettavamo un passo avanti a favore degli utenti e invece è un passo indietro. Le penali erano scomparse dalla nostra normativa, grazie al decreto Bersani sulle liberalizzazioni del 2006 e ora il governo Renzi le reintroduce a sorpresa", afferma Marco Pierani, responsabile dei rapporti istituzionali per Altroconsumo.

"Faremo battaglia strenua in Parlamento, in fase di conversione in legge", dice Pierani. Essendo un disegno di legge, le norme non sono immediatamente esecutive. Le novità - se non venissero modificate - scatteranno solo dopo i passaggi parlamentari e l'eventuale approvazione. La parte che svela la penale è l'articolo 16: "L'eventuale penale (per la disdetta, ndr) deve essere equa e proporzionata al valore del contratto e alla durata residua della promozione offerta". È una novità perché "il decreto Bersani aveva eliminato il concetto di penale dal nostro ordinamento, sostituendolo con quello di costi di uscita, che devono essere pari a quelli subiti dagli operatori per gestire la disdetta dell'utente", spiega Pierani. Invece quel comma legittima, per la prima volta dal 2006, un costo di uscita superiore a quello subito dagli operatori - una penale, appunto - "con la sola, generica attenuante dell'essere proporzionato al valore del contratto e alla durata residua della promozione offerta", continua Pierani. Insomma nonostante va riconosciuto il coraggio al governo di liberalizzare il mercato, nel caso della telefonia forse si poteva fare di più.

Commenti

leo_polemico

Sab, 21/02/2015 - 18:10

Si tratta dell'ennesimo "favore" del televenditore a un qualche "amico"? Certo che la faccia tosta del teleimbonitore è eccezionale: anche oggi, in uno dei suoi spot pubblicitari durante i telegiornali, sostiene che "sono state ridotte le tasse": forse io non sono in grado di capire, ma questa "riduzione" a me pare proprio che NON esista proprio.

vince50_19

Sab, 21/02/2015 - 18:39

leo_polemico - Ha ragione: anche a me è capitato di sentire, anche se per pochi minuti in tele, il ragazzotto tutto sorrisi e guasconate con atteggiamento tendente allo strafottente (tipo il marchese del Grillo, se ha presente..) dire che le tasse sono diminuite in casa nostra. Però lo fa con poca enfasi, quasi di sfuggita perché è evidente che questo suo è un roboante beyrut, notizia farlocca dall'interno..

NON RASSEGNATO

Sab, 21/02/2015 - 20:07

Qualcuno ha preso un regalino?

Ritratto di giangol

giangol

Sab, 21/02/2015 - 20:11

via questo governo abusivo e africano!

Ritratto di perigo

perigo

Sab, 21/02/2015 - 23:32

Continua l'opera demolitrice del governo abusivo del peracottaro contro i diritti (acquisiti da tempo) dei cittadini. Le lobbies ordinano, ed i fedeli esecutori dei loro desideri più turpi attuano.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Dom, 22/02/2015 - 08:07

Non avete capito niente. La legge Bersani serviva per facilitare l'ingresso nella compagnia delle cooperative. Adesso che i clienti, pochi o tanti, sono stati accalappiati gratis, non li vogliono perdere e quindi per uscire devono pagare. E chissenefrega se ci rimettono tutti. L'importante è che non ci rimettano le cooperative.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Dom, 22/02/2015 - 08:15

Comunque, non disperate. La sinistra è talmente incapace di intendere e di volere che anche questa decisione le si ritorcerà contro e allora...contrordine compagni! Quelle della sinistra sono tutte vittorie di Pirro, date retta.

Ritratto di pinox

pinox

Dom, 22/02/2015 - 09:03

è arrivata qualche mazzetta al politico "giusto e influente".

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 22/02/2015 - 09:19

abraxasso hai perfettamente ragione sulle cooperative e la telefonia.Ma ad ogni azione dovrebbe corrispondere azione contraria, io smetterò di fare la spesa alla Cxxp.!!!

Ritratto di elio2

elio2

Dom, 22/02/2015 - 09:32

Perché, c'è ancora in giro qualcuno che crede nella buona fede di un comunista? Esiste ancora qualcuno che nonostante non sia mai successo in nessuna parte del mondo e in nessuna epoca, crede che il comunismo sia nato per fare gli interessi delle classi più deboli? Se esiste è ora che si rilegga la storia passata, che non mente mai, ammesso ma non concesso che la strampalata e sempre fallimentare ideologia con cui ha convissuto fino adesso gli abbia lasciato la possibilità di ragionare con la propria testa.

Ritratto di aldolibero

aldolibero

Dom, 22/02/2015 - 16:02

Non so altrove ma qui a Milano la COOP e' a fianco della ESSELUNGA. Fatevi un giro e preparatevi e vedere gli elettori comunisti che per dispetto comprano a prezzi piu' cari della concorrenza e da un personale squalificato.(esperienza diretta per ave provato piu' volte).Con questa gente si vuole ancora il cambiamento? Lasciamoli nella loro ideologia fallita poverini.Non hanno mai usato il famoso callifugo e godono nel soffrire. ah ah

fjrt1

Lun, 23/02/2015 - 07:16

Leggo anche in questo forum che i contrari a Renzi sono molto numerosi. Io personalmente pago molte tasse e vedrei ben volentieri un nuovo governo che mi faccia pagare meno tasse senza condurci alla banca rotta. Però non vedo alternative a Renzi nell'attuale quadro politico e eventuali nuove elezioni non mi sembrano in grado di dipanare la matassa.