Lupi: «Occorre rivedere l'accordo con Air France»

Secondo il ministro dei Trasporti più utile sarebbe la partnership con una compagnia russa o cinese. Attesa per la "formula" Del Torchio

È stata rimandata al 3 luglio la presentazione del piano industriale triennale di Alitalia. Il motivo è un'indisponibilità, per la data prevista di domani, del presidente Roberto Colaninno. Certo è che tra i soci principali (oltre allo stesso Colaninno c'è Air France, Intesa Sanpaolo, Riva e Benetton) c'è grande attesa per il piano industriale che sarà presentato dal neo ad Gabriele Del Torchio. Un piano di rilancio, con investimenti sul lungo raggio e una riorganizzazione del breve-medio, teso a cercare di aumentare i ricavi della compagnia.
I costi sono già stati tagliati all'osso, non c'è più nulla da raschiare e quindi è necessario puntare su maggiori vendite. Operazione non semplice in tempi come questi. Inoltre, crescono anche i malumori degli azionisti nei confronti di Air France, e la ricerca di soci alternativi è una delle missioni di cui è incaricato Del Torchio. Che ci siano stati e ci siano tutt'ora colloqui con Aeroflot e con Etihad ormai non è certo un mistero. Ma quanto siano concreti e quanto siano un tentativo di spaventare Parigi, non si capisce.
Ieri anche il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Maurizio Lupi, si è espresso in favore di una nuova alleanza. «Mi auguro che nel nuovo piano, Alitalia valuti se sia ancora opportuna la partnership con Air France - ha detto Lupi -; se prima l'alleanza con i francesi aveva un senso perché ci proiettava in determinati mercati, come quello europeo e americano, che erano predominanti, ora bisogna guardare ai mercati emergenti e noi, in questo senso, siamo posizionati meglio. Quindi, oggi, bisognerebbe puntare a un'alleanza con una compagnia russa o cinese».
Quello con Air France, del resto, è un rapporto difficile. È evidente che il primo socio di Alitalia non può non influenzare scelte e decisioni operative, specie là dove la compagnia italiana potrebbe diventare concorrente. E, quindi, quando si deve decidere se lanciare un nuovo volo di lungo raggio da Milano o da Roma il pensiero costante del partner d'Oltralpe è quello di farlo passare da Parigi. Oppure di far viaggiare i passeggeri direttamente con Air France.
Così in casa Alitalia, anche in presenza di un piano di rilancio tanto atteso come questo, il rischio è dover fare i conti con le briciole del mercato. Se la holding transalpina resta il candidato naturale ad acquisire la compagnia italiana (ma a che prezzo e a che condizioni bisognerà vedere), il rischio è che Alitalia diventi la Carpatair di Air France. E cioè solo una buona sussidiaria, pronta a rispettare le logiche e i voleri della casa-madre.

Commenti

cgf

Mer, 26/06/2013 - 09:17

AF con il solo 25% pensa di essere il padrone, mi è anche capitato all'estero di trovare personale AF e non più AZ anche per le operazioni di check-in, passi personale dell'aeroporto o agenzie locali, ma AF? AF poi naviga in profondissimo rosso, AZ non è messa così male, perché deve essere CAI a pagare la loro grandeur? Che tengano duro gli slots del continente americano ed in Europa, Heathrow, si riprendano quelli 'prestati' ad AF su Parigi e sviluppino ad East, scomettiamo che AZ diverrà una compagnia con i controQ?

peroperi

Mer, 26/06/2013 - 09:33

ha pienamente ragione - La Francia porterebbe i turisti in casa sua. Meglio i milioni di turisti ricchi russi e cinesi.

diego_piego

Mer, 26/06/2013 - 09:34

bah, AirFrance è una compagnia seria, con standard europei di sicurezza. Le compagnie russe o cinesi (ma non si doveva difendere l'Italia dall'invasione dell'economia cinese?) fanno volare gli aerei fino a quando cadono...

michele lascaro

Mer, 26/06/2013 - 09:41

È vero che non si sceglie un partner europeo, (ma non siamo nella globalizzazione?), ma quando penso alla Francia di Carla Bruni, Sarkozy, Madame Rothweiler e Hollande, mi cadono le braccia e dico che la proposta di Lupi va nel verso giusto.

Mario-64

Mer, 26/06/2013 - 09:49

Magari! Pur di dare un calcio in c... ai francesi mi alleerei anche coi marziani...

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Mer, 26/06/2013 - 10:10

Nel 2008 l'accordo con Air France era già pronto e avrebbe salvato tanti soldi pubblici e posti di lavoro. Poi, in nome di non si sà quali interessi di parte tutto è saltato. Probabilmente la partnership più accreditata ora è quella Russa dell'amico/dittatore Putin

Ritratto di ferdnando55

ferdnando55

Mer, 26/06/2013 - 10:17

@Mario-64 bravo! resta del tuo pensiero pur se l'italia deve sborsare 4 miliardi, come sta facendo, per due coglioni (tu e il bassotto) che ragionano col culo e non col cervello. il culo del bassotto è flaccido, lo sa il mondo, il tuo è sfondato, lo so io.

cgf

Mer, 26/06/2013 - 10:22

@diego_piego ma lei ha volato mai AF? magari la rotta Rio-Parigi prima che... btw che cosa è poi successo? non si è saputo più nulla, eppure i piloti erano di PROVATA esperienza!! il Concorde a Parigi? Non è che oltre a perdere le valigie a CDG perdano anche le chiavi inglesi? dopo 'quel' incidente, dopo ogni riparazione fanno il checkout degl'attrezzi, proprio come in sala operatoria si dovrebbe fare.

Ritratto di filippo agostani

filippo agostani

Mer, 26/06/2013 - 10:29

Lupi rincorri il potere come ossessione; altro che cristiano teso al bene degli altri. Ora è tardi per Airfrance. Avete fatto pagare i debiti Alitalia agli italiani consegnando agli amici una compagnia pulita, ora la rivendete, vedremo quanti altri soldi dovermmo pagare. Una persona normale si sarebbe dimessa per incapacità.

Mario-64

Mer, 26/06/2013 - 10:34

diego_piego ,si' infatti un airbus 330 Air France e' caduto tranquillamente in mezzo all'Atlantico perche' e' andato in stallo a 11.000 metri, mentre il comandante dormiva e i due "pivelli" ai comandi non sapevano che pesci pigliare.

Mario-64

Mer, 26/06/2013 - 10:38

ferdnando55 ,mai pensato di andare a Zelig? Quanto a culo voi altri ,da Romanone Prodi in giu' , diciamo che amate mettervi ad... angolo retto davanti a francesi e tedeschi ,i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

Giustotopik5

Mer, 26/06/2013 - 10:56

@diego_piego : le compagnie russe, cinesi o altre possono "far volare gli aerei finchè cadono" solo in casa loro - per accedere agli aeroporti internazionali devono rispettare gli standard IATA - ICAO. Frequentando un pò gli aeroporti, si nota comunque che sia le linee internazionali russe che quelle cinesi usano esclusivamente aerei di fabbricazione occidentale e sempre piuttosto nuovi...qualche buon vecchio Tupolev o Antonov si vede ormai soltanto in qualche aeroporto secondario. Quanto alla serietà di Air France...bah ! Saluti

Ritratto di ferdnando55

ferdnando55

Mer, 26/06/2013 - 11:18

@Mario-64. tu non sai nemmeno come si guarda il foglio dei risultati, ce l'hai sicuramente in mano alla rovescia. alitalia è stata promessa a putin dal tuo padrone bassotto in cambio di cosa? forse del lettone...

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Mer, 26/06/2013 - 11:24

Dopo avere fatto pagare i debiti di Alitalia ai contribuenti italiani andrebbe impedito a qualunque esponente del pdl di avere alcuna voce in capitolo a riguardo.

Mario-64

Mer, 26/06/2013 - 11:44

ferdnando55 ,e a voi cosa aveva promesso il nanetto-ridens transalpino per regalargli Alitalia? Una serata con Carla Bruni? Non sapeva ,il poveretto ,che voi sinistrati preferite gli ometti??

Mario-64

Mer, 26/06/2013 - 12:02

Anno 2008 ,primavera. Governo in carica guidato da Romano Prodi ,ministri competenti Bianchi e Di Pietro. E' in corso la trattativa con Air France. I due ministri suddetti escono dall'aula dicendo testualmente :"quella dei francesi e' una proposta irricevibile". I sindacati italiani si dichiarano contrari. Dopo un po' Spinetta ,presidente di Air France ,comunica l'intenzione di ritirarsi dalla trattativa ,per l'opposizione dei sindacati italiani (ufficialmente) e ,piu' verosimilmente perche' il prezzo del petrolio nel frattempo e' andato alle stelle. Come si sia riusciti ,in un contesto simile ,a dar la colpa a Berlusconi , rimarra' sempre un mistero. Va' bene che i gonzi della sinistra si bevono tutto ,pero'...

BlackMen

Mer, 26/06/2013 - 12:21

ahahah...ancora ricordo il nostro premier Berlusconi che diceva di aver salvato l'Alitalia (ripianando i debiti coi nostri soldi beninteso)

mauroder78

Mer, 26/06/2013 - 13:01

un altro grande miracola del nano arrapato... per fortuna che silvio c'è! ah no, scusate, è tutta colpa dei comunisti....

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 26/06/2013 - 13:45

Lo scopo di Af e' uno solo, far fuori Az, prendersi il mercato. Sai che gli frega ai francesi di un bidone di compagnia come Az. Molti voli italiani sono gia' battezzati Af. Considerando poi che c'e' di mezzo il criminale in colletto bianco colanninno, compare di d'alema e distruttore di Telecom, c'e' da preoccuparsi.

procto

Mer, 26/06/2013 - 13:58

«Su Alitalia rifarei la stessa scelta. Il nostro paese non può non avere una propria compagnia di bandiera. Se Alitalia fosse caduta nelle mani di Air France, conosco bene i francesi, tanti turisti sarebbero finiti a visitare i castelli della Loira invece che nelle nostre città d'arte» (S.Berlusconi 6/1/2013) E' questo il genio della finanza che ha architettato la privatizzazione "fallita" come spiegano tra gli altri Giovaniello e Spinnato Vega. Tristezza infinita.

Giuseppe Borroni

Mer, 26/06/2013 - 14:26

povero babb-eo, perche' non ti rivolgi al tuo leader maximo, che voleva difendere l'italianita della compagnia e quindi si e' opposto alla vendita quando si poteva ancora. Dovrebbe coprire le perdite il grande Berlusca, visionario illuminato, come nel caso del ponte di Messina, altra bufala che ci costera' milardi

cgf

Gio, 27/06/2013 - 00:59

@leopardi50 guardi che l'accordo saltò perché NON vollero i sindacati e sa perché? perché AF avrebbe licenziato oltre la metà del personale perché, secondo loro, non serviva in quanto avrebbero fatto tutto da Parigi.. Senza contare che volevano la Magliana e le aeree portuali ad 1 euro, lei ha idea di quanto vale 1 metro quadro bordo rete aeroporto? si figuri dentro!! s'informi e faccia 1+1=2. Con CAI si è smesso di pagare e quello che si poteva portare a casa si è portato e pagato anche bene!! c'erano mille occhi puntati su quella operazione, tutti pronti per inscastrare SB e... nessuno invece ha avuto da eccepire se non parolai come lei.