Luxottica guarda ad Amazon e l'ottico diventa «social»

Il gigante dell'occhialeria mondiale, Luxottica, punta su Internet rilevando Glasses.com, un sito di e-commerce che è però anche titolare di un'esclusiva tecnologia che consente la prova «virtuale» degli occhiali sul proprio volto con invio via mail. Il risultato sarà una specie di social network per la prova degli occhiali dove parenti e amici potranno esprimere la loro opinione. Una svolta, dunque, nella strategia distributiva nordamericana della società fondata da Leonardo del Vecchio, che ha accelerato l'internazionalizzazione da quando, nel 2004, è arrivato al timone Andrea Guerra. Il manager milanese, renziano di ferro, ha infati portato i 30 marchi prodotti da Luxottica, di cui 10 di proprietà diretta e gli altri in licenza, anche in Cina e in Sud America grazie a numerose acquisizioni di marchi e catene di negozi.
Ma, nel settore dell'occhialeria, dove Luxottica ha conquistato negli Usa marchi importanti come Ray-ban e Oakley, il mercato nordamericano è cruciale per la crescita. Il Vision Council e il gruppo italiano stimano infatti che, negli Stati Uniti e in Canada, il valore del mercato dell'eyewear sia di 35,5 miliardi di dollari e possa raggiungere 44-47 miliardi entro il 2020. E infatti, secondo i dati di bilancio 2012, la crescita di fatturato (7 miliardi) e utili (542 milioni), il massimo di sempre, era legata soprattutto all'espansione nel mercato Usa.
Quanto all'operazione si sa che il venditore è Wellpoint, la società americana che ha sviluppato la tecnologia della «prova virtuale». «L'acquisizione - ha spiegato l'ad Andrea Guerra - sarà il punto di partenza per creare una piattaforma digitale indipendente e unica, accessibile agli operatori del settore in Nord America, innovando l'esperienza di acquisto e migliorando la qualità di prodotti e servizi disponibili ai clienti finali».
Secondo gli analisti di Mediobanca la notizia rafforza la visione di un gruppo che è sempre all'avanguardia nel settore. «L'acquisizione però - spiegano gli esperti di Piazzetta Cuccia - è poco significativa dal punto di vista finanziario e non avrà impatto sui conti della società». Anche per gli analisti di Banca Akros l'accordo non influenzerà i dati finanziari, ma «crediamo che sia una notizia positiva, un investimento nell'innovazione in un canale che sta diventando sempre più importante». La casa d'affari conferma la raccomandazione accumulate sul titolo e prezzo obiettivo a 43,5 euro. Giudizio positivo anche da parte di MainFirst, che su Luxottica ha un parere outperform con target price a 43 euro. L'operazione glasses.com, nota MainFirst, non ha impatto sui fondamentali del gruppo, ma «è strategicamente importante per consolidarne la presenza in Nord America, il maggior mercato al mondo per il settore dell'occhialeria». Intermonte definisce «interessante l'acquisizione, perché aumenta l'esposizione all'online, mercato di dimensioni ancora molto limitate». Ieri, in Borsa, il titolo ha chiuso in flessione del 2,83%, a 38,14 euro. In un anno, però, la crescita è stata superiore al 20%.