In manovra arriva il "bonus verde" per ristrutturare giardini e terrazzi

Introdotte misure di sgravio fiscale per chi ristruttura terrazzi, balconi e giardini connessi ad unità abitative: bonus fino al 36%

C'è anche un "bonus verde" per chi intende ristrutturare giardini, terrazzi e balconi di casa fra le misure introdotte dalla nuova Legge di Bilancio allo studio del Parlamento.

Uno sconto fiscale del 36 per cento, spalmabile su dieci anni in detrazione Irpef per l'anno 2018. Vi è però un tetto massimo: le detrazioni non potranno essere superiori ai 5mila euro per ogni unità immobiliare destinata ad uso abitativo. Facendo qualche calcolo, i contribuenti che ristruttureranno i propri spazi a verde potranno avere diritto a uno sconto che arriva fino a 1800 euro, calcolati in 180 euro di detrazioni annuali spalmate nei prossimi dieci anni. A condizione naturalmente che si presentino le ricevute di bonifici e transazioni dei pagamenti sostenuti.

A beneficiare del bonus chi avvia lavori di ristrutturazione o chi acquista anche nuovi arredi, ma sempre per rinnovare l'ambiente in questione: ad esempio sono compresi nell'elenco tutti i lavori relativi non solo alla manutenzione ma anche alla progettazione e all'installazione di impianti di irrigazione, pozzi, recinzioni o coperture pensili.

Il testo della manovra scritta dal governo mira a fare ripartire le ristrutturazioni degli "esterni": la stima è di un giro d'affari da 1,2 miliardi di euro, di cui la metà indotti dalle nuove misure fiscali. Inoltre per incentivare l'adesione sono stati previsti sgravi sia per i singoli proprietari di unità immobiliari che per interi condomini, secondo un criterio di proporzionalità.

Commenti

alfa553

Gio, 02/11/2017 - 13:21

Ormai sono i governi a decidere come spendere i soldi e cosa fare ........vergogna

MARCO 34

Gio, 02/11/2017 - 13:50

Ho un terrazzo di circa 45 mq che, che secondo quanto previsto in questo articolo rientrerebbe nella fattispecie che potrebbe usufruire del bonus. Si da il caso, però, che il "bonus" decorrerà dal 2018, anno in cui compirò 84 anni, per cui per avere il beneficio dovrei garantirmi di arrivare ad almeno 94 anni. Chi me lo garantisce Gentiloni o Padoan? Non finiscono di prenderci per i fondelli. Credo che sarebbe molto meglio se questi soldi andassero, per esempio, all'AIRC, che potrebbe così fare ameno chi chiedere soldi ai cittadini a mezzo telefono!!!

silvano45

Gio, 02/11/2017 - 16:34

La casta e la sua corte deve rifare i giardini delle vile i terrazzi degli attici magari acquistati a prezzo di favore e quindi hanno necessità di risparmiare.Non ci sono altre spiegazioni a queste misure che lasciano il tempo che trovano

bengaltiger

Gio, 02/11/2017 - 17:22

Spalmabile in 10 anni.... mamifacciailpiacere!!!

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 02/11/2017 - 18:49

Dovrebbero dare il carcere per quegli incompetenti che hanno disegnato i progetti ed a quei mafiosi che le hanno costruite con materiali scadenti.

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 02/11/2017 - 18:58

Dovrebbero dare il carcere per quegli incompetenti che hanno disegnato i progetti ed a quei mafiosi che le hanno costruite con materiali scadenti. """Strano che il Colosseo, le Piramidi e molti lavori degli antichi Romani, malgrado le interperie dei secoli siano ancora ben visibili, mentre i lavori che i comunisti reggenti danno nelle mani delle "COOP-ROSSE", (nome dei militanti mafiosi di questo illegale governo), SI SBRICCIOLINO COME FOSSERO COSTRUITI CON PANTANO"""!!!

unosolo

Ven, 03/11/2017 - 14:37

che volponi , questo sistema forse serve a far uscire dal nero migliaia di persone che lavorano nelle ville in nero senza pagare ritenute , guarda caso saranno poi costoro ( una parte ovviamente ) a percepire una pensione che salirà sempre contro quella dei veri pensionati derubati da un governo ostile al lavoro ed è per questo che ha derubato i veri pensionati .