Manovra, stangate le imprese: più tasse per 6,2 miliardi

L'allarme della Cgia: il disegno di legge di Bilancio pesa sulle aziende che nel 2019 vedranno salire il prelievo fiscale

Se non sarà modificata la manovra economica rappresenta una vera e propria stangata per le imprese italiane, con un aggravio di tasse di 6,2 miliardi di euro. E in particolare 4,5 miliardi circa in capo alle imprese non finanziarie e quasi 1,8 miliardi a carico di banche e assicurazioni.

A dirlo è l'Ufficio studi della Cgia di Mestre che ha misurato gli effetti fiscali sulle aziende di ogni singolo articolo presente nel disegno di legge di Bilancio. Ebbene, tra nuove misure che appesantiranno la tassazione, la rimozione/differimento di altre che avrebbero dovuto essere applicate e l'introduzione di novità che invece alleggeriranno il prelievo, nel 2019 le imprese italiane subiranno un incremento di gettito di 6,2 miliardi di euro. Le cose, invece, andranno meglio nel 2020, quando la crescita del prelievo si ridurrà a soli 374 milioni di euro, per cambiare completamente segno nel 2021, quando il sistema delle imprese, le banche e le assicurazioni beneficeranno di una diminuzione del prelievo fiscale per un importo di circa un miliardo di euro.

"Il malumore che serpeggia tra il mondo delle imprese trova una parte di giustificazione nei risultati che emergono da questa ricerca", dice il coordinatore dell'Ufficio studi, Paolo Zabeo, "In campagna elettorale, in particolar modo al Nord, oltre al tema della sicurezza e allo smantellamento della legge Fornero, Lega e M5s hanno riscosso un forte consenso tra gli elettori perché si erano impegnati a tagliare pesantemente le tasse. Se con questa manovra e col decreto sicurezza una buona parte di questi impegni è stata mantenuta, sul fronte della riduzione delle imposte, invece, le aspettative, in particolar modo dei piccoli e medi imprenditori, sono state clamorosamente disattese".

Dalla Cgia fanno sapere che nel 2019 la pressione fiscale è destinata ad attestarsi al 41,8%. Tuttavia, questa previsione potrebbe salire in caso di crescita del Pil inferiore al valore programmato. "Certo con la legge di Bilancio attualmente in discussione alla Camera è stata introdotta la flat tax a favore dei lavoratori autonomi con ricavi inferiori a 65 mila euro all'anno", segnala il Segretario della Cgia, Renato Mason, "Nonostante ciò, nel 2019 l'alleggerimento fiscale sarà di soli 331 milioni di euro. Un piccolo passo nella giusta direzione che, comunque, rimane ancora del tutto insufficiente, anche se a regime il risparmio di imposta sarà di 1,3 miliardi di euro".

Va comunque ricordato che con la manovra 2019 è stato sterilizzato l'aumento dell'Iva per un importo di 12,6 miliardi di euro. Se ciò non fosse avvenuto, l'incremento delle aliquote non avrebbe avuto effetti diretti sulle imprese, anche se, molto probabilmente, i consumi sarebbero diminuiti ulteriormente, condizionando negativamente i ricavi, in particolar modo, dei lavoratori autonomi, degli artigiani e dei piccoli commercianti che vivono quasi esclusivamente dei consumi delle famiglie.

Dall'analisi dei singoli articoli emerge che nel 2019 la misura più negativa per le imprese è l'abrogazione dell'Iri (nuova imposta sui redditi delle società di persone con aliquota al 24%) che, dopo una serie di slittamenti avvenuti nella scorsa legislatura, doveva entrare in vigore l'anno prossimo. La mancata introduzione di questa nuova imposta non consentirà a queste piccole imprese in contabilità ordinaria di ridurre il carico fiscale per un importo di quasi 2 miliardi di euro. Le grandi imprese, invece, subiranno un aggravio di gettito importante, a seguito del differimento sia della deducibilità delle quote di ammortamento relative al valore dell'avviamento, sia della deducibilità delle riduzioni del valore dei crediti e altre attività finanziarie. Se la prima misura costerà alle aziende 1,3 miliardi di euro, la seconda, invece, quasi 1,2 miliardi.

Anche le banche e le assicurazioni subiranno una forte stangata che rischia di "riversarsi" su correntisti e investitori. Il differimento dal 2018 al 2026 della deducibilità della quota di perdite su crediti e svalutazioni relative agli anni precedenti comporterà un aggravio di gettito di pari a 950 milioni. Le assicurazioni, inoltre, vedranno aumentare la misura dell'acconto dell'imposta da versare all'erario per un costo di 832 milioni di euro.

Commenti

Jon

Sab, 01/12/2018 - 14:33

Dall'area Studi di Mediobanca si legge..: "A livello globale in 5 anni i colossi del ‘tech’ hanno eluso 71 miliardi di tasse grazie a domicili in paesi a fiscalità agevolata. Dal 2013 hanno ‘risparmiato’ oltre 48 miliardi, mentre i ricavi sono cresciuti del 123% a 626 miliardi.".. E non solo..: "i 13 giganti della rete fatturano 1,8 miliardi di euro, ma dichiarando utili ridicoli epagano appena 59 milioni di tasse." Questo e' il Punto: se non facciamo pagare le imposte alle Multinazionali non ci sata' mai sviluppo..

rokko

Sab, 01/12/2018 - 15:38

La ricetta giusta per invogliare le imprese ad investire!

cardellino

Sab, 01/12/2018 - 18:00

Tutto per gli investimenti e il lavoro. Da strapparsi i capelli. Bastaaaaaaaaa. A casa felpino montato e gerundino in nero ed evasore. Ora saranno tutti beceri comunisti tutti gli industriali e gli investitori che fuggono. Ma i due se ne vantano e tirano dritto. Il problema è che non si schiantano loro che sarebbe un bene per il Paese, loro se la godono, ma è l'Italia che sta andando in malora. Pres. Mattarella usi tutti i suoi poteri. Non attenda più la scongiuro

Marguerite

Sab, 01/12/2018 - 18:53

E questo non sarebbe un governo comunista ????!??

Duka

Dom, 02/12/2018 - 07:56

Ma se il SALVINI ha sbraitato per mesi : FLAT TAX AL 15% e dove è finita? Forse è andato a scuola dal grillo parlante che gli ha insegnato come si fregano i cittadini -

gpl_srl@yahoo.it

Dom, 02/12/2018 - 08:50

Questo salvini comincia a rompere: capira presto che come si puo salire in fretta in modo altrettanto veloce si puo precipitare!

cir

Dom, 02/12/2018 - 18:14

quante caxxxxate si sentono ! se bastasse investire per creare lavoro redditizio per tutti si sarebbe gia' fatto da secoli , siamo pieni di denaro. Il problema e' cosa produrre per vendere con margine di guadagno per tutti e sapere a chi venderlo , a meno che non si inventino balle tipo rottamare qualsiasi cosa per ricostruirla . Solo dei tossici la pensano cosi' , e sono tanti !!

flip

Lun, 03/12/2018 - 09:13

e così l'inflazione arriva alle stelle e addio ai consumi PIRLAAAAAA!

flip

Lun, 03/12/2018 - 11:17

data la precaria sirtuazione economica,sarebbe ora di rivedere il sistema di calcolo dei mutui,leasing e prestiti al consumo. attualmente è un vero furto.

cir

Lun, 03/12/2018 - 20:35

flip : smettila di sparare cavolate. I mutui costano quasi nulla , Il leasing e' fortemente drogato per il fatto che puo' essere scaricato completamente , sia interesse che capitale . i prestiti a consumo sono una fregatura .

JoBanana

Lun, 03/12/2018 - 20:37

Hahaha 1.5% di crescita diceva la banda dei quattro. Adesso ne siamo certi !! Sono al meglio dei cxxxxxi ma preferisco disonesti.

JoBanana

Lun, 03/12/2018 - 20:39

Avete notato? Salvini cinguetta molto meno questi ultimi giorni. Occupato forse alla sua dichiarazione di tasse?